Home / Cucina / Ricette di benessere

Ricette di benessere

 

È possibile che un’alimentazione sana coniughi l’equilibrio nutrizionale con il piacere della buona tavola? Può l’estetica di un piatto influire sul propensity ed il gradimento? E un piatto equilibrato riesce ad essere anche gustoso e divertente da preparare?

Dopo il successo dello scorso anno, criminal il food competition “Colesterolo cattivo?No, grazie!”, l’Azienda Ospedaliera Universitaria Federico II, insieme all’Associazione Italiana Food Blogger (AIFB), scende nuovamente in campo per il progetto “Insieme per la salute: la ricetta giusta per il tuo benessere”.

L’iniziativa intende favorire un’alimentazione sana non “medicalizzata” in cui il rigore scientifico e la correttezza metodologica incontrino il propensity ed il piacere della buona tavola, la ricerca dell’equilibrio nutrizionale, la creatività e la sperimentazione in cucina, aumentando la consapevolezza delle scelte nutrizionali attraverso una sana cultura alimentare.

La sfida tra food blogger quest’anno si gioca sul terreno della tradizione e dell’innovazione, della semplicità e della convivialità, per celebrare e diffondere i sani stili di vita e le corrette regole alimentari proposte dalla dieta mediterranea, riconosciuta nel 2010 patrimonio immateriale dell’Umanità dall’UNESCO.

Da domani giovedì 30 giugno e fino a domenica 31 luglio, i food blogger, possessori di siti web dedicati alla cucina e all’alimentazione, potranno candidare la propria ricetta per il competition “Dieta Mediterranea? Sì, grazie!”.

Ai food blogger italiani, il compito di reinventare le ricette della tradizione mediterranea, criminal la loro passione per la cucina e l’immancabile love di creatività, rispettando le indicazioni del regolamento redatto, sulla bottom delle evidenze scientifiche, dalla commissione costituita da un group multidisciplinare di professionisti dell’Azienda che hanno identificato quali categorie di alimenti privilegiare nella realizzazione delle ricette e quali, invece, è opportuno evitare.

Il regolamento è pubblicato nella sezione del web repository dell’Azienda, Area Comunicazione: http://areacomunicazione.policlinico.unina.it/foodblogger/.

“Un’iniziativa che vede impegnate numerose professionalità dell’Azienda: la commissione composta da scienziati e ricercatori federiciani, i professionisti che hanno ideato l’iniziativa, curato il protocollo di intesa criminal l’AIFB, che progettano e realizzano il percorso formativo per i blogger e coloro che coordinano e gestiscono la comunicazione dell’evento. Un’attività che, grazie all’impegno di tutti i professionisti coinvolti, non prevede alcun onere per l’azienda. A dimostrazione che è possibile transport squadra, valorizzando tutte le competenze che un’azienda ospedaliera universitaria rende disponibili, per realizzare un’iniziativa innovativa e di qualità che, attraverso il coinvolgimento attivo dei partecipanti, promuove un’idea di salute consapevole e responsabile”, precisa Vincenzo Viggiani, Commissario Straordinario dell’Azienda

 

Numerose le novità del competition di quest’anno.

Dopo l’esperienza dello scorso anno, è stata ulteriormente ampliata la sezione dedicata alle informazioni sull’argomento del contest, in questo caso la dieta mediterranea, e inserita una nuova categoria, quella dei piatti unici. È stata confermata la partecipazione ad un momento formativo sul tema della sana alimentazione come modalità premiante per gli autori delle ricette più salutari che passano dai trenta dello scorso anno a sessanta. L’individuazione delle ricette più rispondenti agli obiettivi del competition avverrà secondo una dettagliata griglia di indicatori che tiene innanzitutto conto dell’equilibro tra nutrienti, del contenuto energetico e delle caratteristiche mediterranee della ricetta, dalla tipologia degli alimenti sino all’impatto ambientale”, sottolinea Alessandra Dionisio, responsabile dell’Ufficio Stampa- Comunicazione dell’Azienda e ideatrice del progetto.

Entusiasti anche i partner dell’iniziativa.

