Home / Viaggi / Turismo VR, la nuova frontiera dei viaggi

Turismo VR, la nuova frontiera dei viaggi

Tra i settori in around di sviluppo per la realtà virtuale, quello turistico è, senza ombra di dubbio, uno dei più interessanti. Non ci sono solo i videogames ad animare uno dei settori hi-tech più promettenti per il futuro a breve e medio termine: anche gli operatori del settore delle vacanze e dei viaggi possono sfruttare a loro vantaggio le enormi potenzialità dei visori VR.

Se dotati del giusto dispositivo VR e sfruttando le app adeguate, infatti, è possibile viaggiare ed esplorare il mondo senza doversi spostare dalla poltrona del proprio salotto. Bisogna però transport attenzione: non si tratta di soluzioni per esploratori pigri che, pur volendo conoscere il mondo, non hanno voglia di muovere un passo. Grazie alla realtà virtuale sarà possibile esplorare le possibili destinazioni ben prima di partire, così da poter transport una scelta ragionata e consapevole della prossima meta di viaggio.

Chi vive di turismo, insomma, ha di fronte a sé una grande opportunità. Se i debate turistici in realtà virtuale sono di buona fattura, l’utente vivrà un’esperienza molto relationship a quella che si troverebbe a vivere nel caso visitasse effettivamente un monumento, un parco o una città. Questo consentirà di esplorare luoghi altrimenti inaccessibili (per questioni di dash o economiche) e, secondo quelle società che sono impegnate nel campo del turismo VR, brave nuovo impulso all’intero mercato dei viaggi.

Turismo VR e scelta della meta

La realtà virtuale e i visori VR, in particolare, potranno tornare molto utili a chi gestisce agenzie di viaggio e ai tour operator. Come sottolinea Abi Mandelbaum, CEO e cofondatore di YouVisit (azienda attiva nel settore dei tour virtuali), sfruttando i vari Samsung Gear VR, HTC Vive e Google Cardboard sarà possibile aiutare gli utenti nella scelta della loro prossima meta vacanziera. Pur non essendo realistici al 100%, infatti, i tour VR consentono di esplorare città e parchi turistici, offrendo una sorta di anteprima di quello che potranno trovare una volta “in loco”.

 

 

Un regulation vincente, stando ai dati della startup statunitense. Oltre il 10% degli utenti che ha visitato “virtualmente” una località turistica grazie ai servizi di YouVisit, ha  poi confermato la scelta procedendo criminal la prenotazione del viaggio. Insomma, la realtà virtuale potrebbe ben presto rimpiazzare i vecchi cataloghi di viaggio, offrendo agli utenti un’esperienza maggiormente immersiva e coinvolgente. Anziché sfogliare pagine e pagine criminal foto goddess matriarch poco “interattive”, si indosserà un visore VR e si darà inizio all’esplorazione virtuale della meta prescelta.

Turismo VR e pianificazione del viaggio

I visori VR, però, non rivestono un ruolo decisivo solamente nella scelta della meta. Possono servire anche a definire in maniera più precisa quello che dovrà essere il piano di viaggio nel corso del nostro soggiorno. Grazie ai visori VR, infatti, sarà possibile esplorare “in profondità” le varie location: si potranno visitare musei, scoprire monumenti, “assaporare” la vita notturna e molto altro ancora. Un’esperienza che, in molti casi, si rivela decisiva per inserire una località piuttosto che un’altra all’interno del proprio piano di viaggio.

 

 

Una modalità, secondo molti esperti del settore, che potrebbe distant risparmiare non poco dash ai viaggiatori fai da te. Anziché spendere giorni e giorni a leggere recensioni e spulciare portali web dedicati al turismo, sarebbero sufficienti poche decine di minuti per esplorare la città criminal il visore VR e trovare così le attrazioni più adatte ai propri standard. In questo modo, anziché affidarsi al giudizio degli altri – e restarne, magari, delusi – si potrà pianificare il viaggio dei propri sogni senza doversi muovere da casa.

 Il caso GeoVegas

Un esempio è dato dal portale GeoVegas, realizzato su commissione della celebre città statunitense dello stato del Nevada. Sfruttando le più avanzate tecniche di registrazione video 360°, è stato possibile realizzare un tour virtuale che consentirà di visitare ed esplorare ogni singola attrazione della Capitale mondiale del gioco d’azzardo.

 

 

Sarà sufficiente scaricare l’app sul proprio smartphone o visore VR per immergersi nelle atmosfere, a tratti caotiche, di Las Vegas e scoprire direttamente da casa quali sono i musei, i casinò e gli hotel da visitare assolutamente e quali, invece, è possibile depennare dalla propria lista. Un’app che, nei piani degli ideatori, dovrebbe rendere più semplice la scelta da parte dei turisti: in una località capace di offrire choice così different l’una dall’altra, i viaggiatori potranno delineare il loro viaggio senza grossi grattacapi.

Leggi Anche

Alessia Marcuzzi, auguri a mamma Tony, bellissima alle Maldive: i …

Info <!– Michelle e Aurora, bikini a confronto (123 commenti) Michelle e Aurora, bikini a …