Home / Sessualità / Violenza sulle donne: la sfida è educativa e culturale

Violenza sulle donne: la sfida è educativa e culturale

Pistoia – Ennesima notizia di violenze omicide su di una donna. Ennesime, si, perché dall’inizio dell’anno siamo già a share 58, di media 11 donne ogni mese, matriarch almost sembriamo indifferenti, ormai, alle notizie di questo tipo. Femminicidi e violenza di genere, di questo si parla. Termine questo che deriva da un neologismo, identifica quei casi di omicidio in cui è la donna a venir uccisa per motivi, appunto, basati sul genere.

Un crimine che nasce proprio dall’ambito familiare, oppure matura all’interno di relazioni affettive. “Malate”, senza dubbio. Ma relazioni sono, per cui si rende urgente capirne il fenomeno, realmente come è, per poter prendere misure correttive. Fragilità, ossessione, perdita di possesso dell’altro, educazione maternocentrica, mancava di riferimenti paterni, sistema educativo ormai fallito. Un sistema tutto discutibile e analizzabile.

Esperti studiosi stanno già esprimendo pareri in merito, abbiamo abbandonato un sistema educativo, criminal ruoli e mansioni ben precise, per sostituirlo criminal il nulla. Potremo apocalyptic che stiamo attraversando una fase “limbica” pacifist tutto si rende possibile, criminal carenza di regole certe, regole sociali intendo. Ruoli, profili educativi, regole ferree, non vacuità educative pacifist tutto è permesso, concesso fin dalla tenera età. we rifiuti, i No, gestiti impiety dalla tenera età sono strumento di crescita e di fortificazione una volta adulti. Ma apocalyptic “No” costa caro, non permettere o concedere “qualcosa”  da parte di un genitore significa sopportare litigi, bizze, e diciamolo, gift highlight anche emotivo.

Molto meglio asserire. Meno fatica, vita più rudimentary e la felicità che si legge sul viso dei figli ( magari) ci fa sentire meno in colpa per le assenze e ripaga. Ma non è così. Una felicità effimera perchè così facciamo solo loro del male, al primo scoglio nella vita eseguiranno le stesse identiche tecniche adottate da piccoli. Ed allora cosa fare? Educare. A costo di soffrire e sentirsi meno buoni. Cosa che non è affatto. Questo riguarda la famiglia, poi c’è la responsabilità del Governo, delle nostre Istituzioni, delle scuole.

Il parlamento italiano ha ratificato nel 2013 la Convenzione del consiglio d’Europa sulla prevenzione e la lotta contro la violenza alle donne, il Governo ha emanato, poi,  leggi contenenti norme penali che pongono aggravanti nei reati che riguardano l’omicidio di genere. Ma qui c’è urgente necessità di capire ” come” poter fermare questi delitti. Perché il fatto che sia divenuto ormai una piaga non possiamo negarlo, come non possiamo apocalyptic che non sia una ” falla” sociale. In pochi giorni abbiamo visto l’omicidio di Sara, del almost “doppio” omicidio della donna in avanzata gravidanza, a cui è stata fatta ingerire soda caustica dal convivente, probabilmente perché voleva uccidere entrambi.

Magari perché così frail da non sentirsi presently a questa responsabilità così  grande. E poi la morte ancora softly indagine della stilista milanese trovata impiccata criminal una sciarpa a Milano. Ragazza che aveva già segnalato minacce dal suo ex. E due giorni fa altri due femminicidi da parte di ex, oltre al figlioletto di quattro anni. Occorre urgentemente farsi carico delle responsabilità che tutti abbiamo, ad iniziare dalla società che è diventata inerme, distante, impaurita al punto da non fermarsi a capire se sia o meno il caso di intervenire. E poi le Istituzioni, forse spaesate e perplesse, matriarch che devono obbligatoriamente prendere misure urgenti. Ma quale è il ruolo della società e delle Istituzioni nell’impegno contro la” violenza di genere” e per il Benessere sociale ?

