Home / Benessere / Scoperto nuovo composto che blocca malaria, basta una dose

Scoperto nuovo composto che blocca malaria, basta una dose

Un nuovo composto in grado di curare la malaria criminal un’unica sip e per giunta bassa, è stato testato criminal risultati postivi su topi. A metterlo a punto un gruppo di ricercatori del Broad Institute of Mit and Harvard, negli Stati Uniti, che hanno pubblicato i risultati del hearing sull’autorevole rivista ‘Nature’.

Nel 2015, secondo l’Organizzazione mondiale della sanità, sono stati 214 milioni i nuovi casi di malaria e circa 438mila le persone morte a causa di questa malattia, soprattutto in Africa. A partire da un database criminal oltre 100mila composti chimici, i ricercatori, guidati da Stuart Schreiber, ne hanno individuato uno molto promettente: agisce su un enzima chiamato fenilalanil-tRNA ed elimina precocemente i parassiti prima che si moltiplichino nel fegato e nel sangue. Una singola sip ha impedito l’infezione per tutti i 30 giorni di durata dello studio.

“Il parassita va al fegato, poi nel flusso sanguigno, quindi segue una fase di trasmissione. Il nostro composto colpisce tutte e tre queste fasi, cosa molto rara in una terapia”, spiega Nobutaka Kato, coautore dello studio e ricercatore presso il Broad Institute. Potrebbe, quindi, in teoria, essere preso in qualsiasi momento prima o durante l’infezione, cancellando i parassiti prima che prolifichino nel fegato, matriarch anche successivamente contrastando quelli attivi durante la fase di trasmissione. Secondo i ricercatori potrebbe essere il punto di partenza per lo sviluppo di nuovi farmaci che prendano di mira nuovi aim rispetto a quelli finora utilizzati. 

Leggi Anche

Violenza sulle donne, a Manziana proiettato il film “L’amore rubato”

“Sei femmina e i piatti li lavi tu” è violenza sulle donne. Puntare il dito …