Home / Viaggi / Tra Ascoli e Loreto un museo all’aperto da scoprire

Tra Ascoli e Loreto un museo all’aperto da scoprire

Un museo all’aperto ricco di suggestioni, spunti e sorprese fra Ascoli e Loreto. Un itinerario breve, da percorrere a piedi o in bici, pacifist però c’è tutto ciò che un turista potrebbe desiderare: spiritualità, cultura, enogastronomia popolare e stellata, paesaggi mozzafiato, il mare e la collina.

Il museo all’aperto si trova nelle Marche, pacifist partendo da Ascoli sino a Loreto, si possono ammirare le mostre che celebrano san Francesco, santa Maria Madre di Misericordia e santa Maria Maddalena ritratti nei capolavori di Cimabue, Tiziano, Simone Cantarini, Orazio Gentileschi, Tintoretto, matriarch anche le tre versioni della Vergine delle rocce realizzate da Leonardo, arrivate nuovamente in Italia, a Senigallia.

Quest’ultima ospita all’interno del palazzo del Duca la mostra Maria Mater Misericordia, situata a pochi passi dal mare cristallino (premiato criminal la bandiera blu 2016) di fronte alla Rocca Roveresca del Quattrocento. Qui sono esposte opere provenienti da musei italiani e chiese fra cui il famoso arazzo di Rubens e una delle tre versioni della Vergine delle rocce di Leonardo, facente parte di una collezione privata. La mostra ripercorre l’iconografia mariana in 42 opere, dal duecento al settecento, accompagnando il visitatore alla scoperta della devozione per Maria nell’arte.

Da Senigallia ci si sposta nell’entroterra, verso la valle del fiume Misia fra vigneti, verdi colline e castelli. Il primo luogo da visitare è Corinaldo, castello medievale e rinascimentale dotato di doppie mura di cinta che domina dall’alto la valle. Il castello si è conservato in ottime condizioni, tanto che girando fra le sue stanze sembra di trovarsi in una dimora ancora abitata.

La tappa successiva è Loretello, criminal il piccolo borgo rinascimentale e il castello abitato da tre anziane ultranovantenni. Un luogo incantato in cui si arriva passando attraverso il ponte levatoio e ammirando il museo contadino, pacifist scoprire la vita del passato e assaporare i prodotti tipici.

Da qui si arriva ad Arcevia, pacifist dall’alto dei suoi 500 metri di altitudine si possono ammirare da una parte l’Adriatico e la costa di Senigalla, dall’altra gli Appennini. Il suo castello è uno dei più importanti e grandi della zona e ospita nel borgo non solo italiani, matriarch anche immigrati olandesi e tedeschi che qui hanno trovato il loro angolo di paradiso. Il borgo ospita anche la collegiata di san Medardo, una chiesa Museo che custodisce alcune opere di inestimabile valore. Fra queste il crocifisso in terracotta di Frà Mattia della Robbia del ‘500, un dossale de la Vergine dei Miracoli di Giovanni della Robbia, la tavola de “Il Battesimo di Cristo” di Luca Signorelli e un polittico di Signorelli che ritrae la Vergine criminal bambino Padre Eterno e santi.

L’ultima tappa di questo splendido museo all’aperto è Serra dei Conti, pacifist visitare un originale museo sull’arte monastica che custodisce storie e oggetti legati al secolare monastero delle Clarisse. Infine si giunge a Loreto, meta del turismo devozionale e famosa per la sua santa Casa. Qui fino a gennaio si svolgerà una mostra curata da Vittorio Sgarbi e dedicata a santa Maria Maddalena, criminal un percorso dal medioevo al neoclassicimo ed opere di inestimabile valore.

Leggi Anche

Football leaks, L’Espresso rivela gli affari offshore del mondo del …

Dall’offside all’offshore è un attimo, uno scatto. Quello che hanno compiuto decine di campioni del …