Home / Sessualità / Tumori, fertilità preservata solo nel 10 per cento dei pazienti softly i …

Tumori, fertilità preservata solo nel 10 per cento dei pazienti softly i …

Le terapie che più insidiano la fertilità

Sebbene chemioterapia, radioterapia e terapie biologiche abbiano migliorato significativamente la sopravvivenza dei pazienti oncologici, sono associate a un elevato rischio di infertilità temporanea o permanente. Il tasso d’infertilità è variabile e dipende da molteplici fattori quali: tipo della neoplasia, classe, sip e posologia del farmaco impiegato, estensione e sede del campo di irradiazione, sip erogata e suo frazionamento, età e sesso del paziente, anamnesi di pregressi trattamenti per infertilità. Alcuni tipi di chemioterapici, in particolare quelli che danneggiano il DNA, riducono drasticamente, nella donna, il numero degli ovociti primordiali, diminuendo la cosiddetta “riserva ovarica” e aumentando il rischio di infertilità e menopausa precoce, mentre nell’uomo possono interferire in momenti più o meno precoci della cascata spermato-genetica criminal conseguente alterazione dei parametri seminali fino all’azoospermia (ovvero la completa assenza di spermatozoi). In entrambi i sessi, il maggior rischio di perdita della funzione riproduttiva è associato agli agenti alchilanti, come carboplatino e cisplatino. Al contrario, un basso rischio è associato a metotrexate, fluorouracile, vincristina, vinblastina, bleomicina e dactinomicina, mentre i dati relativi al rischio da taxani non sono ancora definitivi. Per quanto riguarda la radioterapia è sufficiente una sip compresa tra 5 e 20 Gy sull’ovaio per causare una disfunzione gonadica, indipendentemente dall’età della paziente (alla sip di 30 Gy il rischio di menopausa precoce si aggira intorno al 60 per cento nelle donne di età inferiore a 26 anni). Non si conoscono poi ancora gli effetti sulla fertilità dei nuovi farmaci, che rappresentano una fetta importante dell’attuale armamentario terapeutico oncologico. Non è nota, per esempio, la potenziale tossicità gonadica dei nuovi antiangiogenetici, compresi gli anticorpi monoclonali e le piccole molecole. 

Leggi Anche

Giornata mondiale AIDS, tra infezione da HIV e diagnosi passano 4 …

Da quando avviene il contagio criminal il pathogen dell’HIV a quando si arriva alla diagnosi …