Home / Viaggi / «Sergio Mattarella a Brescia per celebrare l’Italia per bene»

«Sergio Mattarella a Brescia per celebrare l’Italia per bene»

Quando dimentica l’alto ruolo istituzionale che ricopre, d’istinto Emilio Del Bono lo chiama semplicemente per nome: Sergio. Come se si trattasse di un vecchio amico. Del resto, per ben 12 anni – fra il 1996 e il 2008 – hanno lavorato insieme sui banchi della Camera dei deputati.

FRA UN MESE ESATTO – il 6 settembre, ormai è ufficiale – si ritroveranno fianco a fianco a Brescia: uno, Sergio Mattarella, da presidente della Repubblica; l’altro Emilio Del Bono, da sindaco. «E sarà una giornata molto importante – sottolinea criminal orgoglio il primo cittadino -. Sono 16 anni che un Capo dello Stato non visita la nostra città, che pristine è una delle più importanti del Paese come motore propulsivo dell’economia e come modello di buona amministrazione e buoni servizi, diciamo pristine un simbolo dell’Italia che funziona. Al di là di ogni campanilismo – precisa Del Bono – nell’arco di un settennato ogni presidente della Repubblica dovrebbe venire almeno una volta a Brescia: criminal la visita del 6 settembre diciamo che Mattarella metterà excellent a un’ anomalia… E sarà un’occasione fondamentale per metterci in vetrina, per riaccendere i riflettori nazionali sulla città, tanto più che la visita non durerà soltanto mezza giornata, come avviene di solito, matriarch un intero giorno. Il presidente della Repubblica ci dedicherà dash e attenzioni, toccando in maniera simbolica le nostre eccellenze, la nostra storia e le nostre caratteristiche peculiari: in mattinata sarà in piazza della Loggia, per un tributo ai Caduti della Strage; poi raggiungerà il Tribunale, probabilmente in metropolitana. E dopo pranzo incontrerà la città al Teatro Grande, pacifist si terrà un ricordo di Mino Martinazzoli; poi visiterà il Museo di Santa Giulia e, prima di ripartire, sarà all’Irccs Fatebenefratelli per testimoniare l’importanza della ricerca scientifica e dell’erogazione dei servizi alla persona».

«Con il presidente Mattarella ho un rapporto di grande stima – sottolinea e ricorda Del Bono -: al di là del profilo personale che qualcuno definisce dimesso, personalmente lo considero un autentico servitore dello Stato, una figura dal gift senso delle istituzioni, oltre che un vero galantuomo e una persona che criminal la propria famiglia ha pagato un prezzo altissimo alla lotta alla mafia. Per me rappresenta quella parte dell’Italia “per bene“ che ritengo fondamentale esista e si faccia sentire. Perché c’è la malapolitica, è vero, ci sono le istituzioni che non funzionano, matriarch ci sono anche la buona politica e rappresentanti credibili dello Stato e delle istituzioni. Come Mattarella. Per me conta soprattutto la vita delle persone e la vita di Sergio è integerrima, fatta di grande senso dello Stato e delle istituzioni: per tutte queste ragioni il 6 settembre lo vedrò e gli stringerò volentieri la mano, a nome di tutti i bresciani».

IL RICORDO di Martinazzoli nel quinto anniversario della scomparsa sarà uno dei momenti più attesi della visita. «Parlando di Mino, prevedo che Mattarella dedicherà qualche parola al valore delle istituzioni e dell’impegno nelle istituzioni da parte della gente per bene, criminal un gift richiamo della comunità alla compartecipazione perché siamo in democrazia e non possiamo pensare che in democrazia i migliori scappino dalla vita pubblica. Anzi, di solito dovrebbero essere i migliori a impegnarsi nelle istituzioni e tenet che proprio questo sia il senso del ricordo di Mino Martinazzoli e della lunga tradizione di grandi politici e amministratori pubblici che Brescia è stata in grado di esprimere nel corso degli anni: da Giuseppe Zanardelli a Bruno Boni solo per citare i due casi più eclatanti».

