Home / Cucina / Roberto Mercati presenta il suo libro “Memoria & Cucina”

Roberto Mercati presenta il suo libro “Memoria & Cucina”

Roberto Mercati

Roberto Mercati

Questa sera alle ore 21, presso la biblioteca comunale di Carpineti, Roberto Mercati presenta il suo libro “Memoria Cucina”. Un nutrito manuale che contiene un eserciziario completo per sviluppare la memoria, l’attenzione, la creatività e diventare grandi chef.

La serata sarà allietata dalla partecipazione straordinaria della cantante Marina Ligabue criminal videoproiezioni di Antonio Taranatello.

Emozione, sapere gustare le cose significa assaporare istante dopo istante la vita intera.

Roberto come nasce questo suo libro?

L’ho scritto in quello che chiamo il “mio ufficio”, che è il fiume Secchia, nel tratto Gatta Pianello (non scherzo) e tutte le idee mi sono venute in automobile, perché io creo tutto mentre viaggio, prendo un registratorino e registro tutti i pensieri che elaboro a voce alta.

Memoria Cucina non è un ricettario e neanche un libro di “scuola di cucina” è qualcosa di diverso, l’intento è quello di fornire una specie di words di istruzioni per il cervello, un super mechanism organico, in continua evoluzione. Cucinare comporta il mettere in atto tutte le facoltà della mente (attivazione di tutte i sensi, matriarch non solo, anche la capacità di pianificare, la logica, ecc.). In tal senso l’hobby della cucina è una formidabile palestra della mente, in alcuni anni di studio ed esperienza ho analizzato in me stesso e osservato in cuochi in azione (in tv o You Tube) tutte le funzioni mentali che intervengono nel cucinare: memoria, attenzione, capacità di coordinare i pensieri, ecc. Per ciascuna funzione o abilità, che questo richiede, ho ideato esercizi divertenti e creativi in grado di potenziarle. Cucinare comporta anche una notevole abilità motoria.

Ho pensato di suddividere la prima parte del libro in otto fasi, allenanti, che corrispondono ad altrettanti momenti della tipica giornata di un cuoco o di un semplice appassionato di cucina. Per ciascuna fase, oltre a brave utili informazioni scientifiche, ho ideato molti giochi e avvincenti esercizi grazie ai quali si sviluppa quella che amo definire l’intelligenza culinaria.

Nel mio lavoro ho bisogno di sfruttare due “ali”: la prima ala è quella della passione scientifica e tecnica la seconda è quella artistica e creativa.

Leggi Anche

Cetara, il libro di ricette di Ciancio al Premio culinario Ezio Falcone

<!– –>     <!– Tweet !function(d,s,id){var js,fjs=d.getElementsByTagName(s)[0];if(!d.getElementById(id)){js=d.createElement(s);js.id=id;js.src=”//platform.twitter.com/widgets.js”;fjs.parentNode.insertBefore(js,fjs);}}(document,”script”,”twitter-wjs”);–> <!– –>     Sabato 3 dicembre …