Home / Sessualità / Un quinto degli svizzeri soffre di problemi psichici

Un quinto degli svizzeri soffre di problemi psichici

× Chiudi
Diritto d’autore

Tutti i diritti sono riservati. Il contenuto del sito web presso swissinfo.ch è protetto da diritto d’autore. Esso è destinato esclusivamente a uso privato. Qualunque utilizzo dei contenuti del sito web diverso da quello previsto in precedenza, in particolare la distribuzione, la modifica, la trasmissione, la conservazione e la copia richiede la previa autorizzazione scritta di swissinfo.ch. Per informazioni relative a tale utilizzo dei contenuti del sito web, si prega di contattarci all’indirizzo contact@swissinfo.ch.

Per quanto riguarda l’uso a fini privati, è consentito solo utilizzare un collegamento ipertestuale a un contenuto specifico e di aggiungerlo al proprio sito web o a un sito web di terzi. Il contenuto del sito web swissinfo.ch può essere incorporato solo in un ambiente privo di annunci pubblicitari e senza alcuna modifica. In particolare, è concessa una licenza di base non esclusiva e non trasferibile, limitata a un solo scaricamento e salvataggio dei dati scaricati su dispositivi privati e valida per tutto il software, le cartelle, i dati e il loro contenuto forniti per lo scaricamento dal sito swissinfo.ch. Tutti gli altri diritti restano di proprietà di swissinfo.ch. In particolare, è vietata la vendita o l’uso commerciale di questi dati.

Utilizzare l’articolo

Un quinto degli svizzeri soffre di problemi psichici

10 ottobre 2018 – 21:00

Secondo uno studio presentato in occasione della giornata mondiale della salute mentale, un quinto degli svizzeri soffre di problemi psichici. Parlarne, per molti di coloro che ne soffrono, resta però un tabù.  

“I problemi psichici devono essere destigmatizzati”. È questo l’appello lanciato mercoledì a Zurigo da Heidi Hanselmann ministra della salute del canton San Gallo e presidente del consiglio di fondazione di Promozione Salute Svizzera. “Sono problemi che possono toccare tutti”, ha sottolineato durante la presentazione dei risultati dello studio sulla salute psichica in Svizzera finanziato da Pro Mente Sana. 

Alla domanda generale “come va?” il 12% degli interpellati ha risposto “non molto bene” o “male”. Ma ben un quinto ritiene trovarsi in uno stato di malessere emotivo prolungato. 

“Questo mostra che quando si va un po’ più a fondo, ci si rende conto che la realtà è meno rosea di quanto sembri”, ha spiegato il direttore di Pro Mente Sana Roger Staub. 

Stereotipi

Delle differenze emergono a dipendenza del sesso della persona interpellata, della sua età e delle sue relazioni. Gli uomini, i maggiori di 55 anni e le persone in coppia sono coloro che dicono di sentirsi meglio. “Per ragioni culturali, gli uomini ammettono meno di avere dei problemi psichici rispetto alle donne che sono dal canto loro viste in modo stereotipato come più emotive”, ritiene Staub.

Sembra che sia uomini che donne raggiungano il più alto livello di benessere mentale in una fascia d’età tra i 66 e i 75 anni. In seguito, la tendenza è al ribasso, soprattutto per le persone di sesso femminile. È il periodo dove molte di loro perdono il partner. 

Non è un caso che siano i pensionati coloro che dicono di sentirsi meglio. Lo stress e il troppo lavoro sono i fattori che pesano più negativamente sulla psiche degli interpellati (42%), davanti ai conflitti interpersonali (37%), le malattie e gli infortuni (33%) e le preoccupazioni per le altre persone (33%).  

Difficile parlarne

Benché sia particolarmente importante per le persone con problemi di questo tipo di poterne parlare, il soggetto resta un tabù. Il 60% delle persone che hanno partecipato allo studio ritiene che in Svizzera non se ne parli apertamente. Solo il 3% lo pensa. E questo quando “essere ascoltato” o “preso sul serio” sono i desideri principali degli individui che soffrono di problemi psichici

“I giovani in particolare temono di poter essere considerati deboli e fragili se parlassero dei loro problemi psichici ai loro conoscenti”, ha spiegato Michel Hermann il direttore dell’istituto Sotomo, che ha realizzato il sondaggio. 

Campagna

Per sensibilizzare la popolazione, la fondazione Promozione Salute Svizzera ha lanciato, in collaborazione con i Cantoni, una campagna nazionale d’informazione che si svilupperà su quattro anni.

Uno degli strumenti informativi è il sito internet www.salutepsi.ch, inaugurato nel 2017, dove è possibile trovare informazioni utili e orientarsi tra le varie offerte e servizi. 

Leggi Anche

Il coming out inatteso della campionessa di golf Melissa Rose Reid – AGI

share Non è mai facile fare coming out. Ancora nel 2018. Melissa Rose Reid, 31enne professionista …