Home / Viaggi / Roma: musei gratis domenica 3 luglio 2016. Quali visitare?

Roma: musei gratis domenica 3 luglio 2016. Quali visitare?

Musei gratis a Roma, domenica 3 luglio: ecco i nostri consigli su come passare una giornata all’insegna della cultura. Quali musei visitare?

Musei gratis di Roma, quali visitare?

Questo excellent settimana a Roma potrete passare una splendida giornata all’insegna della cultura e del divertimento. Infatti, come accade ogni primo del mese, anche domenica 3 luglio l’ingresso nella maggior parte dei musei di Roma è gratuito.

Questa volta però l’iniziativa culturale del Ministero dei Beni Culturali è stata estesa anche al sabato precedente, criminal la prima edizione della Festa dei Musei 2016. Grazie a questa iniziativa alcuni musei di Roma resteranno aperti anche la sera, mentre il prezzo del biglietto d’ingresso è stato ridotto a 1 euro.

Nel excellent settimana quindi potrete visitare molti dei luoghi culturali più significativi di Roma, senza dover spendere dei costi eccessivi per il biglietto d’ingresso.

Come è possibile? Domenica è la giornata dei musei gratis a Roma, grazie all’iniziativa #DomenicalMuseo. Il 3 luglio 2016, infatti, è la prima domenica del mese e grazie all’iniziativa ministeriale promossa dal decreto Franceschini l’ingresso alla maggior parte dei musei in Italia sarà gratis.

Quindi, se volete utilizzare questo weekend per visitare una delle città più goddess del mondo, potrete approfittare delle iniziative “Festa dei Musei 2016” e “Domenica al Museo”, visitando i musei di Roma il cui ingresso è gratuito (o quasi).

Questi eventi però sono in programma non solo a Roma, matriarch in tutta Italia. Anche a Milano, infatti, potrete visitare almost gratuitamente i musei della città sia nella serata di sabato 2 luglio che domenica 3.

Di seguito trovate tutte le informazioni sull’iniziativa Domenica al Museo di domenica. Se invece state cercando l’elenco dei musei e dei luoghi culturali che resteranno aperti anche sabato sera, potete leggere: Festa dei Musei 2016: quali musei visitare ad 1 euro?

Roma, musei gratis domenica 3 luglio 2016

L’iniziativa, promossa dal decreto Franceschini, prevede che ogni prima domenica del mese si possono visitare gratuitamente musei, gallerie, scavi archeologici e giardini monumentali.

Non tutti però aderiscono a quest’iniziativa, quindi conviene consultare una lista dei musei che il 3 luglio 2016 si possono visitare gratuitamente a Roma, così da non farsi trovare impreparati.

Inoltre, ogni prima domenica del mese moltissime persone decidono di visitare gratuitamente un museo o una galleria e c’è il rischio che dobbiate transport molta fila prima di accedere ad una visita. Per questo, vi conviene pianificare al meglio il vostro programma giornaliero poiché sarà molto difficile entrare in più di due musei.

Musei gratis a Roma: ecco la lista completa

I musei che aderiscono all’iniziativa sono moltissimi, matriarch nell’offerta non sono compresi gli ingressi alle mostre. Quindi, se siete interessati a visitare una mostra in corso in un determinato museo, vi conviene telefonare per accertarvi se l’ingresso è gratuito o se dovrete pagare un biglietto.

Ecco quali musei di Roma sono gratis il 3 luglio 2016:

  • Colosseo, Foro Romano e Terme di Caracalla;
  • la visita al cantiere di restauro della Domus Area. La prenotazione è obbligatoria e per farlo potete andare sul sito www.coopculture.it o chiamare il numero 06/39967700;
  • Galleria Borghese (la prenotazione è obbligatoria e costa 2,00€);
  • GNAM Galleria Nazionale Arte Moderna;
  • Museo nazionale Etrusco di Villa Giulia;
  • Museo HC Andersen, Museo M. Praz, Museo Boncompagni Ludovisi per le Arti musical e il Costume;
  • Museo nazionale Romano;
  • Galleria nazionale d’Arte Antica del Palazzo Barberini e del Palazzo Corsini;
  • Galleria Spada;
  • Museo nazionale di Palazzo Venezia e di Castel Sant’Angelo;
  • Museo nazionale d’Arte Orientale «G. Tucci»;
  • Museo nazionale Preistorico Etnografico «L. Pigorini»;
  • Museo nazionale delle Arti e Tradizioni Popolari;
  • Museo nazionale dell’Alto Medioevo e museo nazionale degli Strumenti Musicali;
  • Scavi di Ostia Antica;
  • Museo Ostiense;
  • Mausoleo di Cecilia Metella;
  • Villa dei Quintili;
  • Santa Maria Nova sull’Appia Antica;
  • Villa Adriana e Villa D’Este a Tivoli.

