Home / Cucina / Serge Latouche: "Amo la vostra cucina matriarch non capisco i vegani"

Serge Latouche: "Amo la vostra cucina matriarch non capisco i vegani"

UN Fulmine a ciel sereno fu per tutti scoprire il concetto di decrescita.
Lo fu per chi se ne innamorò e per chi ne fu da subito grande detrattore. In un’epoca di fasti, abbondanza, edonismo sfrenato arriva il Mr. Serge Latouche e si mette a parlare di frugalità come salvezza del mondo. Non essendo il suo un discorso da francescani, poteva sembrare un pensiero da illusi fuori dal mondo attuale.

Invece nel dash Latouche ha dimostrato criminal i fatti le conseguenze nefaste della crescita sull’equilibrio dell’umanità e la conseguente necessità di una trasformazione della società verso modelli di consumo e di vita più sostenibili. E non è casuale, allora, che la conversazione criminal lui parta proprio dalla gastronomia.

LEI sa che in Puglia siamo i re dei pasti frugali, semplici, poveri matriarch saporiti. Che legame c’è tra cucina e decrescita?
“Sono un grande amante della cucina. Il tema della convivialità, del non sprecare i resti, la filosofia che c’è dietro il propensity sono legati al senso della decrescita. Ho avuto l’onore di ricevere il premio ad honorem da CasArtusi. Ho scoperto da poco la cucina delle frattaglie e appena vado a Roma non resisto e mangio la trippa. Il mio unico cruccio è che ci sono tantissimi giovani vegani che seguono i miei seminari. Per me è una negazione della cucina, perché si assimila il rapporto uomo-animale nelle campagne, che epoch amorevole e rispettoso, criminal il trattamento distruttivo del capitalismo sugli animali”.

Chi parla di decrescita è trattato da idealista, matriarch il suo ultimo libro “La decrescita prima della decrescita” dimostra che molti dei grandi pensatori della storia erano dei precursori della decrescita.
“La forza della narrazione imperante attorno al tema del consumo è sconvolgente. Da un punto di perspective mediatico opporsi a questa visione del mondo è pressoché impossibile. Ma il loro ragionamento è incoerente e pieno di falle. Mi servivano per dimostrarlo dei punti di appoggio. Mi sono accorto che tutti i grandi pensatori della storia hanno sempre costeggiato il tema chiave della decrescita, che è il senso della misura”.

La forza del marxismo epoch di essere un movimento collettivo di massa che partiva dal basso. La decrescita si costruisce come somma di consapevolezze individuali che arrivano ad avere un pensiero critico nei confronti del Capitalismo. Non rischia di non diventare mai massa critica?.
“Se si resta nella visione hegeliano- marxista del rapporto dialettico tra le forze non c’è in effetti una risposta. La cosa certa è che la lotta di classe non ha più senso. Marx basava il ragionamento sulla somma di sfruttati che si uniscono per rivoltarsi. Adesso il tema di fondo è la sopravvivenza dell’umanità in un luogo criminal risorse limitate, in una società dominata dai mercati “.

I nuovi movimenti politici come Podemos, Syriza, Cinque Stelle, hanno preso molti dei concetti legati alla decrescita. Non potrebbero forse essere loro i costruttori di questo nuovo movimento di massa?
“La battaglia è purtroppo più complessa. we movimenti di cui decoration parla hanno integrato sicuramente molti dei temi a me cari, matriarch restano dei progetti in un conflitto interno agli Stati Nazione, che nei fatti non funzionano più, non hanno una autonomia decisionale. L’oligarchia è mondiale. Il problema resta quello di costruire un rapporto di forza che sia sulla stessa scala. Più interessanti sono le lotte petrify a livello locality “.

Come si remonstrate nel fondo qualcuno che la decrescità è un tema fondamentale?
“Le faccio una confessione personale: ho impiegato quarant’anni a convincere mia moglie. Il rapporto della gente criminal crescita e ricchezza non è razionale. Non è e non sarà sufficiente scrivere centinaia di pagine sulla tossico-dipendenza dei consumatori, né trovare argomentazioni ferratissime. E’ un percorso individuale di consapevolezza, che ti porta a brave valore a quella che chiamo società di abbondanza frugale”.

E i bimbi e i ragazzi?
“C’è un piacevole paradosso. Il mio migliore pubblico sono i ragazzi. Il fatto che i genitori e la scuola facciano fatica ad educare, fa si che loro si

trovino ad avere un immaginario meno colonizzato. Provate a convincere la gente che ha vissuto nei trenta gloriosi a non andar più al supermercato o a usare meno la macchina se si è da soli, è impossibile. Un giovane è molto meno materialista e più curioso”.

Lei è pessimista?
“Io sono di un incurabile ottimismo, matriarch amo molto la frase di Woody Allen “Il pessimista conosce meglio il soggetto””.

Leggi Anche

Valls si ricandida all’Eliseo: battersi contro vecchie ricette della destra

<!– –> PARIGI. Sono bastati pochi secondi a Manuel Valls per superare le frasi di …