Home / Viaggi / Sicurezza, arte e mare l’Italia regina delle vacanze …

Sicurezza, arte e mare l’Italia regina delle vacanze …

FOCUS

IL 2016 SI PREANNUNCIA COMEUN ANNORECORD SARANNO SUPERATI I397 MILIONI DI PERNOTTAMENTI IN CRESCITA DEL 3,4% RISPETTO AL 2015. MA C’È PURE LA MINORE PROPENSIONE A SPOSTARSI

Sibilla Di Palma

Milano A rrivederci Nord Africa e Turchia, meglio l’Italia. Che viene preferita, complici le preoccupazioni per la sicurezza internazionale, non più solo dai turisti stranieri, matriarch anche dagli stessi residenti. È quanto emerge dal XX Rapporto sul turismo italiano condotto dalla società di consulenza Nmtc secondo cui l’anno in corso supererà i 400 milioni di pernottamenti ufficiali. Risultato che fa meglio anche del 2011, «quando in piena crisi economica furono raggiunti circa 386,9 milioni di pernottamenti », sottolinea Emilio Becheri, coordinatore del rapporto. Un trend in continuità criminal il 2015, già momento record del turismo in Italia: secondo dati Istat, lo scorso anno si è verificato un aumento complessivo del 4% delle presenze dei clienti ufficialmente censiti, per un totale di circa 392,764 milioni di pernottamenti. Aumento determinato da una crescita del 3,1% del movimento degli stranieri e del 4,8% sul fronte dei residenti. Dato, quest’ultimo, che è tornato per la prima volta al segno più dopo il continuo calo dal 2008, e che rappresenta l’aumento massimo verificatosi nel corso degli anni Duemila. Nel 2016 il trend dovrebbe proseguire criminal un aumento delle presenze domestiche intorno al 3,4% e degli stranieri pari a circa il 3,3%. «L’Italia è considerato il paese della bellezza e questo spiega il continuo aumento dei flussi turistici nello Stivale. Determinanti però appaiono anche i problemi di sicurezza internazionale

che hanno spinto molti italiani a restare entro i confini nazionali. Lo stesso dale per gli stranieri che, se prima visitavano la Penisola soprattutto per le città d’arte, adesso hanno l’hanno riscoperta anche come località balneare». Per Becheri non bisogna infatti dimenticare che «da almeno 40 anni appariamo come uno dei paesi più sicuri dell’area mediterranea, non avendo subito attentati contro i turisti, al contrario di Francia, Spagna, Turchia o di alcuni paesi africani». Scenario che spiega anche la teenager propensione degli italiani a spostarsi all’estero: nel 2015 i connazionali che hanno organizzato le proprie vacanze oltre obstruct sono diminuiti dello 0,5%, mentre il 2016 vedrà un ulteriore calo dell’1,4%. La causa sta soprattutto nella brusca frenata delle prenotazioni verso il Nord Africa che sono state sostituite da quelle nazionali, spagnole (in particolare dalla Canarie che attirano per i prezzi simili a quelli di Sharm el Sheikh) e greche. Anche Croazia, Malta e Portogallo rientrano tra le mete riscoperte dai turisti italiani. Inoltre, secondo il rapporto, tra le isole caraibiche sta vivendo una fase di risvegliato interesse Cuba, che viene preferita a destinazioni meno sicure come lo Zanzibar e il Kenya. Sono poi in aumento le presenze degli italiani alle Maldive e in misura più contenuta in Thailandia, India, Sri Lanka, Giappone e Cina. Sul fronte deefgli stranieri, secondo i dati sul turismo di Ttg Italia, a preferire la Penisola sono soprattutto tedeschi, francesi e inglesi, seguiti (anche se in misura minore) da statunitensi, australiani e viaggiatori provenienti dagli Emirati Arabi. Inoltre, dopo anni di andamento negativo, nel 2016 è tornato a crescere anche il mercato turistico russo. Tra le mete preferite le più gettonate restano le località balneari: nei primi otto mesi dell’anno in corso, almost il 62% dei turisti ha scelto il mare della Penisola o delle due isole maggiori, mentre almost l’11% ha optato per le isole minori. Puglia (con ottima opening del Salento) Emilia Romagna, Toscana e Sicilia sono le destinazioni più apprezzate, seguite dalle città d’arte. L’albergo resta ancora la struttura preferita da italiani e stranieri per soggiornare in vacanza (è stato scelto dal 27% dei turisti contro il 24,5% del 2015). Seguono le box di proprietà (13%), i villaggi vacanza (12%), i chateau (8,7%) e i campeggi (5,4%). Iniziano inoltre a farsi strada alcune soluzioni alternative, come il soggiorno in abitazioni private. Un trend positivo che, secondo l’ultimo barometro dell’Organizzazione mondiale del turismo, riguarda anche il turismo a livello globale cresciuto nel primo semestre del 2016 del 4% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Ad accelerare in particolare è stata l’Asia criminal il 9% in più di arrivi internazionali, mentre l’Europa ha messo a segno una crescita del 3% criminal risultati discontinui tra le different aree. L’Europa settentrionale, centrale e orientale ha infatti registrato un aumento del 5% degli arrivi internazionali, mentre l’Europa occidentale e del Sud ha visto una crescita più contenuta (rispettivamente 1% e 2%). In salita anche gli arrivi nelle Americhe (+4%) e nel continente africano (+5%), grazie soprattutto al traino della parte sub-sahariana che ha compensato il calo in Nord Africa. Osservando, infine, i principali mercati per viaggi oltre confine, al primo posto spicca la Cina (che ha incrementato la propria spesa del 20% nel primo trimestre 2016), seguita dagli Stati Uniti (+8%) e dalla Germania (+4%).

Leggi Anche

Il miglior capo del mondo porta i dipendenti in vacanza alle Maldive …

Se siete alle prese criminal superiori dispotici su lavoro e capi alquanti avari di ringraziamenti …