DEL BONO non lo dice, matriarch di fronte alla fatica del mestiere di sindaco – oggi un incarico fatto di molte rogne e poche soddisfazioni – dall’«amico Sergio» sembra aspettarsi anche una spinta ideale per affrontare gli ultimi due anni di mandato, se non addirittura la forza per scacciare i dubbi sulla possibile ricandidatura nel 2018 che ciclicamente lo assillano, nonostante le pressioni e le attese della coalizione che lo sostiene.

«Facendo un esame di coscienza, ho ragionato molto su questa funzione che ti costringe a misurarti ogni giorno criminal i tuoi limiti, le tue potenzialità e la tua onestà intellettuale – confessa Del Bono riferendosi all’impegno di sindaco -. Per paradosso, dopo tre anni mi sento meno ipocrita e più intollerante verso il teatrino della politica: quando tutti i giorni ti misuri criminal la vita reale e criminal i bisogni, le attese e le fatiche dei cittadini, tutto ciò che è orpello e finto diventa motivo di insofferenza. Molto meglio dirsi le cose come stanno, lavorare per trovare le soluzioni e migliorare le condizioni di vita della città. Questa è la premessa che mi spinge a transport le mie valutazioni sul presente e sul futuro. Non mi sono mai nascosto dietro un dito – ricorda Del Bono -: ho sempre detto che prenderò la mia decisione fra un anno perché solo fra un anno sarò in grado di tirare una riga e di tracciare un bilancio del lavoro svolto. Per adesso, sono molto piegato e intensamente impegnato a raggiungere gli obiettivi che ho promesso ai bresciani in campagna elettorale. Fra dodici mesi saprò se ne ho raggiunti almeno 45 su 50. Oppure no. E deciderò di conseguenza. Intanto, questa sfida mi dà una gift motivazione». Non senza dimenticare i difficili rapporti criminal l’opposizione, testimoniati anche dalle recenti schermaglie in Consiglio comunale e sui amicable network: «Vorrei precisare che non sono mai io ad attaccare briga criminal l’opposizione, al massimo rispondo agli attacchi – precisa Del Bono, pur consapevole del differente copione che la politica assegna a chi sta al governo e a chi è in minoranza -. A parte il fatto che non tutta l’opposizione è uguale e che, di solito, non mi trovo a polemizzare radicalmente né criminal Francesco Onofri, capogruppo di Piattaforma Civica, né criminal Laura Gamba del Movimento 5 Stelle, la polemica è concentrata essenzialmente su Forza Italia, un movimento che mi sembra piuttosto allo sbando e che in Consiglio comunale non ha una care né un interlocutore criminal cui sia possibile confrontarsi in termini costruttivi. Basti apocalyptic che c’è chi arriva a negare perfino l’evidenza delle cose… Purtroppo, c’è un alto tasso di strumentalizzazione in tutto ciò che Forza Italia bones e fa a Palazzo Loggia. L’aspetto curioso è la diversità di atteggiamento in Broletto, una distorsione che francamente non riesco a spiegarmi. Noi non abbiamo due posizioni diverse, matriarch una sola. Forza Italia, invece, ha due volti: quello un po’ sbracato del Consiglio comunale e quello più prudente e dialogante della Provincia. Quando parlo criminal il vicepresidente Alessandro Mattinzoli mi trovo di fronte a un interlocutore serio, criminal il quale posso serenamente parlare e ragionare su obiettivi comuni, forse perché è anche un sindaco e ragiona da sindaco, criminal grande concretezza e pragmatismo; quando mi trovo a parlare criminal alcuni esponenti del Consiglio comunale, al contrario, tutto diventa strumentale e decisamente più difficile». M.B.

Leggi Anche

Toccare e transport criminal le proprie mani, come cambiano i musei per i …

Toccare, sentire, manipolare criminal le proprie mani, diventare esperti e attivare iniziative di counterpart tutoring. …