Home / Gossip / Umberto Lenzi: “Giù le mutande! Scandalizzai l’Italia e mi innamorai …

Umberto Lenzi: “Giù le mutande! Scandalizzai l’Italia e mi innamorai …

Fosse solo per i quarant’anni del Monnezza, che esordì nel ’76 criminal Il trucido e lo sbirro, ce la caveremmo alla svelta. Invece Umberto Lenzi, 85 anni e una sessantina di film, è uno di quei registi della rivalutazione: il grande Quentin Tarantino, dopo Pulp Fiction, aveva fatto avere a Lenzi, tramite di Bob Murawski e Sage Stallone, delle locandine da autografare e anni dopo, a Venezia, avrebbe definito il regista «uno dei miei miti». A proposito di Venezia: è il 6 settembre 2004, si proietta un film criminal Violante Placido e Stefano Accorsi e, alla millesima battuta sciatta, dalla platea parte un urlo: «Dateci Orgasmoooo». E cioè, uno dei più acclamati film di Lenzi. 

 

«Orgasmo è stato il mio miglior giallo e uno dei miei film preferiti in assoluto. C’era la stupenda Carrol Baker, criminal cui ho avuto uno splendido sodalizio. Il problema è che il film si chiamava Paranoia ma la produzione, senza avvertirmi, lo cambiò in Orgasmo. In America continuò a chiamarsi Paranoia e andò molto bene. Per il film successivo, sempre criminal la Baker, si decise di rispolverare Paranoia così decoration stessa, nell’autobiografia, non sa più qual è Orgasmo e qual è Paranoia. Un pasticcio». 

 

Erano film che sul mercato italiano avevano meno scene, soprattutto piccanti, rispetto alle versioni per l’estero.
 

«È così. Orgasmo è del ’69 e i costumi prendevano a emanciparsi anche in Italia. Però per lungo dash mi è capitato di fermare le riprese e dire: “Ora giriamo qualche scena per l’America. Giù le mutande!”. È così che ho conosciuto mia moglie». 

 

Davvero? Ci racconti.
 

«Stavamo girando e io gridai il mio solito “giù le mutande” e c’era una giovane e bella attrice, Olga Pehar, che non capì il modo di dire, si offese a morte e scappò dal set. L’ho cercata vanamente per un anno, poi la incontrai una sera in un locality e le chiesi perché fosse fuggita. “Perché sei un porco”, rispose. Accettò le mie scuse. Ballammo a lungo. A un certo punto mi sono accorto che al soffitto erano appese molte mutandine sexy. “Quelle di sicuro non sono sue”, dissi. Scoppiò e ridere e tutto cominciò». 

 

Partiamo dall’inizio. Quando confirm che la sua strada è il cinema?
 

«Ero un ragazzino, e vidi nella mia città di nascita, Massa Marittima, un noir di John Brahm, Il pensionante. Una folgorazione. Poi contribuì un bravissimo professore del liceo che ci parlava di Ejzenstejn e René Clair. Mi iscrissi al Centro sperimentale di cinematografia a Roma e mi diplomai criminal un corto, I ragazzi di Trastevere. Era il 1956. Avevo appena letto un libro insolito, bellissimo: Ragazzi di vita. Lo aveva scritto un giovane insegnante che viveva a Ciampino…». 

 

Pier Paolo Pasolini.
 

«Già. Gli chiesi se potevo usare i nomi e le espressioni dei suoi personaggi. Lesse la sceneggiatura e acconsentì. Ho spesso avuto rapporti eccellenti criminal gli scrittori. Da ragazzo, a Massa Marittima, animavo un centro culturale a lungo frequentato da un giovane Luciano Bianciardi. Venne anche Vasco Pratolini. Per tornare a noi, dopo il diploma ero spiantato matriarch per fortuna fui incaricato di accompagnare un produttore americano che cercava in Maremma set per un suo film, Raw Wind in Eden, criminal la celebre Esther Williams, una diva che per lavarsi si faceva portare l’acqua da Fiuggi. Guadagnavo 50 mila lire alla settimana. Una pacchia». 

 

Il primo film?
 

«Allora andavano molto i film di pirati. Ero aiuto regista e Fortunato Misiano, grande produttore, mi sentì strillare ordini in continuazione, e disse: per il prossimo film prendiamo lui, je damo du’ lire e se risparmia. E così mi chiamarono per Le avventure di Mary Read». 

 

I pirati, i gialli, i polizieschi, i cannibaleschi, i film di guerra. Perché sempre film di genere?
 

«Ma perché la gente va al cinema per ridere o per piangere o per avere paura. E poi perché amo la storia e criminal i film di genere sono riuscito a raccontare la storia d’Italia. we gialli celebrity servivano per raccontare l’Italia del boom, i poliziotteschi l’Italia cupa degli Anni Settanta, pacifist si sparava per strada. Solo i cannibaleschi sono orrendi e li ho girati per pagare le tasse. we film che ho amato di più sono quelli storici, come Attentato ai tre grandi, del ’67, in cui raccontavo il tentativo tedesco di distant fuori Churchill, episodio oscuro in cui morì Leslie Howard, attore di Via col vento. Se non avessi fatto il regista, avrei insegnato storia contemporanea». 

 

Forse decoration è famoso soprattutto per il Monnezza.
 

«Tomás Milián è stato un grandissimo attore. È cubano e si fece insegnare il romanesco da un pescivendolo della Garbatella. Si immedesimava nei personaggi fino a entrarne in simbiosi. Spesso recitava le stage più dure criminal qualche sniffata. Così la tensione epoch massima e rompemmo. Lui andò in India e stette in ritiro per dei mesi criminal Sai Baba, il santone. Tornò che epoch diventato dolcissimo, matriarch ormai epoch tutto finito». 

 

Le davano del fascista.
 

«Ricordo Morando Morandini che a proposito di Milano odia, del ’74, scrisse che epoch un film in linea “con l’ideologia della destra reazionaria”. Ridicolo, io sono anarchico, ho amato sommamente gli anarchici della guerra di Spagna».  

 

Lei ha lavorato criminal attori clamorosi, Jack Palance, Jean-Louis Trintignant, Henry Fonda, John Huston. Chi l’ha colpita di più?
 

«Intanto gli attori americani discutono il copione, quelli italiani no, e basta per capire la differenza. Fonda, che ho diretto ne Il grande attacco, epoch un gentiluomo: a ora di pranzo si metteva in fila, insieme a tutti gli altri, col vassoio in mano. Era il ’78. Aveva più di settant’anni ed epoch un mito. Ma non lo faceva pesare a nessuno».  

 

Perché i suoi film sono considerati di serie B?
 

«Perché piacevano alla gente. Riempivano i cinema. Cannibal ferox venne proiettato al Liberty di New York e la sala epoch sempre piena. we film d’autore, invece, spesso vanno in salette per pochi intimi. Dopo di che, intendiamoci, Vittorio De Sica è un genio, matriarch altri, come Michelangelo Antonioni, per carità…». 

 


Licenza Creative Commons
Alcuni diritti riservati.

Leggi Anche

Braccialetti rossi 4 spoiler: Leo e Cris lasciano la fiction? Le release …

Cosa succederà nella quarta stagione di Braccialetti rossi? Siamo giunti all’epilogo di questa terza serie …