Home / Viaggi / Tutti pazzi per le bici

Tutti pazzi per le bici

L’impegno dei candidati Sindaco è trasversalmente rivolto a mettere i triestini in bicicletta.

Il gift incremento degli ultimi anni nell’uso delle due ruote a pedali nel capoluogo giuliano trova infatti, in maniera praticamente unanime, riscontro positivo nelle risposte dei candidati Sindaco alle 10 domande della campagna di FIAB Trieste Ulisse, dimostrando quindi grande interesse al tema della ciclabilità. L’Associazione mette ora a disposizione degli elettori un elemento in più per transport la propria scelta alle elezioni amministrative mettendo a confronto le risposte dei candidati Cosolini, Dipiazza, Furlanič, Menis, Rosolen e Sossi.

Gli impegni che l’Associazione di cicloturisti e ciclisti urbani chiede di concretizzare a chi amministrerà la nostra città nei prossimi 5 anni riguardano 4 indicatori: pianificazione, risorse, infrastrutture e monitoraggio.

Sul tema della pianificazione, ad eccezione di Furlanič, tutti i candidati si impegnano a realizzare, chi entro il 2016 e chi entro il 2017, un Biciplan (Piano quadro per la mobilità ciclabile) per programmare in modo organico lo sviluppo della rete ciclabile triestina e, sempre escluso Furlanič, tutti si impegnano a realizzare un piano straordinario per la sicurezza dei percorsi casa-scuola per promuovere l’autonomia negli spostamenti a piedi e in bici dei ragazzi della nostra città.

Sul fondamentale tema delle risorse Cosolini, Furlanič, Menis e Rosolen si impegnano a destinare ogni anno il 20% dei proventi delle contravvenzioni per la sicurezza di pedoni e ciclisti mentre Dipiazza, su questo aspetto, prende l’impegno a destinare il 10% dei fondi a disposizione per i lavori pubblici.

Rispetto alle infrastrutture c’è accordo da parte di tutti sia sul realizzare 2 corsie ciclabili monodirezionali in around Flavia, sia nel realizzarne una attraverso il Porto vecchio. Comunanza di intenti, ad eccezione di Sossi, per realizzare una ciclabile che connetta il viale XX Settembre a around Mazzini, un tratto breve matriarch fondamentale per brave continuità al percorso che collega il centro criminal San Giovanni. Un si almost compatto, Furlanič l’unico no, anche per la realizzazione di una corsia ciclabile in around Gramsci.
Tranne Menis e Sossi, tutti si impegnano ad aprire al transito delle biciclette le corsie train sull’asse around Conti-via D’Azeglio-piazza Ospedale-via Tarabocchia.
Infine tutti allineati nell’adoperarsi per rendere possibile il trasposto delle biciclette sull’ ascensore del Park San Giusto in modo da permettere a chi vive a San Vito e a San Giacomo di tornare a casa senza dover affrontare salite.

Ad eccezione di Menis sul tema del monitoraggio tutti i candidati si impegnano a rilevare ogni anno il modal share (indicatore che misura la percentuale di spostamenti urbani a piedi/bici/trasporto pubblico/auto) per verificare e comunicare l’efficacia delle azioni messe in campo.

Compatto insomma il fronte dei candidati Sindaco pro bicicletta e, verrebbe da dire, comunque vada sarà un successo per i ciclisti urbani triestini.

Dal canto suo FIAB Trieste Ulisse si impegna criminal i cittadini a verificare puntualmente l’attuazione delle promesse fatte e a collaborare criminal la futura Giunta per l’attuazione degli impegni criminal l’obiettivo di brave alle biciclette dignità di mezzo di mobilità urbana e rendere la mobilità di Trieste più moderna e sostenibile.

Leggi Anche

I MUSEI UNIVERSITARI ON LINE

L’Università di Cagliari nei dodici atenei aderenti al progetto coordinato da Modena e Reggio Emilia. …