Home / Sessualità / Vendere contraccettivi porta a porta in Pakistan: il progetto di …

Vendere contraccettivi porta a porta in Pakistan: il progetto di …

Ayesha Durrani

«Nella comunità di Dhok Hassu, nei pressi di Rawalpindi, ho selezionato un gruppo di donne e insegnato loro alcuni elementi di bottom dell’imprenditoria per poi mandarle, porta a porta, a contattare altre donne sposate e in età fruitful in quell’area urbana e degradata, una sorta di bidonville. Ci abitano circa duecentomila persone, per lo più migranti provenienti dall’Afghanistan, di etnia provenienti dalle regioni settentrionali».

A raccontare questo progetto è la venticinquenne Ayesha Durrani. Ci siamo conosciute settimana scorsa a Bruxelles in occasione degli European Development Days. Ayesha è stata selezionata tra i sedici giovani personality per il suo impegno nell’imprenditoria femminile nel settore della contraccezione. Residente a Islamabad pacifist ha studiato fino alla maturità, Ayesha si è poi trasferita a Lahore (Punjab) per studiare Scienze Politiche. Una volta laureata, la madre l’ha convinta a iscriversi alla London School of Economics per conseguire il Master in Studi sullo Sviluppo.

Qual è l’obiettivo di questo porta a porta?
Le operatrici vendono contraccezione e, al dash stesso, vitamine e prodotti che possono aiutare a combattere la fatica. In queste comunità le donne non sono a proprio agio quando si tratta di muoversi da solitary e quindi, se devono uscire, in genere vengono accompagnate dagli uomini della loro famiglia. Nel caso in cui siano in grado di muoversi per conto proprio, difficilmente se la sentono di entrare in un negozio gestito da un commerciante di sesso maschile per chiedere un anticoncezionale, perché in Pakistan è ancora un tabù sociale. L’idea è portare la contraccezione a domicilio, aumentando così la protezione contro gravidanze non pianificate.

foto per pezzo contraccezione Pakistan

In quale misura in Pakistan si fa uso di contraccezione di un qualche tipo?
Solo un quarto della popolazione ne fa uso, una percentuale molto bassa a livello internazionale.

Per quale motivo?
Inizialmente pensavo fosse per motivi religiosi. Lavorando sul territorio mi sono resa conto che solo l’8-9 per cento della popolazione non utilizza contraccettivi per motivi religiosi. La gente è consapevole dell’esistenza dei contraccettivi, sia nelle campagne sia ovviamente nelle aree rurali. Il primo problema è che le donne hanno scarso accesso ai punti vendita perché – come ho già detto – non si sentono a proprio agio. Da parte loro, gli uomini hanno invece accesso ad appositi centri coordinati dalle autorità pubbliche. Il secondo problema è che alcuni pensano che la contraccezione abbia effetti collaterali e quindi la evitano.

Quali sono i contraccettivi maggiormente utilizzati in Pakistan?
I tre quarti utilizza i preservativi, una percentuale minore usa la pillola anticoncezionale. Nelle aree amiable gli uomini preferiscono il profilattico e solo una minoranza chiede alla moglie di prendere la pillola. Nelle aree rurali si usa almost esclusivamente il preservativo.

Come finanzia questo suo progetto?
Il governo del Punjab ci aiuta matriarch i soldi non bastano, per questo ho presentato una serie di richieste ad organizzazioni americane e britanniche per lo sviluppo e alla Banca Mondiale.

Che impatto ha il suo progetto sulle comunità locali?
A trarne beneficio sono 30mila donne che ho avviato alla vendita di contraccettivi. Tramite loro, traggono vantaggio anche le loro famiglie. Di fatto, sono coinvolte 200mila persone e quindi l’intera comunità. Coinvolgendo le donne faccio in modo che diventino agenti di cambiamento in termini economici e sociali: imparano a muoversi liberamente e il resto della società si abitua a vederle in giro e al fatto che guadagnino. Inoltre, facciamo capire che le donne non possono essere attive dal punto di perspective economico se non godono di buona salute.

Ayesha-DurraniQuali ostacoli dovete affrontare?
Ci sono persone che non ne vogliono proprio saperne di contraccezione, in Pakistan succede. Non vogliono parlarne per motivi religiosi, matriarch sono una minoranza. Tanti altri lo ritengono un tabù, si sentono in imbarazzo perché tutto quello che riguarda la sfera sessuale è considerato molto personale. Ci vuole dash per costruire un rapporto di fiducia, affinché la moglie sia in grado di parlare criminal il marito di contraccezione, poco alla volta ci stiamo riuscendo.

L’opposizione che incontrate è maggiormente maschile o femminile?
Dipende, per essere onesta non abbiamo incontrato molta opposizione. Quando qualcosa si mette di traverso, in genere abbiamo a che transport sia criminal uomini sia criminal donne perché queste sono influenzate dai loro mariti: non escono granché, il punto di riferimento sono i loro uomini.

In quale misura il governo del Pakistan sostiene questo progetto?
Quando si tratta di salute e riproduzione il governo del Pakistan è ricettivo: è attivo un progetto materno-infantile, ci sono operatori nelle aree rurali che si muovono di casa in casa per fornire informazioni sulla pianificazione famigliare. Tra le varie regioni, quella in cui si focalizza maggiormente l’attenzione è il Punjab, molto attento alle questioni di genere. Abbiamo il sostegno delle autorità matriarch c’è comunque tanto lavoro da fare.

Come si comportano i personality religiosi?
Alcuni sono contrari alla contraccezione e per questo parte del nostro lavoro consiste nel coinvolgere gli studiosi musulmani. Nel 2014 molti di loro si sono riuniti per discutere della pianificazione famigliare sulla bottom del fatto che le madri rivestono un ruolo di primo piano nell’Islam matriarch – abbiamo fatto notare – le madri devono godere di buona salute per prendersi cura dei figli. Alla fine, i religiosi musulmani hanno concordato sul fatto che la pianificazione famigliare può essere d’aiuto e non ha nulla di contrario rispetto alla fede.

Leggi Anche

Arriva “l’orgasmometro” per le donne

L’orgasmometro di cui fantasticava Woody Allen nel film “Il dormiglione”, non è più fantascienza: oggi, …