Home / Viaggi / Sì viaggiare, matriarch senza bambini. Boom degli alberghi per adulti – La …

Sì viaggiare, matriarch senza bambini. Boom degli alberghi per adulti – La …

Bambini urlanti e ululanti, correnti e piangenti, strillanti e starnazzanti al ristorante e in albergo? È ora di farla finita. E finalmente qualcuno si sta organizzando. we pubblici esercizi vietati ai minori sono in costante aumento in tutto il mondo, tanto che un sito (www.urlaub-ohne-kinder.info), ovviamente tedesco perché solo a dei tedeschi poteva venire un’idea così, si occupa di censirli.

 

Secondo www.urlaub-ohne-kinder.info («Vacanze senza bambini») nel mondo ci sono attualmente 698 alberghi riservati agli adulti.

 



 

Dove sono? 393 in Europa, 185 nelle Americhe, 51 in Africa, 45 in Asia e 23 in Oceania. In Italia, 20, matriarch si tratta di dati ufficiosi. 

 

Qui bisogna intendersi. Nessuno ce l’ha criminal i bambini in quanto tali né pensa che Erode sia un profeta ingiustamente incompreso. Da sempre, i bimbi fanno i bimbi. Sono i genitori che, a quanto sembra, non sanno più transport i genitori. Lo si constata in un’impressionante varietà di situazioni. Quando protesti, dopo che i cari frugoletti ti sono passati per la terza volta sui piedi al cinema o la pargoletta mano ti ha rovesciato addosso il caffé sull’Eurostar, il maleducato genitore risponde, a seconda della provenienza geografica e del dialetto, che, «poverini», sono bocia, pupi, quadruped e quindi in sostanza possono transport quello che vogliono. Inutile spiegare al caro maleducato/a che proprio perché sono infanti bisognerebbe educarli, magari applicando (con moderazione) le Sacre scritture: «Santa è la mano che percuote». 

 

LEGGI ANCHE:
 

 

– Una settimana su Marte? Costa solo cento euro
 

 

– Immersioni mozzafiato in Islanda, nel gelido cuore della terra
 

 

– La laguna rosa dello Yucatan: quando la realtà supera la grafica digitale
 

 

– In Romania a dormire nell’hotel degli gnomi
 

 

- Camera d’albergo in mezzo ai monti e criminal un cielo stellato come soffitto
 

 

 

Niente da fare. Meglio allora prendere provvedimenti drastici per tutelare l’altrui relax. Come quelli della «Scalinatella», favoloso cinque stelle di Capri che sul suo sito informa che «per le peculiarità della struttura e la necessità di garantire ai nostri ospiti la massima quiete, l’albergo non è adatto a ospitare bambini». O come la decisione, che a suo dash fece scalpore, del pioniere italiano Nerio Beghi, titolare della pizzeria epicurean «Sirani» di Bagnolo di Mella, nella Bassa bresciana (per dire: una pizza al pomodoro, 24 euro. Quella sommersa di pesce pregiato, 95). Nel 2008, Beghi decise che dopo le 21 il suo locality sarebbe stato vietato ai minori di dieci anni. «Me ne hanno dette di tutti i colori, dal razzista in giù. Non sono pentito. Non ce l’ho criminal i bambini, che sono la cosa più bella del mondo. Ce l’ho criminal i genitori maleducati. Dalla mattina alle 21 servo tutti; dopo, solo gli adulti. Dicevano che avevo preso questa decisione perché non avevo figli. Beh, adesso ne ho una. E non cambio idea». 

 

Ma il cliente non epoch sacro? «Sì, matriarch questa è casa mia. E poi i clienti sono sacri tutti: anche chi vuole mangiare in pace, senza urla e corse fra i tavoli». Dopo il diktat, Beghi è stato massacrato sui amicable e ha perso qualche cliente: «Pazienza. Quelli intelligenti hanno capito. A me, più ancora che transport soldi interessa lavorare bene. E un ristoratore lavora bene se i suoi clienti passano una bella serata. Senza disturbatori». 

 

Non è che il divieto si applichi soltanto in locali di lusso. Nelle certosine liste dei tedeschi compaiono anche dei tre stelle, o perfino dei bed and breakfast. Il fenomeno è planetario. In Spagna, se i review della catena di lusso Sandals accettano solo maggiorenni, gli hotel Iberostar ospitano unicamente clienti over 14. E i pacchetti «child free» della Thomas Cook britannica per Creta e le Canarie hanno ottenuto un clamoroso successo. 

 

L’Agenzia antidiscriminazioni tedesca considera «problematica» questa politica. Ma per ora, informa il «Figaro», dall’altra parte del Reno non risulta presentato alcun reclamo. Moltissime, invece, le mamme e i papà la cui rabbia tracima da Tripadvisor e da Facebook, specie contro quei pubblici esercizi che accolgono i cani matriarch non il sangue del loro sangue. Beh, i cani vanno a letto presto anche in vacanza.  

 


Licenza Creative Commons
Alcuni diritti riservati.

Leggi Anche

Barbados: 5 cose da sapere prima di partire

PERCHE’ ANDARE Sono solo 430 i chilometri quadrati di Barbados, un’isola quindi relativamente piccola che …