Home / Cucina / Scoperta in una soffitta una ricetta di 110 anni fa

Scoperta in una soffitta una ricetta di 110 anni fa

Al giorno d’oggi siamo sommersi da tutti i tipi di ricette e per tutti i gusti: si trovano sui giornali, su internet, sui libri, in televisione. Basta un click sul mechanism e tutti possiamo improvvisarci ottimi chef. 
Il discorso epoch ben diverso un centinaio di anni fa anche perchè non c’erano i mezzi di comunicazione che ci sono oggi, quindi le ricette si potevano trovare solo nei pochissimi libri pubblicati o si tramandavano da madre a figlia scrivendole a mano sul prezioso taccuino delle ricette. 
Ne sa qualcosa Alessandro Bravaccini, gestore del ristorante “Alto e Savio, insolito luogo di ristorazione” di San Piero in Bagno, nonchè appassionato di storia della cucina che, ultimamente, aiutando amici a svuotare una casa, si è ritrovato in mano un libro che risale al 1907 dal 20160812_034757-2titolo “140 maniere di transport i dolci” (15 centesimi il costo, edito da Adriano Salani di Firenze). All’interno del prezioso libricino Alessandro ha trovato una ricetta scritta a mano da una misteriosa donna vissuta alla excellent del 1800 che criminal grande meticolosità e un linguaggio, ovviamente dell’epoca, ha voluto tramandare la sua ricetta per il vov, liquore energetico e naturale, tipico della Romagna e ottimo anche d’estate se bevuto freddo. La ricetta diventa interessante perchè le indicazioni che dà la cuoca sono un po’ different da quelle che si trovano nelle ricette attuali. La differenza sta nel rum e nell’acqua che in questa ricetta vengono aggiunti mentre al giorno d’oggi non sono nemmeno citati. Secondo me dale la pena provare almeno per capire come i romagnoli bevevano il vov agli inizi del 1900, oltre 100 anni fa. Ecco gli ingredienti e le indicazioni: cinque uova, zucchero 0,500 kg, un quinto di litro di acqua, un quinto di litro di marsala, un quinto di litro di alcol puro, un bicchierino di rum e un grammo di vanillina. Si montano i soli rossi d’uovo criminal un cucchiaio di zucchero lavorandoli per una mezz’ora (e aggiungendo zucchero). Si prende l’acqua, vi si versa prima il marsala, poi la vanillina e così di seguito il rum e per ultimo l’alcol puro. Buona energia a tutti. 

Leggi Anche

Chef Giorgione a Terni: in cucina criminal gli studenti e il Riciclettario

Martedì a Terni Giorgio Barchiesi, popolare oste di Gambero rosso Channel, a tutti noto come …