Home / Cucina / Sonia Peronaci: "Sono la regina della cucina sul web ma non aprirei …

Sonia Peronaci: "Sono la regina della cucina sul web ma non aprirei …

“Ho portato la cucina sul web ma non aprirò mai un ristorante”: ad assicurarlo è Sonia Peronaci, fondatrice di Giallo Zafferano e ora, dopo aver lasciato la sua creatura, anima e corpo di soniaperonaci.it, il suo nuovo sito di ricette (alcune delle quali condivide anche con il nostro portale Tiscali.it) . “Perché il mio compagno ed io non abbiamo mai aperto un ristorante? Il sito web a differenza del ristorante non stressa per gli orari. Scegli tu come gestire il tuo tempo”, ha dichiarato in un’intervista a un quotidiano.

Ma Sonia Peronaci non vede male gli chef stellati che invece affollano la tv con i tanti programmi dedicati alla cucina: “I ristoranti stellati sono difficili da gestire. Devono poter vivere anche di altro. Più si è mediatici e più si è conosciuti e questo aiuta: vedendoti a una persona può venir voglia di venire a mangiare da te o di comprare il tuo libro”. Insomma Sonia Peronaci non demonizza la tv. Anzi, anche lei, dopo esserci sbarcata in diverse occasioni, si appresta a tornarci con un nuovo programma in onda dal 27 novembre su Canale 5, alle 10 del mattino: “È un programma di intrattenimento. Si chiama “Una sorpresa da chef”. Alcune persone mi indicano qualcuno che è davvero pasticcione in cucina. Io gli insegnerò a cucinare e a preparare un menù. E poi quel menù lo proporrà a chi non credeva in lui o lei cucinando in un vero e proprio ristorante. E sarà il suo riscatto in cucina”.

Sonia Peronaci parla anche dei suoi gusti in fatto di cucina: “Il mio piatto preferito sono le lasagne alla bolognese. Il dolce è il tiramisù ma anche i canederli. Un piatto che non mi riesce? Nessuno. Sono testarda. Provo e riprovo finché non viene fuori come dico io. Anzi. Quando sono stressata preparo cose complicate per liberare la mente. Oppure mi metto a stirare”.

Leggi Anche

Mercoledì in regalo il libro di ricette livornesi

Livorno, 26 maggio 2018 – «Le leggi Livornine avevano permesso di far incontrare gente di tutte …