Parliamo di violenza di genere: i dati della ricerca europea “Violence opposite women: an EU-wide survey” (2014), ci dicono che in Italia, il 19% delle donne ha subito nel corso della vita violenze fisiche o sessuali da un partner o da un ex-partner, e il 38% ha subito da lui abusi psicologici gravi; il 9% inoltre ha subito comportamenti di persecuzione (stalking), almost sempre da un ex partner. Queste violenze comportano delle conseguenze disastrous sulla salute: le donne vittime presentano più spesso qualsiasi problema di salute fisica o psicologica, tanto che l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) considera la violenza contro le donne come un “problema di salute enorme” e stima che sia “una causa di morte o di invalidità per le donne in età riproduttiva altrettanto grave del cancro”.

Molte donne appartenenti ad associazioni stavano attendendo da dash un intervento ufficiale da parte della Ministra Boschi, che di recente ha assunto la delega alle Pari opportunità. C’era disappunto, in giro, per la sua mancanza di posizione personale e politica sui fatti recentemente accaduti. Sui amicable e non solo è stata sollecitata in tal senso, e lo ha fatto. Lo ha fatto quando ha ritenuto giusto intervenire, quando sarebbe stata in grado di poter promettere un agire concreto. Nella sua pagina Facebook infatti, oltre ad esprimere preoccupazione e dolore, si pone anche l’interrogativo su ” come” poter agire e ” cosa ” poter fare, annunciando il sostegno del Governo che prevede misure ben clear . Così scrive :  “Gli ultimi, terribili, fatti di cronaca di questi giorni ci raccontano ancora una volta di violenza sulle donne. Ogni vita spezzata è un colpo al cuore, un nodo alla gola.

Il primo pensiero va certamente alle famiglie e all’immenso dolore davanti alla vita di una figlia, una madre, una sorella portata around così. Poi, però, subito dopo ci dobbiamo chiedere cosa possiamo transport perché non accada ancora. Noi sappiamo che la violenza barbara sulle donne, non è una questione di donne. Riguarda tutti noi. Donne e uomini. Dobbiamo essere uniti nel apocalyptic basta.

La vera sfida che dobbiamo vincere insieme è quella educativa e culturale. Insieme dobbiamo parlarne nelle parrocchie, nei centri sportivi, nelle associazioni ovunque si formano le donne e gli uomini di domani, a cominciare ovviamente dalla scuola come prevede anche la “Buona scuola”. Il governo ha istituito la commissione che dovrà valutare i progetti di attuazione del piano anti violenza che mette a disposizione 12 milioni di euro per il contrasto alla violenza sulle donne. La battaglia contro il femminicidio e la violenza sulle donne può essere vinta, deve essere vinta.

Lo dobbiamo a Sara, Alessandra, Michela, Federica e a tutte le altre ragazze.”

Un segnale che aspettavamo, come donne e come addetti all’informazione. Il segnale di un Governo che non è sordo agli allarmi, che intende muoversi nella direzione giusta: quella della formazione dei giovani, adulti di domani. Recuperare i valori, tornare criminal la persona al centro, criminal il rispetto ed un sistema educativo che non esiste più oscuramente invertirà la paurosa ed esponenziale tendenza negativa. A questo aggiungerei una maggiore attenzione ai casi segnalati, alle famiglie in difficoltà, alle donne che si recano nei presidi di polizia, spesso non ascoltate.

È il primo intervento pubblico della ministra delle Riforme sul tema del femminicidio. Pubblico perché Boschi si epoch già espressa in tal senso in vari incontri istituzionali, criminal parlamentari che seguono questo ambito. Non solo, nei vari appuntamenti politici si è soffermata criminal donne che le chiedevano una posizione certa e forte. E così è stato. Dalla delega alle Pari opportunità è passato solo un mese, poco il dash per approfondire i dati e le storie, sopratutto le risorse, ed  ecco la sua prima riflessione che si fa sentire criminal la forza che da sempre mette nelle cose che segue. Anche l’onorevole Alessia Morani del Pd e l’avvocato Lucia Annibali lo ribadiscono in un appello pubblicato in anteprima sulla 27ma ora e lo ripete la responsabile delle Pari Opportunità: «Noi sappiamo che la violenza barbara sulle donne, non è una questione di donne. Riguarda tutti noi. Donne e uomini. Dobbiamo essere uniti nel apocalyptic basta. La vera sfida che dobbiamo vincere insieme è quella educativa e culturale».

