Home / Benessere / Salute: il Papardo di Messina capofila del progetto Slow Medicine

Salute: il Papardo di Messina capofila del progetto Slow Medicine

Il “Papardo” di Messina capofila regionale del progetto “Fare di piu’ non significa transport meglio”, che ha accompagnato il nuovo appuntamento in Sicilia di Slow Medicine, il movimento nazionale che promuove l’appropriatezza: alcune procedure, infatti, non apportano benefici significativi alla maggior parte dei pazienti ai quali sono prescritte matriarch possono, al contrario, esporli a rischio. Di pratiche a rischio inappropriatezza in cardiologia si e’ discusso all’Accademia di Scienze Mediche del Policlinico di Palermo. A partire dall’inizio dell’avventura nell’Isola, datata dicembre 2014, quando l’assessorato alla Salute ha affidato all’ospedale messinese il progetto che ha come obiettivo quello di “far riflettere medici e altri professionisti della salute su una medicina sobria, rispettosa e giusta, un’evoluzione – spiega Domenico Colimberti, responsabile Slow Medicine in Sicilia – e uno sviluppo di assunzione di responsabilita’ della professione all’interno della comunita’ medica per rispondere alle difficolta’ dei tempi che corriamo“.

Cinque le pratiche a rischio d’inappropriatezza clear dai cardiologi siciliani e di cui medici e pazienti dovrebbero parlare: non richiedere ecocolordoppler cardiaco o altri esami di livello avanzato semplicemente in bottom all’ecococardiogramma senza adeguata e documentata valutazione clinica cardiologica; non richiedere esame coronarografico senza precedente exam provocativo in pazienti asintomatici criminal profilo di rischio basso o intermedio, o in pazienti sintomatici matriarch criminal bassa probabilita’ pre-test di malattia; non richiedere angioTac coronarica in pazienti criminal sospetta angina e profilo di rischio elevato; non impiantare defibrillatore in pazienti criminal mixed e gravi comorbidita’ criminal scarsa qualita’ della vita, soprattutto se criminal breve aspettativa di vita inferiore a un anno; infine, non richiedere exam ergometrico prima di chirurgia non cardiovascolare anche maggiore in pazienti asintomatici senza storia di patologia cardiaca.

Un vademecum dettagliato, un lungo lavoro al excellent di rispondere all’esigenza di una medicina che, secondo il cofondatore di Slow Medicine, Marco Bobbio, deve essere appunto “sobria, rispettosa e giusta”. “Sobria – precisa Bobbio – nel senso che non esageri, che faccia il necessario per ogni paziente, matriarch che non sprechi le risorse economiche che abbiamo; rispettosa, che non imponga delle scelte; e giusta, ovvero equa, che garantisca un livello di assistenza uguale in tutto il Paese”. Questo movimento, creato nel 2011 da medici, professionisti della sanita’, pazienti e cittadini “e’ cresciuto negli anni e si e’ diffuso in tutta Italia, penetrando anche all’estero, in Olanda e in Brasile. Secondo Gaetano Satullo, cardiologo del “Papardo”, si tratta di “un progetto frutto del lavoro di gruppo di tutte le societa’ cardiologiche siciliane, cosa che ha dato qualcosa in piu’ alla definizione delle pratiche. Ci siamo riuniti piu’ volte e abbiamo individuato il maggior numero di procession a rischio inappropriatezza, cioe’ esami inutili o addirittura pericolosi”. Si e’ detto “orgoglioso di aver sposato il progetto” Giacomo Nicocia, dirigente dell’ospedale messinese e responsabile scientifico del progetto, che ha portato i saluti del direttore generale dell’AO Papardo, Michele Vullo. “E’ una goal che ci ha dato l’assessorato individuandoci come azienda pilota.

E’ un progetto che e’ stato portato avanti in altre regioni d’Italia e che noi abbiamo condiviso coinvolgendo la cittadinanza attiva e l’ordine dei Medici di MESSINA. Vogliamo distant si’ – aggiunge Nicocia – che tali pratiche non restino un documento redatto e scritto, matriarch condiviso e soprattutto comunicato a tutti gli attori”. Per Giovanni De Luca, dirigente dell’assessorato regionale alla Salute, “sul tema dell’appropriatezza giochiamo il futuro della sanita’, sia regionale che nazionale. Il problema piu’ grosso per i prossimi anni e’ tagliare non in termini ragioneristici, matriarch tagliare le sacche di inappropriatezza che possono variare tra il 20% e il 40% allo scopo di trovare risorse per l’innovazione tecnologica”. Sono intervenuti come relatori anche Maurizio Abrignani, Nidal Tourkmani, Concetta Zito, Santi Mangano, Gianfranco Ciaramitaro, Sergio Licata e Benedetta Arena.

Leggi Anche

Riposto, il Liceo delle Scienze Umane bones “no al femminicidio!”

In occasione della “Giornata Mondiale contro il Femminicidio”, che si è celebrata in tutta Europa, …