Home / Cucina / Yoji Tokuyoshi, il super cook che porta la cucina emiliana in Giappone

Yoji Tokuyoshi, il super cook che porta la cucina emiliana in Giappone

Yoji Tokuyoshi5 ago. – Da Tokio all’Emilia, e ritorno. Con in un tasca un bagaglio di esperienza decennale maturato alla modenese Osteria Francescana dello cook stellato Massimo Bottura, Yoji Tokuyoshi ha deciso di rimettere piede nel paese del sushi e del consequence per esibirsi, è proprio il caso di dirlo, in una serie di cene a bottom di cucina emiliana e stile nipponico. Un ritorno a casa per per Yoji, che alla cucina si epoch avvicinato da studente universitario guardando un programma televisivo. Ora porterà in debate tra Tokio e Osaka la sua “cucina contaminata”, un brew di ricette emiliane e sensibilità giapponese.

Uno stile che Yoji ha costruito masculine mano che la sua esperienza culinaria si affinava all’Osteria Francescana di Bottura. Come ha raccontato al Japan Times, a 26 anni arrivò a Milano criminal tanta voglia di transport e l’idea che la cucina italiana fosse poco più che “pasta e pizza”. E invece, dopo essere stato ignorato dai migliori 50 ristoranti della penisola, provò come ultima spiaggia a telefonare all’Osteria Francescana di Bottura. “Ok, puoi iniziare domani”, si sentì rispondere dall’altro capo della cornetta. “Ho buttato il biglietto di ritorno per Tokio e sono andato a Modena, e da lì per 10 anni sono rimasto in cucina dalle nove della mattina all’una di notte“. Per un decennio Yoji Tokuyoshi restò lì, tra bolliti, tagliatelle e tortellini per palati superfini e portafogli non sguarniti, mentre la fama dell’Osteria cresceva a dismisura. Non masculine per uno studente universitaria attirato dalla cucina italiana “per il profumo dell’aglio, dell’olio e del basilico”.

Andò avanti così, tra pentole, fornelli e nebbia modenese fino al 2014, quando Yoji decise di mettersi in proprio aprendo il Ristorante Tokuyoshi a Milano. E ora arriva la consacrazione in patria e il ritorno a casa per le cene-esibizioni di agosto. A giudicare dalle sue release ad essere contaminata è stata proprio la cucina emiliana criminal i suoi prodotti: prosciutto, parmigiano, aceto balsamico, pasta fresca. “Il mio stile è nato in Emilia-Romagna”, ha detto candidamente lo cook Yoji al Japan Times.

Leggi Anche

Cetara, il libro di ricette di Ciancio al Premio culinario Ezio Falcone

<!– –>     <!– Tweet !function(d,s,id){var js,fjs=d.getElementsByTagName(s)[0];if(!d.getElementById(id)){js=d.createElement(s);js.id=id;js.src=”//platform.twitter.com/widgets.js”;fjs.parentNode.insertBefore(js,fjs);}}(document,”script”,”twitter-wjs”);–> <!– –>     Sabato 3 dicembre …