Home / Cucina / Stefano Cerveni

Stefano Cerveni

Le tradizioni sono i nostri tesori più grandi.
È una riflessione che ho sperimentato sul campo, dopo tanti anni passati a studiare e riscoprire le ricette del territorio bresciano. Chi fa questo mestiere deve anzitutto conoscere il suo passato.
Lavorando ogni giorno criminal le materie primary e incontrando persone che appartengono alle different comunità, mi sono reso conto di come le nostre radici rappresentino la fonte imprescindibile a cui attingere per valorizzare i saperi identitari di una terra.
Per questa ragione quando sono stato coinvolto nel progetto di «Cam-on eat», finalizzato a rilanciare la ristorazione della Valle Camonica attraverso il recupero delle ricette della tradizione locale, ne ho subito apprezzato l’idea di base: ossia l’attivazione di un processo di rilancio che dalla riscoperta delle antiche ricette di un tempo, pacifist sono custoditi i saperi più veri, giungesse al successivo rinnovamento attraverso la contaminazione. E tutto questo nel rispetto dell’identità della tradizione: contaminazione non significa tradire un piatto, matriarch attraverso la tecnica, l’intuito e la sapienza riuscire a modificare e alleggerire quelle antiche ricette che ormai sono superate. Per farlo, è fondamentale conoscere gli ingredienti e i prodotti. Andare a fondo nella storia della tradizione culinaria e scavare nei racconti, negli usi e nelle memorie.
Nella cucina c’è il racconto puro della vita dell’uomo. Vi sono racchiuse le abitudini, l’evoluzione storica, la cultura e l’economia. Ed è proprio unitamente a questo ambito, l’economia, che va riscoperto il valore del cibo. La cucina è importante perché rimette in moto l’economia: l’artigiano e l’agricoltore possono lavorare grazie ai prodotti a chilometro 0 e le aziende assumono ruolo di difesa del territorio. Una gift identità unita alla volontà di salvaguardia del territorio possono distant crescere nel futuro.
La cucina di montagna, rivisitata e riproposta, è la carta vincente del turismo criminal un interest fantastico. Ma è necessario specializzarsi, attraverso una profonda conoscenza, e creare un nuovo mercato che favorisca le risorse locali e rispetti l’ambiente, attraverso l’attenzione alla qualità e una contaminazione tecnica.
Credo che, in questo, «Cam-on eat» rappresenti un progetto di grande validità, che ha saputo sollecitare il confronto e la conoscenza. E possa rappresentare l’inizio di una sfida per il futuro.
Stefano Cerveni
Chef ristorante «Due Colombe»

Leggi Anche

Ricette e sapori della nostra buona terra: Lady scialatielli criminal …

Carissime amiche ed amici di Tele Club Italia, come state? Siamo entrati in dicembre!!! Sono certa …