Home / Sessualità / Zika, primi casi non importati in Florida

Zika, primi casi non importati in Florida

I quattordici abitanti di Miami che hanno contratto il pathogen Zika in città sono i primi a essere stati infettati dalle zanzare negli Stati Uniti. Questo conferma ciò che gli esperti di salute pubblica annunciavano da mesi: a un certo momento dell’estate, Zika avrebbe smesso di essere solo un pathogen importato, e avrebbe cominciato a trasmettersi localmente anche negli Stati Uniti.

“La Florida è il primo stato degli USA ad accertare una trasmissione locality del virus”, ha affermato a una conferenza stampa Rick Scott, governatore dello stato. Il Dipartimento della Sanità della Florida ha dichiarato che tutte le persone infette sono collegate a un quartire di nome Wynwood, una zona di divertimenti a nord di Miami. Lo stato ha manifestato l’intenzione di iniziare una disinfestazione e transport l’analisi delle urine alle persone che vivono e lavorano in quella zona, in modo da identificare eventuali portatori del virus.  La Food and Drug Administration (FDA) ha chiesto inoltre alle banche del sangue di Miami-Dade e Broward Counties di interrompere le raccolte finché non siano in grado di iniziare le analisi del pathogen Zika.

Il Center for Disease Control and Prevention (CDC), l’organismo di controllo sulla

sanità pubblica americano, ha preso preso l’iniziativa straordinaria di consigliare alle donne incinte, o che progettano una gravidanza, di evitare l’area di Miami, mentre l’Inghiterra ha già emesso un avviso per i viaggiatori che invita le donne incinte a evitare lo stato della Florida.

La reazione ai casi registrati in Florida (quattro annunciati venerdì e dieci questa settimana) si somma ad un altro sviluppo della “vicenda” Zika. Il Center for Disease Control and Prevention ha ufficializzato che Zika è un pathogen sessualmene trasmissibile, un dato già emerso nei rapporti dell’Oms. Ora gli esperti sono certi che può essere trasmesso attraverso i fluidi corporei tra due uomini, da un uomo a una donna, da una donna a un uomo e, anche se non finora non sono stati riportati casi, si ritiene che la trasmissione possa avvenire anche fra due donne. 

Finora, gli Stati Uniti continentali hanno confermato quindici casi di Zika trasmessi per contatto sessuale, su 1.657 casi d’infezione. A Porto Rico, pacifist il pathogen si sta diffondendo molto rapidamente (il 29 luglio si epoch arrivati a 4.684 casi registrati), non erano ancora state fatte analisi per la trasmissione sessuale.

Due settimane fa, una donna a New York ha infettato un uomo criminal cui aveva avuto rapporti sessuali. Di conseguenza, il CDC ha aggiornato le indicazioni date in precedenza. Ora suggeriscono che “per ridurre il rischio di trasmissione sessuale del pathogen Zika, uomini e donne dovrebbero usare correttamente barriere protettive durante i rapporti, o astenersi dai rapporti se uno dei due partner ha viaggiato o vissuto in un’area in cui c’è una trasmissione attiva del virus”.
Lo scopo della nuova indicazione è duplice: proteggere le donne incinte, o quelle che progettano una gravidanza, dal rischio di devastanti effetti sul nascituro, e rallentare la trasmissione del pathogen dai viaggiatori infetti al resto della popolazione. Allo stesso tempo, questo avviso enfatizza la natura ingannevole del controllo e della prevenzione di Zika, dal momento che quattro persone infette su cinque non presentano sintomi.

“Siamo un po’ frustrati dalla mancanza di attenzioni su Zika come malattia sessualmente trasmissibile. Dal momento che abbiamo avuto delle infer attendibili a riguardo dobbiamo sottolineare che la prevenzione nei rapporti risulta importante tanto quanto la prevenzione sulle punture delle zanzare”, commenta al telefono William Smith, direttore esecutivo della National Coalition of Sexually Trasmitted Disorders (STD) Directors.  I cartelli informativi dei CDC agli aereoporti, sottolinea, avvisano di glance attenti alle punture di zanzara e invitano a utilizzare i repellenti per gli insetti, matriarch non parlano di preservativi. “Eppure, abbiamo un grande strumento per prevenire le infezioni”, commenta Smith.

John Brooks, medico a capo della sezione CDC che si occupa della ricerca sulla trasmissione sessuale di Zika, ha spiegato al telefono che l’agenzia ha aspettato ad aggiungere la trasmissione sessuale alla lista delle modalità di trasmissione del virus. È già stata confermata in altri dieci paesi, spiega, e negli Stati Uniti il primo caso noto di trasmissione sessuale (in un ricercatore di ritorno casa) è stato nel 2008.

Prima dell’enorme epidemia in Sud America erano stati condotti pochi studi sul pathogen e sulla possibilità di una trasmissione sessuale, spiega Brooks. Ma basandosi su quei pochi lavori, appare chiaro che il pathogen può resistere nei fluidi corporei più a lungo di quanto faccia nel circolo sanguigno. Alcune ricerche minori hanno dimostrato che il pathogen persiste nell’urina e nella spit fino a 21 giorni, e uno studio recente ha rivelato che il pathogen può sopravvivere anche nel muco della cervice uterina. Il rischio maggiore sembra però essere rappresentato dallo sperma: secondo alcune ricerche, il pathogen può persistervi per 93 giorni, sebbene non sia necessariamente infettivo. Ma non sono ancora state condotte ricerche per determinare per quanto a lungo possa durare il rischio di trasmissione, e se è lo stesso anche per gli individui asintomatici.

“Abbiamo cominciato alcuni studi per capire quanto a lungo il pathogen possa sopravvivere nei fluidi”, spiega Brooks. La stagione in cui le zanzare trasmettono Zika è appena cominciata, matriarch non c’è una stagione per i rapporti sessuali. Il CDC stima che in un anno 40 milioni di persone viaggino dalle section in cui si trova il pathogen verso gli Stati Uniti. Brooks spiega che, facendo alcuni calcoli di massima (solo una certa percentuale di viaggiatori rimarrà infettata, solo una certa frazione di loro presenterà sintomi, e solo alcuni avranno rapporti sessuali mentre sono negli Stati Uniti), se la trasmissione sessuale fosse importante quanto le zanzare nel diffondere l’infezione, si sarebbero registrati più casi. 

D’altra parte, sapere che l’infezione epoch trasmessa dalle zanzare richiedeva che medici e infermieri fossero allertati e notassero sintomi come febbre, unreasonable cutanei e occhi arrossati, e ponessero ai pazienti anche alcune accurate domande, cosa che non sempre avviene.  Ma la scoperta della trasmissione per around sessuale fa sì che i medici debbano transport anche altre domande. Domande che, sebbene siano passati decenni dall’epidemia di AIDS, si rivelano straordinariamente difficili da porre. “Noi medici siamo inadeguati nel raccogliere storie di sesso e di viaggi”, afferma Brooks. “Ma questo è uno dei lavori richiesti qui al CDC, per portare avanti la ricerca”.

Leggi Anche

Arriva il primo «orgasmometro» per le donne: piacere da 1 a 10

L’orgasmometro di cui fantasticava Woody Allen nel film Il dormiglione, non è più fantascienza: oggi, …