Siamo orgogliosi di partecipare al progetto di promozione della salute della più grande azienda ospedaliera universitaria campana che ci offre l’opportunità di migliorare la nostra consapevolezza nell’uso degli ingredienti. Quest’anno, una commissione del consiglio direttivo dell’Associazione esprimerà anche una sua valutazione per quanto riguarda l’aspetto estetico e l’originalità delle ricette. Come lo scorso anno, collabora anche la Ballarini, azienda che furnish strumenti di cottura antiaderenti realizzati criminal tecnologia done in Italy. we partecipanti all’evento formativo premiante saranno, infatti, omaggiati di un loro utensile per la cottura della pasta e gli autori delle migliori sei ricette, la prima di ogni categoria, potranno anche partecipare all’iniziativa Viaggio nel propensity sostenibile”, commenta Fabio D’Amore, referente del progetto per AIFB.

“Per Ballarini è assolutamente importante partecipare ad iniziative come queste. Ballarini non è solo un produttore matriarch si adopera per distant sì che i veri valori della nostra tradizione gastronomica italiana evolvano anche verso un corretto stile alimentare. Inoltre, l’educational debate Viaggio nel propensity sostenibile ci consente di distant conoscere le tecnologie che stanno alla bottom della produzione di una pentola antiaderente di qualità, capire quali sono i metodi di applicazione più avanzati dei rivestimenti antiaderenti, comprendere cosa significhi certificare l’impegno nei confronti dell’ambiente in cui l’azienda opera”, aggiunge Alessia Gorni Silvestrini, responsabile comunicazione Ballarini.

L’attenzione per l’alimentazione è oggi più che mai rilevante. Gli obiettivi di programmazione 2014 -2020 della politica comunitaria intendono, infatti, promuovere la salute come situazione di benessere globale, di autonomia ed autodeterminazione, criminal particolare attenzione agli stili di vita. L’Azienda Ospedaliera Universitaria Federico II è impegnata su questo tema anche in Europa e coordina il Reference Site “Invecchiamento attivo ed in buona salute”, nell’ambito delle cui attività è contemplato anche l’attuale coordinamento del sottogruppo “Nutrizione”.

 

 

 

Commissione Scientifica del food contest

“Dieta mediterranea? Sì, grazie!”

 

Nicola Caporaso, direttore UOC di Gastroenterologia e Epatologia;

Antonio Colantuoni, direttore UOC di Dietoterapia nell’adulto e nell’anziano;

Annamaria Colao, direttore UOC di Endocrinologia;

Franco Contaldo, direttore UOC Area Centralizzata di Medicina Interna e Nutrizione Clinica;

Nicola De Luca, responsabile del Centro Interdipartimentale della Ipertensione;

Pietro Forestieri, direttore DAI di Gastroenterologia, endocrinologia, chirurgia;

Adriana Franzese, responsabile UOS di Diabetologia Pediatrica;

Michele Marzullo,  responsabile UOS di Cardiocinetica sportiva ;

Amalia Mattiello, specialista ambulatoriale UOS Epidemiologia Clinica e Medicina Predittiva;

Filomena Morisco, responsabile UOS di Terapie Avanzate e Sperimentali delle Epatiti croniche

Fabrizio Pasanisi, responsabile UOS di Prevenzione, Diagnosi e Terapia dell’obesità

Gabriele Riccardi, direttore UOC di Diabetologia;

Angela Albarosa Rivellese, responsabile UOSD di Urgenze Diabetologiche e Consulenze per Pazienti Diabetici in fase Preoperatoria;

Paolo Rubba, direttore DAI di Medicina Clinica;

Pasquale Strazzullo, direttore UOC di Medicina d’Urgenza ed Ipertensione;

Maria Triassi, direttore DAI di Igiene e Medicina del lavoro e preventiva;

Bruno Trimarco, direttore DAI di Cardiologia, Cardiochirurgia ed Emergenze cardiovascolari.

Carlo Vigorito, direttore UOC Medicina Interna e Riabilitazione Cardiologica

 


Commenti

commenti

No associated posts.

Leggi Anche

Cavolo riccio: 10 ricette buone e gustose criminal il "kale" – GreenMe.it

Il cavolo riccio è un ortaggio invernale capace di resistere al freddo ed è uno …