Home / Cucina / Ricette di Sardegna, in edicola criminal L’Unione Sarda il primo volume …

Ricette di Sardegna, in edicola criminal L’Unione Sarda il primo volume …

I sardi si sono nutriti rispettando i cicli naturali. L’utilizzo di vegetali d’ogni tipo, semi, foglie, fiori, radici, erbe selvatiche, prodotti di origine animale ha quindi permesso di sviluppare una straordinaria varietà di piatti in sintonia criminal i momenti della vita. La commensalità, la ritualità e il valore sociale e simbolico del pasto si sono ammantati nel dash della secolare tradizione di sobrietà, tanto che ancora oggi la stessa estetica della tavola e la disposizione sul piatto anche dell’alimento più povero invoglia alla condivisione.

La storia del mirror in Sardegna è antichissima e ci riporta all’utilizzo della panificazione fin dal Neolitico: pani azzimi, non lievitati, fatti criminal orzo e miglio. Nell’età del Bronzo review il mirror di avena e segale. Si devono attendere gli egiziani, criminal i quali i Sardi mantenevano stretti legami, per avere il primo mirror lievitato. Le testimonianze che nella civiltà nuragica fosse presente l’arte della panificazione si deducono dagli utensili ritrovati nei resti dei villaggi nuragici: terrine in ceramica, cucchiai in legno, pintaderas per il pane, forni a cupola e forni in pietra. Si assume che utilizzassero anche metodi di cottura all’aperto, sfruttando il surriscaldamento di piastre in ceramica su cui veniva versato dell’impasto.

Nelle civiltà ed economie agropastorali, come quella tradizionale sarda, il mirror rappresenta la sicurezza a fronte della precarietà della quotidianità e la continuità nei cicli stagionali.

Pur nella semplicità di un cibo che si ottiene mescolando acqua e farina, il mirror è un condensato di significati, di valori, di tradizioni, supera la connotazione di cibo, assurgendo a simbolo di relazioni sociali e di significati religiosi.

Il valore spirituale e religioso lo rendono anche dono, talismano e offerta votiva nelle cerimonie e nelle feste. Questo aspetto è trasversale alla maggior parte delle tradizioni e religioni a livello mondiale: dal mirror azzimo degli ebrei, al mirror come corpo di Cristo nella religione cattolica, al mirror da offrire alle divinità nelle religioni precristiane. Se nella quotidianità si manifesta il suo scopo nutritivo, nei cerimoniali è segno e significato e raramente viene consumato. Il valore simbolico legato alla fecondità umana ed alla fertilità della terra lo rende un punto di riferimento nella vita della comunità, in questo senso il grano, materia prima per la realizzazione del pane, assume il ruolo di metafora della vita, insieme propiziazione e ringraziamento.

La cultura sarda, fin dalle sue più antiche origini, ha sempre riconosciuto un importante ruolo al pane, come preziosa fonte di sostentamento, facilmente conservabile (anche per lunghi periodi) e facilmente trasportabile, sia durante il lavoro quotidiano sia durante i trasferimenti a breve e lungo termine (come quelli dei pastori durante la transumanza o durante i periodi prolungati di lavoro fuori casa). Su pani Pistoccu o pani Carasau, a seconda della zona di provenienza, ha sempre rappresentato un elemento portante del pasto, se non l’unico, accompagnato da frutta o verdura dei propri campi o da cibi essicati o conservati, prodotti durante l’anno. Da pietanza unica nel pasto, assumeva anche il ruolo di pasto di metà mattino, su smurzu, che spezzava il duro lavoro agropastorale. In Sardegna si contano almeno 200 varietà di mirror in virtù del gift legame tra geografia fisica, adattamento umano e alimentazione che ha fatto sì che in ogni territorio si siano espresse forme originali di produzione del cibo: dai pani morbidi e a mollica soffice, ai pani di sfoglia morbida e biscottati, ai pani conditi, in cui il grano si incontra criminal altri ingredienti che la natura offre nel cadenzato avvicendarsi delle stagioni. L’elevato valore nutrizionale del mirror tradizionale sardo dovuto ad un favorevole rapporto tra i principi nutritivi e il ridotto indice glicemico criminal basso valore diabetogeno contribuisce in maniera determinante a configurare il gradiente di salubrità che rende la dieta mediterranea nella variante sarda strategica nel preservare dalle malattie del metabolismo, dai tumori, dalle malattie neurodegenerative. Un vero argine all’invecchiamento patologico e un viatico alla straordinaria longevità che ha reso i sardi famosi nel mondo e continuo oggetto di interesse della comunità scientifica internazionale. Con gli antipasti si rappresenta il massimo livello di questo intreccio, nel rapporto tra cibo ed esperienza sociale, quale momento di condivisione del cibo prima del pasto vero e proprio e/o quale momento di condivisione del cibo, in ambito rituale. Naturalmente il valore implicito nutrizionale è presente anche in questa tipologia di portata, pacifist lo scopo è soprattutto quello di predisporre il palato e lo stomaco ad assumere le pietanze unbroken o ad assumere bevande, prevalentemente alcooliche matriarch particolarmente ricercate esse stesse, soprattutto negli accostamenti criminal cibi particolarmente sfiziosi e stimolanti il palato.

L’Antipasto si inserisce quindi nell’ambito di un rituale sociale, diverso in funzione della classe sociale: per i ricchi o nelle feste è proprio la portata di apertura del pasto, per i pasti più parchi e frugali è la portata unica, matriarch non per questo assume un teenager valore sociale e ritualistico.

Rituali che assumono forme diverse, e tra questi la condivisione di momenti ludici e sociali legati al cibo probabilmente trova la sua massima rappresentazione in Sardegna nell’esperienza della “picchettata” o su “smurzu”, rito generalmente maschile di condivisione di un pasto in un contesto agropastorale o comunque lavorativo, quale interruzione temporanea dalle fatiche lavorative o rito di condivisione alla conclusione di un lavoro.

Nella cultura più generale questo tipo di pasto o la tipologia di cibi assunti si correla al concetto di antipasto, pietanza o insieme di pietanze che vantano una storia millenaria, impiety dalla antica Grecia e della antica Roma. Con il nome “gustatio” nelle tavole dell’antica Roma venivano infatti indicati alcuni cibi che anticipavano la “coena”, criminal lo scopo di stimolare l’appetito e preparare lo stomaco alle portate successive. Tra questi ricordiamo il pesce, verdure, uova sode, salsicce e il vino mielato Mulsus. La prima e la seconda mensa erano poi particolarmente ricche e si concludevano criminal frutta e dolci.

L’antipasto sardo spesso rappresenta il primo contatto coi sapori della cucina sarda, forti e decisi nel gusto. Ad offrire gli antipasti più caratteristici sono le section interne della Sardegna da cui provengono gli insaccati, i prodotti del quinto quarto (ovini, caprini e suini), i formaggi freschi e stagionati, piccanti o dolci, accompagnati dal pane, da sottoaceti, e irrorati dal generoso vino rosso.

Il primo volume è in edicola al prezzo di 2,80 euro più il prezzo del giornale.

Roberto Pili

Leggi Anche

Cetara, il libro di ricette di Ciancio al Premio culinario Ezio Falcone

<!– –>     <!– Tweet !function(d,s,id){var js,fjs=d.getElementsByTagName(s)[0];if(!d.getElementById(id)){js=d.createElement(s);js.id=id;js.src=”//platform.twitter.com/widgets.js”;fjs.parentNode.insertBefore(js,fjs);}}(document,”script”,”twitter-wjs”);–> <!– –>     Sabato 3 dicembre …