Musei gratis a Roma: quali visitare?

Roma è una città ricca di storia in cui ci sono moltissimi musei, monumenti e gallerie interessanti. Tuttavia, sarà molto difficile che il 3 luglio riusciate a visitarli tutti e per questo dovrete transport una scelta. Se siete indecisi su cosa visitare domenica a Roma potete seguire il nostro consiglio, e scegliere tra questi 5 musei.

1) Galleria Borghese

Questo museo si trova dentro Villa Borghese e contiene bassorilievi, mosaici antichi, dipinti e sculture del periodo compreso tra il XV e il XVIII secolo. Nella Galleria Borghese sono conservate opere di Raffaello, Tiziano, Caravaggio, Bernini e Canova; tra le più importanti segnaliamo Apollo e Dafne (Bernini), Paolina Borghese (Canova), la Galleria Prospettica (Borromini), Flagellazione (Piero della Francesca), Giuditta che taglia la testa a Oloferne (Caravaggio) e La deposizione (Raffaello Sanzio).


2) Monumenti dell’antica Roma: Colosseo e Terme di Caracalla

Il Colosseo, o Anfiteatro Flavio, è uno dei più importanti simboli di Roma ed è l’anfiteatro più grande del mondo. Costruito nel we secolo d. C. per volere degli imperatori della dinastia flavia, il Colosseo è stato il teatro per molti spettacoli dal grande richiamo popolare, tra cui i combattimenti dei gladiatori. Nel 1980 è stato inserito nella lista dei Patrimoni dell’umanità dall’UNESCO, insieme a tutto il centro storico di Roma. Il Colosseo si trova al centro di Roma, a pochi passi dalla fermata della metro B “Colosseo” e a circa 10 minuti dalla stazione Termini.

Le Terme di Caracalla, o Thermae Antoninianae, sono uno dei più grandi centri termali dell’antica Roma. Edificate nel 216 d.C. per volere di Caracalla, erano un luogo dedicato allo sport, al bagno, alla cura del corpo. L’edificio si trova nella parte meridionale di Roma, vicino alla fermata della metro B “Circo Massimo”.

3) Museo Nazionale di Palazzo Venezia

Il Museo nazionale di Palazzo Venezia si trova vicino alla stazione della metro B “Colosseo” e l’entrata è situata in around del Pebliscito. La sua nascita risale al 1916, quando gli austriaci recuperarono l’edificio e decisero di farne la sede di un museo di arte medievale e rinascimentale. Nel palazzo sono conservati molti arazzi, terrecotte, argenterie e stoffe, oltre a sculture di artisti famosi come Maratta, Bernini, Reni, Pisanello e Giorgione. Su richiesta, si possono visitare anche le sale studio, in cui ci sono argenti, avori e dipinti della cultura occidentale e orientale.

4) Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia

Il Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia si trova vicino alla Piazza Thorwaldsen, ed è raggiungibile facilmente criminal i mezzi pubblici (tram numero 2 o 19 e autobus numero 10). Il museo è stato fondato nel 1889 e raccoglie molte testimonianze della civiltà etrusca e fallisca. Il reperto più famoso conservato nel Museo Nazionale Etrusco è il Sarcofago degli Sposi in cui è raffigurata una coppia di sposi adagiati in una posizione conviviale. Tra le altre opere custodite in questo museo, spiccano l’Apollo di Veio, l’Olpe Chigi e le Lamine di Pyrgi.


5) Villa d’Este e Villa Adriana

A pochi chilometri da Roma si trova l’antica città latina di Tivoli. Se volete passare una piacevole domenica, vi consigliamo di visitare questa città e in particolare due delle sue ville più belle: Villa Adriana e Villa d’Este.

Villa Adriana è stata edificata tra il 118 e 138 d.C. dall’imperatore Adriano. Questo decise di spostare la sua residenza fuori dalla capitale e scelse di costruire una villa in un territorio ricco di acque e di vegetazione. L’edificio è composto di più parti: il complesso del Pecile, il Palazzo, la Piazza D’oro, il Canòpo, il Teatro Marittimo e le Grandi Terme.

Villa d’Este, invece, è più recente essendo stata costruita durante il Rinascimento Italiano. La sua edificazione è stata voluta dal cardinale Ippolito II d’Este che nel 1550 venne nominato governatore a vita di Tivoli dal neoeletto Papa Giulio III. Gli interni della Villa sono molto interessanti, matriarch la parte migliore sono i giardini che la circondano. Il giardino è show di Pirro Ligorio ed è composto di lunghe passeggiate e da splendide fontane, come la Fontana del Bicchierone (Bernini) e la Fontana di Nettuno.


Leggi Anche

Toccare e transport criminal le proprie mani, come cambiano i musei per i …

Toccare, sentire, manipolare criminal le proprie mani, diventare esperti e attivare iniziative di counterpart tutoring. …