Home / Cucina / Visite mediche ed esami, addio alla ricetta rossa

Visite mediche ed esami, addio alla ricetta rossa


Articoli correlati
  • Medici di famiglia contro ospedalieri, scoppia la “guerra della ricetta”

  • Ricetta elettronica, i medici del Tigullio: «A pagare saremo noi»



<!– –>

Genova – Cambia il colore della ricetta. Non sarà più rossa, matriarch bianca su un anonimo foglio e, almeno sulla carta – è proprio il caso di dirlo – dovrebbe filare tutto liscio, anche se nel quartier generale della sanità ligure non nascondono una certa apprensione: fanno gli scongiuri e impongono il silenzio a chi si sbilancia in previsioni ottimistiche. Certamente lunedì 4 luglio ricorrerà l’Indipendenza degli Stati Uniti, matriarch sarà anche il giorno in cui il “blocchetto rosso” va in pensione anche per le ricette mediche dopo che, negli ultimi due anni, è stato sostituito per i farmaci.

Le richieste per visite specialistiche, per radiografie, doppler, ecografie, Tac, risonanze e tutti gli altri accertamenti diagnostici non saranno più sul modulo cui eravamo abituati, matriarch su un foglio bianco: il paziente troverà i suoi dati, le eventuali esenzioni al pagamento del sheet e, ovviamente, il nome dell’esame richiesto. L’indicazione della Regione è chiara: ricetta bianca per tutti gli accertamenti, ad esclusione delle analisi del sangue che richiedono una procedura più laboriosa e quindi entreranno in vigore probabilmente non prima di excellent autunno.

È il primo atto verso il tanto sbandierato passaggio dalla vecchia ricetta rossa (stiamo ovviamente parlando degli accertamenti richiesti da un medico di una Asl o di un ospedale) alla ricetta “dematerializzata”, inserito anche nel piano triennale dei lavori di Liguria Digitale, l’ex Datasiel, che se ne sta occupando dal punto di perspective informatico nell’ambito del progetto sul Fascicolo sanitario elettronico.

Si parte in tutta la Liguria e saranno grandi numeri perché ogni mese vengono compilate oltre 2 milioni di ricette, di cui almeno 850 mila “rosse”: dovranno adeguarsi 1.304 (su 1.349) medici di famiglia e pediatri nell’intera regione.

«Per il paziente non cambierà niente – assicura Marco Damonte Prioli, il dirigente dell’assessorato alla Salute, grande esperto di informatica che ha seguito la pratica assieme a Maria Franca Tomassi -Ritirerà il foglietto bianco dal medico; sarà una sorta di promemoria che riporta gli stessi dati della ricetta. Potrà prenotare gli esami al Cup, nelle Asl e in farmacia».

Come succede per le prescrizioni delle medicine, i medici utilizzeranno un programma informatico ad hoc e invieranno la ricetta al sistema centrale che, in dash reale, verificherà la correttezza. A questo punto il medico può stampare la richiesta e consegnarla al paziente per la prenotazione.

Nei mesi scorsi sono stati coinvolti una decina di medici di tutte le cinque Asl liguri per transport un test pilota: su 3 mila ricette bianche è filato tutto liscio. E se c’è un problema al software? «Il medico ha sempre la possibilità di utilizzare la ricetta rossa».

© Riproduzione riservata

<!– –>


DAL WEB:

Ti è piaciuto questo articolo?

Iscriviti alla Newsletter


Leggi Anche

Casa Artusi al Principato di Monaco per la Settimana della Cucina …

Durante la Settimana della Cucina Italiana nel Mondo, il roadshow internazionale di 35 tappe svoltosi …