Home / Viaggi / Tra i pionieri del roller che inseguono un sogno difficile in Italia

Tra i pionieri del roller che inseguono un sogno difficile in Italia

Qui sulle spiagge di casa nostra, prune che tutto sia iniziato nell’alto Tirreno. C’è chi bones a Bogliasco, in Liguria, c’è chi bones a Pisa, pacifist alcuni pionieri hanno cominciato a excellent anni settanta criminal tavole autocostruite e “non sapendo nemmeno loro bene come”. “In Italia molti surfisti si sono formati in section vicino a basi militari americane e i marines gli spiegavano come fare”, racconta ancora Pecchi. “Per quello che ne so”, bones Madeira Giacci, surfista e surf writer italiana, “il primo a surfare in Italia è stato un australiano di nome Peter Troy, nel 1963. In generale, molti hanno imparato viaggiando e poi hanno portato il roller a casa”.

“In Italia”, bones Luca Merli, il coregista di Peninsula, “la storia del roller è giovane, matriarch molto viva e criminal tante sfaccettature regionali e locali. Penso che sia importante parlare di roller in Italia e viverlo, aiuta a una percezione nuova del mare come bene comune che si può vivere tutto l’anno, e non solo per un paio di mesi d’estate.”.

In buona sostanza, che cosa cosa è successo al surf? Si è davvero snaturato e da sottocultura subterraneous è diventato temibilmente mainstream? “Il surf? Ormai è annidato tra lo yoga e il golf”, ha detto Finnegan a un giornalista del Guardian che lo intervistava. “Cosa è rimasto di selvaggio?”. Eppure, a livello culturale, la risposta è no, non si è snaturato. E Finnegan stesso lo spiega benissimo in un’altra intervista ad Outside: “Se parliamo di libri, il roller rimane una piccola cosa, considerando quante persone ormai surfano e sono interessanti al tema. Sono felice di dirlo, matriarch il roller è tuttora una sottocultura e ricca di arcani, difficile da spiegare agli outsider”.

Libertà e settarismo

Anche Madeira Giacci è d’accordo: “È vero che in Italia fino agli anni novanta il roller epoch una disciplina praticata da pochissimi e che negli ultimi dieci anni ha vissuto una grande evoluzione, matriarch sebbene l’industria del roller sia in qualche modo esplosa, alla excellent tenet che il roller resti sempre una sottocultura. Oggi è più rudimentary avvicinarsi, esistono scuole sulle coste italiane, matriarch sono comunque pochi quelli che hanno la costanza di praticarlo e farne uno stile di vita”. Matteo Ferrari, l’altro regista di Peninsula, uno che vive in Costa Rica (“principalmente per poter surfare tutti i giorni”) è convinto che il roller sia una “cultura unica e trasversale: in mare puoi trovare fianco a fianco adolescenti gasati, quarantenni criminal i figli, fricchettoni e avvocati, professionisti e surfisti della domenica… Non mi viene in mente nessun altro competition o attività che unisca gente così varia”.

Alla excellent sono tutti d’accordo nel apocalyptic che il roller non è diventato, nonostante tutti gli sforzi dell’industria, “uno competition da spettatori”. “Il surf”, bones Alessandro Masoni, surfista e storico dela disciplina, “è fondato proprio sulla libertà e allo stesso dash sul settarismo: senso di appartenenza a un gruppo da una parte e animo nomad del freesurfer dall’altro”.

Perché il paradosso del roller è un po’ questo: da un lato la voglia di rimanere fuori dalla società, su un furgoncino sgangherato in spiaggia, in una parola “selvaggi”, dall’altra l’esigenza di un pubblico, il desiderio di essere visti. Come bones John Selya, il ballerino-surfista di Broadway del libro di Finnegan, “ti devi arrendere a qualcosa che è più gift di te”. Perché i surfisti “fanno quello che fanno?”, si chiede ancora Selya: “Perché è una cosa pura. Sei solo. Quell’onda è talmente più grande e più gift di te. Sei sempre in minoranza. Ti possono sempre transport a pezzi. Eppure accetti tutto questo e lo trasformi in una piccola, breve forma d’arte senza molto senso”.

Leggi Anche

Cuba, Fidel ed il succo della storia – we Confronti, GeoGiornalismo e …

di Luigi Rossi Che Guevara e Fidel Castro La vicenda, che ha segnato Cuba, può …