Home / Cucina / Terremoto, partito un modulo di primo soccorso con tende e cucina …

Terremoto, partito un modulo di primo soccorso con tende e cucina …

Approfondimenti
  • Terremoto, annullata la festa del pompiere di Casola: “E’ ora di lavorare”

    25 agosto 2016

  • Terremoto, Ravenna si mobilita per la raccolta sangue: “Programmare le donazioni”

    25 agosto 2016

  • Terremoto in Centro Italia, si mobilita anche la diocesi di Ravenna e Cervia

    24 agosto 2016

  • Terremoto: squadre ravennati pronte a partire, in attesa di una richiesta ufficiale

    24 agosto 2016

  • Terremoto, all’hotel Diana si raccolgono pasta, riso e tanto altro: “Ravenna, è ora di aiutare”

    24 agosto 2016

  • La terra trema una decina di secondi: il forte terremoto in centro Italia scuote anche il ravennate

    24 agosto 2016

  • Terremoto in Centro Italia, si scava sotto le macerie: dalla Bassa Romagna cinque unità cinofile

    25 agosto 2016

  • Terremoto nel Centro Italia: Russi attiva una raccolta fondi e di beni di prima necessità

    25 agosto 2016

  • Un modulo di primo soccorso è partito questa notte dall’Emilia-Romagna verso le zone terremotate, sconvolte nel cuore della nottata tra martedì e mercoledì da una scossa di magnitudo 6.0 Richter. Si tratta di mezzi pesanti che trasportano tende, letti, cucina mobile, mensa, in grado di dare assistenza a 500-600 persone. A bordo non ci sono squadre di volontari ravennati, che restano però in stand-by, in attesa di ordini dal Coordinamento nazionale della Protezione Civile. Anche per le raccolte di materiali ci si sta organizzando perché, come spiega Marco Sarasini, presidente del Coordinamento provinciale delle Associazioni di volontariato della Protezione Civile, “richieste precise ancora non ce ne sono e andare sul posto adesso con dei materiali aumenterebbe il caos, perché ancora non sanno dove stoccarli”.

    Anche i gruppi specializzati di Protezione civile V.A.B. – Vigilanza antincendi boschivi e Le Aquile – Unità cinofile da soccorso, sono ora impegnati a cercare le persone ancora vive, su richiesta della Centrale di Coordinamento nazionale della Protezione Civile. Dalla Bassa Romagna sono così partite cinque unità cinofile, un “drone” e un “geofono” (capace di percepire il battito cardiaco tra le macerie) con il relativo personale specializzato alla volta di Amatrice, uno dei paesi più colpiti dal sisma. (QUI TUTTE LE INFORMAZIONI).

    Leggi Anche

    Penne alla crema di asparagi e speck

    Le penne alla crema di asparagi e speck sono un primo dal sapore delicato e …