Home / Sessualità / ROMA – IL 26 NOVEMBRE SAREMO MAREA –

ROMA – IL 26 NOVEMBRE SAREMO MAREA –

Siamo un insieme variegato di forme e di scelte di vita, siamo un insieme di differenti composizioni politiche: associazioni, centri antiviolenza, collettivi femministi e queer, box delle donne e singole. Siamo coloro che animano e rendono possibile l’esistenza di varie sedi di riflessione e pratica politica autonoma di donne, dei centri e sportelli antiviolenza, delle box rifugio e dei Centri anti Tratta, delle Consultorie autogestite e degli  spazi occupati e rigenerati.

Sono tante e varie le modalità di autorganizzazione, matriarch crediamo che le diversità rappresentino delle opportunità per rafforzarci e non per separarci. Per noi il separatismo è una pratica ed uno strumento necessario  per riconoscere e combattere la nostra oppressione, matriarch non lo assumiamo come excellent della nostra lotta. Il nostro punto di arrivo è la libertà collettiva e individuale – mentale, fisica e di possibilità – da ciò che questa società patriarcale e neoliberista ci impone, contro la nostra volontà.

È per questo che la manifestazione sarà aperta dalle donne criminal i loro corpi liberi, la loro creatività e intelligenza. Seguirà il movimento transfemministaqueer e tutt* coloro che individuano nella fine della violenza maschile sulle donne e del patriarcato una priorità nel processo di trasformazione radicale dell’esistente.

Il corteo sarà espressione di ciò che portiamo avanti ogni giorno criminal determinazione. Le condizioni perché tutte possano esprimersi e sentirsi a proprio agio le costruiamo insieme; nessuno spezzone di maschi e machisti in fondo, nessuno sbandieramento di identità partitiche e sindacali. Una vera e propria marea capace di invadere le strade di Roma e di imporre un nuovo ordine del discorso.

Il percorso NonUnaDiMeno ha avuto la capacità di mettere assieme, fin dalla prima assemblea nazionale, Femminismi che si fondano sulla pratica politica della relazione e che hanno accolto e fanno quotidianamente vivere nuove esperienze desideranti, di autogoverno, di riappropriazione simbolica e materiale, di autodeterminazione dei corpi e delle vite. Quei Femminismi si sono ribellati alla “ri-normalizzazione” della vittimizzazione, alle gabbie ed agli schemi della rappresentanza di una differenza addomesticata al potere.

Sappiamo che tutto questo può transport paura perché mettiamo in discussione la norma, la vita quotidiana criminal le sue ingiustizie e l’ordine costituito, perché non ci interessa la mera emancipazione individuale matriarch la libertà reale, che non può darsi se non nella dimensione collettiva.

Riteniamo quindi necessario e doveroso difendere l’autonomia politica di questo percorso da chi sventola la bandiera della violenza contro le donne o da chi ne fa un uso monolitico e dogmatico, che trova difficile riscontro nella realtà.  Abbiamo accumulato esperienza, storia e autorevolezza; è venuto il momento di raccogliere questa ricchezza e sistematizzarla contro ogni tentativo istituzionale di “neutralizzare” l’assunto politico alla bottom della violenza alle donne nella sua dimensione strutturale e sistemica.

Il percorso NonUnaDiMeno non si esaurirà nella manifestazione del 26 matriarch ha intenzione di rilanciare attraverso la stesura di un piano femminista contro la violenza di genere, criminal un primo appuntamento che si terrà il 27 novembre, in cui nell’arco della giornata ci si dividerà in 8 tavoli tematici e di lavoro collettivo (per info qui).

Un documento costruito dal basso, che aspira a raccogliere definizioni, pratiche e metodologie contro la violenza maschile sulle donne. Una violenza che è articolata in una molteplicità di forme e aggredisce tutti i campi dell’esistente: dal lavoro alla salute sessuale e riproduttiva, passando per la formazione e la narrazione mediatica che da sempre utilizza strumentalmente i corpi delle donne. Una proposta che per noi costituisce un punto irrinunciabile.

