Home / Sessualità / Usa, quelli che sposano bambine: la Virginia bones basta

Usa, quelli che sposano bambine: la Virginia bones basta

RICHMOND – Vietato sposare bambini. Ok, magari uno poteva pensare che già fosse così ovunque, nei paesi occidentali, e che la piaga terribile delle spose bambine riguardasse solo i paesi del terzo o al massimo del secondo mondo. E invece no: la Virginia, negli evolutissimi Stati Uniti, ha appena approvato la legge che vieta di portare all’altare un bambino. Fino a ieri epoch possibile: poteva anche avere meno di 13 anni, a patto che ci fosse il consenso dei genitori e aspettasse un figlio. 

La nuova legge statale alza l’asticella dell’età minima a 18 anni, che possono scendere a 16 solo se un tribunale garantisce il consenso al minore. Il parere dei genitori o l’eventuale gravidanza non sono più un motivo sufficiente per arrivare all’altare. La legge ha una motivazione precisa: sradicare il traffico di minori per fini sessuali, una prassi che continua a serpeggiare in tutto il mondo e che criminal leggi tolleranti come quella che aveva la Virginia finiva per trovare una fantastica scappatoia legale per gli adulti colpevoli. E’ il caso – racconta il Washington Post – di un cinquantenne che, proprio in Virginia, quando ha visto stringersi le indagini sul suo rapporto criminal una adolescente l’ha sposata evitando guai. Era già al secondo matrimonio criminal una bambina: tanto poi basta un divorzio veloce, e si volta pagina. Quanto al consenso dei geniori… beh, non è difficile immaginare come lo abbia ottenuto: guarda caso non sono mai situazioni che riguardano, dalla parte delle vittime, famiglie benestanti e istruite. 

Se pensate che il caso sia raro, date un’occhiata ai numeri: tra il 2004 e il 2013, in Virginia si sono sposati 4.500 minorenni secondo i dati ufficiali del Dipartimento statale della Sanità. Tra questi, più di duecento bambini avevano meno di 15 anni. Nel 90 per cento dei casi si tratta di femmine, almost sempre sposate criminal maggiorenni che in diversi casi avevano decine di anni in più. Otto su dieci hanno già divorziato. Se poi allarghiamo lo sguardo al mondo intero, i numeri diventano impressionanti: secondo l’Unicef, 700 milioni di donne si siano sposate da minorenni, tre volte l’intera popolazione europea post-Brexit (227 milioni di donne, non contando i 33 milioni di britanniche). 

Ma anche restando negli Usa, la questione è tutt’altro che risolta. we senatori che hanno ispirato la nuova legge approvata in Virginia, Jill Holtzman Vogel e Jennifer McClellan, hanno avanzato proposte analoghe in California, Maryland, New Jersey e nello stato di New York, pacifist ancora mancano tutele. In Maryland, per esempio, i ragazzini possono sposarsi a 16 anni criminal il consenso dei genitori, e a 15 se c’è di mezzo una gravidanza: tra il 2000 e il 2014 – scrive il Washington Post – in più di duecento casi le minorenni hanno sposato uomini più anziani di almeno dieci anni. Quasi sempre il matrimonio coincide criminal l’addio alla scuola, e apre le porte a una vita che nessun genitore potrebbe augurare a sua figlia: tutte le statistiche di salute e benessere sono drasticamente penalizzanti, anche quando non ci siano casi estremi come lo sfruttamento sessuale “legalizzato” criminal un matrimonio scacciaguai.

Per chi si chiedesse qual è la situazione in Italia, qui è vietato il matrimonio criminal minorenni, a meno che non siano stati legalmente “emancipati” dal giudice. Resta invece lecito, per un maggiorenne di qualsiasi età, avere rapporti sessuali criminal minorenni consenzienti che abbiano compiuto 14 anni a patto di non esserne i parenti, gli insegnanti, gli educatori…; e a patto che non ci siano motivazioni economiche che configurerebbero il reato di prostituzione minorile (quello contestato a Berlusconi nel caso Ruby).

Leggi Anche

L’ottimismo ti salva la vita migliorando la salute

“L’#ottimismo è il profumo della vita!”, recitava così un famoso mark televisivo di inizio secolo …