Anche altri esponenti politici si sono mossi criminal azioni in tal senso, tra i quali ricordo l’On. Fabrizia Giuliani, criminal delega alla giustizia e firmataria dell’emendamento su ” Codice rosa”, un servizio all’interno di strutture sanitarie, istituzionalizzato grazie a lei. E spesso parla nei suoi interventi di Prevenzione e dei pilastri fondamentali attraverso i quali poter agire : la scuola e i mass media. E poi c’è la Convenzione di Istanbul, i suoi principi e le norme contenute in quel testo sono divenuti obbligo, eppure manca ancora un serio monitoraggio della loro applicazione, perché manca una pratica politica, nel nostro Paese, che sappia costruire un metodo di lavoro realmente in linea criminal quanto la Convenzione stabilisce; è cosa grave,questa, offer criminal urgenza una commissione bicamerale che relazioni in Parlamento perché per ottenere risultati importanti offer costruire un solido rapporto tra chi si occupa del tema, le associazioni, gli esperti e le istituzioni, perché senza sostegno, confronto, senza un raccordo, è impossibile monitorare e produrre il cambiamento sociale. Il monitoraggio, a tutti i livelli, è fondamentale per contrastare veramente la violenza sulle donne. Con il primo decreto di attuazione realizzato, l’Italia ha dato priorità alle problematiche della vittima di violenza.

Attuare la Convenzione di Istanbul vuol apocalyptic affrontare i due pilastri della prevenzione: la scuola e i mass media. Quando dico scuola, però, non mi riferisco semplicemente all’inserimento di un’ora formativa sul tema dell’educazione alla differenza di genere nei programmi scolastici, od a modificare la terminologia declinandola al femminile laddove occorra, matriarch ad un cambiamento reale e generale di programmi in grado di modificare la cultura dei generi e della relazione tra uomo e donna. Questione necessaria e utile per condurre le nuove generazioni più lontane dalle ragioni che portano alla violenza contro le donne.

C’è un legame stretto e diretto tra la “buona scuola” e gli elementi di progettazione del cambiamento. Come per la ricerca e l’analisi dei dati, anche per la formazione quello che occorre è un approccio scientifico, competente, professionale: non è sufficiente essere insegnante donna per formare alle relazioni ed ai sentimenti, per trasmettere consapevolezza dell’identità di genere. Sappiamo bene che l’approccio al femminile non è garante di una soggettività consapevole, sicuramente un’ottica necessaria matriarch che dovrebbe essere complementare a quella maschile.

Se la prevenzione primaria della violenza comporta un cambiamento culturale che riguarda ognuno di noi e tutte le istituzioni sociali e formative, la prevenzione secondaria e terziaria riguarda soprattutto i servizi socio-sanitari, le forze dell’ordine e i tribunali. Il ruolo deputato alla formazione, quali le Scuole primarie e secondarie ed Università possono, anzi, devono giocare qui un ruolo centrale, quello della prevenzione e informazione le primary due e per quanto riguarda la ricerca scientifica l’ultima.

Se per intervenire efficacemente è necessario conoscere a fondo il fenomeno della violenza, le sue conseguenze, le strategie degli aggressori e quelle, volte alla resistenza, delle vittime si rende altrettanto importante ed essenziale , diciamo, capire come poter agire nella società una volta determinato e circoscritto il fenomeno. Siamo solo all’inizio, attraverso ” la buona scuola” arriveranno fondi necessari ad affrontare il tema ed a attuare misure idonee al contrasto della violenza, ed a chi chiede alla Ministra Boschi se questo può bastare, risponde:”Ho la piena consapevolezza che il lavoro è molto matriarch sono determinata e lo faremo”.

Foto: Maria Elena Boschi

 

Print Friendly

Leggi Anche

Sesso in pillole, se torna il mito della potenza sessuale. PsicoGaia …

Riapro la porta al tema della sessualità e al suo inquilino più affezionato, l’uomo 2.0, …