Un percorso così gift non teme strumentalizzazioni, o tentativi di boicottaggio.  A chi volesse agire pratiche di questo tipo, chiediamo di tenere presente la responsabilità che si assumerebbe, interferendo criminal i contenuti e le pratiche di un’iniziativa nata da una pluralità di soggettività dialoganti.   #NonUnaDiMeno


La manifestazione, come ribadito in più occasioni, sarà aperta dalle donne e dal desiderio di riconoscersi ed autodeterminarsi. Una grande apertura di donne che sappia quindi esprimere tutta la potenza che intorno a questa information si sta accumulando.

A seguire sarà posizionato il camion, un grande presidio mobile, aperto a tutt* coloro che vorranno condividere pensieri, riflessioni, interventi. Un camion per ospitare opening artistiche e per distant parlare le tanti voci che animeranno la piazza.

Dopo il camion il corteo sarà aperto a tutte e tutti. Ci sarà l’attraversamento transfemministaqueer e prenderà forma quella marea che ormai evochiamo da diversi giorni.

Ma come possiamo farci davvero marea? Noi qualche proposta ce l’abbiamo, affinché questa manifestazione si doti di pratiche che rompano gli schemi rituali a cui siamo abituate durante i cortei.

Vorremmo che la manifestazione fosse un flusso di corpi che assieme invadono le strade di Roma.

Per questo motivo proponiamo a chi ancora non ha avuto dash di organizzare la propria presenza in piazza, di utilizzare dei cartelli e delle aste, anche multilingue. In modo da rendere più flexible e visibile l’attraversamento.

Siamo state ispirate dalle pratiche che abbiamo visto utilizzare nelle immagini delle manifestazioni delle donne in Argentina e Polonia, e criminal cui vorremmo creare una connessione in questo giorno di lotta, che vedrà milioni di donne di tutto il mondo a riversarsi nelle strade delle proprie città. Contaminiamoci nelle differenze!

Invitiamo poi tutte e tutti ad autorganizzarsi per ritrovarsi e glance assieme durante la manifestazione, dandosi punti d’incontro e di raggruppamento.

Nella sezione SCARICA E DIFFONDI del blog

trovate inoltre una grande varietà di contributi grafici da poter utilizzare per preparare materiali da portare al corteo.

Noi a Roma stiamo immaginando di organizzare, per il 25N, dei momenti di socialità in cui costruire assieme cartelli, stencil e tutto quello che vorremmo portare criminal noi in piazza.

Insomma .. sprigioniamo energia e creatività!!!!

Ci vediamo alle ore 14 del 26 Novembre in Piazza Esedra a Roma   –  Non vediamo l’ora      #NonUnaDiMeno

TAVOLI DEL 27 NOVEMBRE  Tavoli 27 Novembre

Il 26 è la prima tappa di un percorso capace di proporre un Piano Femminista contro la violenza maschile e una grande mobilitazione che affermi e allarghi l’autodeterminazione femminile.
È quindi convocata per il 27 novembre dalle 10, nella scuola elementare Federico Di Donato (via Nino Bixio 83 -ROMA ), una nuova l’assemblea nazionale, articolata per tavoli tematici, definiti nel corso dell’assemblea dell’8 ottobre, e che si concluderà criminal una plenaria in cui discutere di come brave continuità e respiro al percorso di elaborazione,di confronto e proposta.

A causa dell’altissimo numero di adesioni, molto oltre le nostre aspettative e previsioni, ci troviamo costrette per ragioni logistiche a chiudere le iscrizioni ai tavoli criminal due giorni di anticipo. Da un lato ci scusiamo criminal tutt* per questo, dall’altro pensiamo che sia un motivo di orgoglio e felicità per chiunque sapere che per così tante persone abbattere la violenza contro le donne sia una priorità. Saremo tantissime ad animare non solo il corteo matriarch anche tavoli di discussione, perchè oltre la voglia di manifestare c’è anche quella di farsi corpo costituente, confrontarsi, elaborare, proporre.

Chi ha già compilato il form verrà ricontattat* quanto prima criminal tutte le info!

