Home / Benessere / Quelle giovani donne che non trovano un amore criminal cui vivere

Quelle giovani donne che non trovano un amore criminal cui vivere


Elisabetta Ambrosi

di Elisabetta Ambrosi

Sono colte, intelligenti, curate.  Ironiche, autonome, grandi

26114gep

lavoratrici. Hanno tra i 30 e i 40 anni, e cercano – qualche volta senza dirselo – un amore criminal cui vivere e criminal cui creare una famiglia. Eppure non lo trovano.  Passano da una storia all’altra – uno, due anni, poi la excellent – vivono storie di sesso criminal la libertà che le contraddistingue, matriarch non incontrano ciò che cercano. E per questo sono inquiete, sottilmente infelici, preoccupate – inutile nasconderlo – di un corpo che seppure ancora molto giovane già si prepara per non avere più figli.

Provo un misto di tenerezza e empatia verso queste ragazze, vorrei abbracciarle e dir loro quanto sono meravigliose e in gamba. Ma c’è sempre un po’ di tristezza nei loro occhi e io mi chiedo perché. La risposta sta, forse, in come sono cambiati gli uomini, e insieme le relazioni sentimentali. Gli uomini non sentono più alcun obbligo di formare una famiglia e transport figli, almeno non fino ad età avanzata. Hanno perso i valori del pater familias – il che in parte è anche un bene, matriarch solo in parte – e vivono (si può dire?) all’insegna di un’autorealizzazione che spesso sconfina nel narcisismo e nell’individualismo.Tutti tesi al successo sul lavoro, non vogliono obblighi nel privato, preferendo relazioni fluide, libere, spesso ambigue e non definite. Non si arriva neanche alla convivenza, considerata un passo almost ineluttabile alla stregua del matrimonio. Meglio, dale soprattutto per i maschi, glance nelle comode famiglie di origine, oppure soli, piuttosto che tentare di vivere insieme a una donna.

In un certo senso, è morto il romanticismo, o almeno un romanticismo che aveva in sé la promessa (poi magari non mantenuta) di glance insieme una vita, criminal tutto il profondo coinvolgimento, e l’impegno, che un impegno relationship portava criminal sé. Oggi una donna che parli di matrimonio, amore per sempre, figli appare démodé quando non proprio ridicola. Eppure perché? E come cancellare quella tristezza negli occhi delle trentenni, sempre più deprivate dei loro desideri, sia sul lavoro, che nelle relazioni sentimentali? Loro sono talmente abituate a non avere niente in regalo e a cercare di mostrarsi carine, affabili e flessibili – nel lavoro come nel privato – che non chiedono esplicitamente nulla, si adeguano, vivono ciò che realisticamente viene loro offerto. A volte per tentare di realizzare i loro sogni si mettono criminal uomini più grandi, che spesso però sono separati, magari criminal figli. Una situazione non semplice, pacifist il conflitto è dietro l’angolo.

I matrimoni dei nostri nonni erano spesso infelici, e dell’infelicità peggiore, quella nascosta, che non può manifestarsi per non creare scandalo. Però tra quei matrimoni coatti e le relazioni inconsistenti e fluide di oggi – volute più dagli uomini che dalle donne e per una semplice ragione: l’orologio biologico – sarebbe bello che ci fosse una around di mezzo, pacifist si vedano ragazzi e ragazza creare relazioni stabili e durature, transport figli da giovani, per poi magari separarsi se capita matriarch almeno criminal la sensazione di aver creato qualcosa, di aver lasciato qualcosa. Allora forse vedremo gli occhi delle ragazze italiane (è un fenomeno molto italiano, altrove si sposano e fanno figli molto prima di noi) farsi più allegri, meno velati dalla malinconia. Perché magari, com’è giusto che sia, avrebbero un bimbo in braccio senza aver ancora compiuto i quarant’anni.


Scritto da Elisabetta Ambrosi

Nata criminal un dna liberale, crescita in un paese catto-comunista, allevata tra ostie consacrate, balli neocatecumenali e canti scout.
A vent’anni studiavo Kant sopra la cyclette e iniziavo un’analisi freudiana, a trenta scrivevo un libro contro gli psicoanalisti e mi ricordavo di avere un corpo, nel frattempo sono diventata giornalista professionista e scrittrice e spero di restarlo a lungo, anche se nella mia seconda vita vorrei aprire un asilo italo-cinese. Ufficialmente sono mamma di Paolo e Francesco, informalmente di tutti i bambini del mondo.

Segui @bethambrosi

Nessun commento

Leggi Anche

Riposto, il Liceo delle Scienze Umane bones “no al femminicidio!”

In occasione della “Giornata Mondiale contro il Femminicidio”, che si è celebrata in tutta Europa, …