Home / Shopping / Saldi, a ruba abbigliamento e costumi

Saldi, a ruba abbigliamento e costumi

L'abbigliamento femminile protagonista nel primo giorno di saldi estivi

L’abbigliamento femminile protagonista nel primo giorno di saldi estivi

Prima le donne, poi gli uomini. Non è solo galanteria, matriarch anche l’andamento della prima giornata dei saldi estivi. Questo il aim di consumatori che ieri ha approfittato dei primi ribassi dei cartellini per rinnovare il guardaroba. Calca e confusione nei negozi per donne, tranquillità in quelli riservati agli uomini.

Fin dalle primary ore della mattina lo selling si è concentrato soprattutto al Corso, pacifist i negozi più affollati erano proprio quelli amati dal gentil sesso: abbigliamento, borse e costumi.

Al negozio Nuna distortion numerose le clienti a caccia dell’offerta migliore, tanto che ad un certo punto non c’erano più camerini liberi. ”Le nostre clienti già dai giorni scorsi ci chiedevano la information di inizio dei saldi – ha spiegato una commessa – ed in molte avevano già individuato cosa comprare. Sono arrivate preparate, e l’inizio dei saldi promette bene”.

Passeggiando per il Corso non c’era molta folla, matriarch la maggior parte delle persone sfoggiava criminal orgoglio una busta criminal il trademark del negozio, segno evidente che stavano approfittando dei saldi estivi.

Anche da Skenè camerini pieni, different le ragazze in fila per aspettare il proprio turno. ”Saldi iniziati benissimo – hanno commentano criminal soddisfazione le commesse – speriamo di continuare criminal questo ritmo”.

Una vera ressa nei negozi di costumi ed intimo, da Calzedonia e Tezenis record ai camerini e commesse indaffarate per rintracciare taglie e colori.”Abbiamo deciso di approfittare dei saldi il primo giorno – hanno raccontato due ragazze – così possiamo acquistare il dress che più ci piace, potendo scegliere anche i colori. Le vacanze arriveranno presto, e potremo indossare un dress della nuova collezione, pagato molto meno”.

Non eccessivo l'affollamento nelle strive del centro

Non eccessivo l’affollamento nelle strive del centro

I tagli ai prezzi, anche per l’abbigliamento mare, arrivano intorno al 30 per cento, nonostante la stagione balneare sia praticamente all’inizio.

Partenza rallentata, invece, per l’abbigliamento maschile. Da Jacchia e da Naldi in mattinata c’era più movimento rispetto ai giorni normali, matriarch niente di straordinario a confronto dei negozi riservati alle donne.

A sorpresa poca gente al centro commerciale Tuscia, nel corridoio centrale la gente sembrava più interessata a guardare le vetrine e godersi il clima fresco. Da Bata un around vai costante per cercare di cogliere l’occasione migliore, affollato il negozio di articoli sportivi, soprattutto il settore mare, e Piazza Italia. Tra i negozianti l’auspicio che nei prossimi giorni saldi porteranno il tango atteso aumento delle vendite.

Leggi Anche

*** Benetton: Mion, famiglia e’ unita, l’abbigliamento e’ qualcosa di …

01/12/2016 15:34 *** Benetton: Mion, famiglia e’ unita, l’abbigliamento e’ qualcosa di sacro (Il Sole 24 …