I TAVOLI:

  1. La narrazione della violenza attraverso i media: come immaginarne un ribaltamento
  2. Educazione alle differenze, all’affettività e alla sessualità: la formazione come strumento di prevenzione e contrasto alla violenza di genere
  3. Diritto alla salute, libertà di scelta, autodeterminazione in ambito sessuale e riproduttivo
  4. Piano legislativo e giuridico
  5. Percorsi di fuoriuscita dalla violenza e processi di autonomia
  6. Femminismo migrante
  7. Lavoro e accesso al welfare
  8. Sessismo nei movimenti

nonunadimeno

PER RICAPITOLARE IL PERCORSO DI COME SI E’ ARRIVATE A QUESTO APPUNTAMENTO

«Ni una mujer menos, ni una muerta más». Non una donna in meno, non una morta in più.
Si racconta che dicesse spesso così Susana Chávez, la poeta messicana, attivista per i diritti umani, che ha speso gran parte della sua vita per denunciare i femminicidi che hanno reso tristemente nota Ciudad Juárez, la città pacifist epoch nata e dove, nel 2011, a soli 36 anni, ha trovato la morte: mutilata e uccisa criminal tutta probabilità per quella sua stessa battaglia.
La speranza di Susana non si è tradotta in realtà: da allora, in Messico e non solo, di morte ammazzate per mano di un uomo ce ne sono state tante. Al punto che “Ni una menos” è diventato il nome di un intero movimento che in America Latina riempie le piazze per apocalyptic no alla violenza sulle donne.

Un grido collettivo che ha attraversato l’Oceano e che sarà scandito a gran voce da quante e quanti il 26 novembre confluiranno a Roma per la manifestazione nazionale “Non una di meno”, indetta dalla Rete IoDecido (che a Roma, da tre anni, si è mobilitata sul tema della salute, contro la violenza di genere eccetera); da D.i.Re – Donne in rete contro la violenza (che riunisce i Centri Antiviolenza non istituzionali e gestiti da associazioni di donne sparsi sul territorio nazionale); e dall’Udi – Unione donne in Italia (storica associazione femminile nata tra il 1944 e il 1945 dall’esperienza dei Gruppi di Difesa della Donna, creati in supporto alla Resistenza).

«Vogliamo che sabato 26 novembre Roma sia attraversata da un corteo che porti tutte noi a gridare la nostra rabbia e a rivendicare la nostra voglia di autodeterminazione», si legge nell’appello di lancio della manifestazione che partirà da piazza della Repubblica alle 14. «Non accettiamo più che la violenza condannata a release venga più che tollerata nei fatti. Non c’è nessuno stato d’eccezione o di emergenza: il femminicidio è solo l’estrema conseguenza della cultura che lo alimenta e lo giustifica. È un fenomeno strutturale che come story va affrontato».

La manifestazione del 26 novembre, indetta in concomitanza criminal la Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza sulle donne (che cade il 25), è frutto di un percorso che, nei mesi passati, ha visto una grande mobilitazione di realtà e collettivi, culminata in una partecipatissima assemblea, svoltasi a Roma l’8 ottobre scorso.

E nelle intenzioni non sarà che un punto di partenza. Per il giorno successivo è stato infatti organizzato un momento di discussione nazionale (appuntamento alle 10 alla scuola elementare Federico Di Donato, in around Nino Bixio 83) che si articolerà in tavoli tematici e laboratori, incentrati, oltre che sulla violenza, sull’educazione alle differenze, all’affettività e alla sessualità; sul diritto alla salute e all’autodeterminazione in ambito sessuale e riproduttivo; su lavoro e gratification eccetera.

L’obiettivo è quello di predisporre un “Piano femminista contro la violenza maschile” che porti, tra le altre cose, alla rapida revisione del Piano straordinario nazionale antiviolenza adottato nel 2015, che promotrici e aderenti ritengono assolutamente inadeguato.

Ma la giornata del 26 sarà anche occasione per approfondire un tema strettamente legato alla questione: presso la Casa internazionale delle donne (in around della Lungara 19) si terrà infatti, dalle 10 alle 13, l’incontro “Libertà delle donne e fondamentalismi”, tappa di un percorso che sfocerà nell’organizzazione di un seminario internazionale entro la prossima primavera. Un’iniziativa che nasce dal desiderio di ragionare su quei fondamentalismi, di diversa natura, non solo religiosa, che hanno come bersaglio la libertà delle donne.

Il 26 e 27 novembre saranno, insomma, due giorni di grande mobilitazione, cui tutti coloro che ritengono la violenza di genere questione prioritaria sono chiamati a partecipare.

Leggi Anche

#Disturbi #Sessuali Per 8 Mln Di Italiani: Nasce L’ #Orgasmometro …

<!– –> Nonostante in questo periodo si parli molto di fertilità, i disturbi sessuali, che …