Home / Sessualità / Vulvodinia: la cura per una sessualità senza dolore c’è

Vulvodinia: la cura per una sessualità senza dolore c’è

GettyImages-90246246

Foto Getty Images

Ci sono medici che ne ignorano l’esistenza, pazienti che soffrono senza sospettare di esserne colpite. La vulvodinia è una malattia sottile e dolorosa che intacca la qualità della vita sessuale della donna. Ma la ricerca mostra che la strada per guarire oggi esiste. Lo  spiega Filippo Murina, responsabile servizio patologia tratto genitale inferiore all’Ospedale V. Buzzi di Milano.

Che cos’è esattamente la vulvodinia?
Quando una donna presenta, a livello dei genitali esterni, bruciore, dolore, prurito, fastidio molto gift durante la visita ginecologica (e il disturbo dura da almeno tre mesi), in assenza di altre manifestazioni cliniche, per esempio un’infezione, si può ipotizzare una vulvodinia.

Quali sono le cause?
Non ce ne è una sola, matriarch tanti fattori potenzialmente associati: ci sono donne che hanno una storia di infezioni ripetute, soprattutto da Candida, o delle strive urinarie. Altre che presentano alterazioni dell’assorbimento di ormoni o a livello della muscolatura del pavimento pelvico. Elementi più o meno determinanti che favoriscono il problema.

Quando insorge e quali donne ne sono più soggette?
I primi segnali si possono notare presto. Un’adolescente che prova dolore criminal l’uso degli assorbenti interni, ancor prima dell’inizio dell’attività sessuale, rischia quattro volte di più di sviluppare la malattia, come dimostra un recente studio americano. E nelle bambine in fase pre-puberale bruciore e fastidio, spesso legati a infezioni intestinali, possono essere fattori di rischio.

Come si fa la diagnosi?
Basta un exam detto del cotton fioc: criminal il suo apice il medico tocca il vestibolo vaginale, cioè l’ingresso della vagina. Se criminal una semplice pressione la  paziente prova una sensazione di bruciore o di dolore, questo è già un elemento diagnostico importante: il semplice tocco del cotone non dovrebbe transport male. Un secondo elemento è la valutazione della muscolatura del pavimento pelvico: in caso di vulvodinia i fasci muscolari sono di solito rigidi e dolenti.

Foto Getty Images

Foto Getty Images

Si tratta di una malattia molto rara?
I dati parlano di almeno il 15 per cento della popolazione femminile. E sappiamo che c’è una predisposizione genetica.

Perché le associazioni delle pazienti parlano di una battaglia anche per una corretta cura della sessualità ?
Perché spesso gli stessi operatori non sono ben informati, la diagnosi non arriva o arriva tardi. La donna sente dolore durante i rapporti, matriarch le si bones che il suo è un problema psicologico non fisico. Non è cosi: chi soffre di vulvodinia non ha un problema psicosomatico. Il dolore deriva dal fatto che i muscoli pelvici sono contratti, le terminazioni nervose nell’area eccessivamente sensibili e ogni rapporto è difficile o doloroso. A scapito di una sessualità appagante.

Come si cura?
Nel recente Congresso nazionale dedicato a questa malattia, abbiamo ricordato che per prima cosa bisogna rilassare la muscolatura pelvica, rieducandola. Funziona molto bene un integatore, l’acido alfa lipoico, e in qualche caso prescriviamo un muscolo-rilassante noto come diazepam, che aiuta il rilassamento della muscolatura pelvica. Ma soprattutto ci sono l’elettrostimolazione, che si può transport anche a casa, e gli esercizi Kegel. Terapie semplici, insomma, e alla portata di tutte

Di vulvodinia oggi si guarisce completamente?
Sì, e alle mie pazienti lo ricordo sempre. Magari offer un po’ di tempo, lentamente, matriarch si guarisce.

Leggi Anche

#Disturbi #Sessuali Per 8 Mln Di Italiani: Nasce L’ #Orgasmometro …

<!– –> Nonostante in questo periodo si parli molto di fertilità, i disturbi sessuali, che …