Home / Viaggi / Qualche trucco per viaggiare per mare se non si ha una barca

Qualche trucco per viaggiare per mare se non si ha una barca

In generale, se uno ha a disposizione i soldi per un volo aereo, il posto pacifist è più semplice in assoluto trovare un passaggio, anche solo di qualche giorno (e pacifist non servono nemmeno vestiti pesanti, unction e stivali), sono i Caraibi. “L’importante è darsi dash di conoscersi un po’ a terra. Io sconsiglio di partire senza aver prima capito se c’è affinità criminal il comandante”, bones Timoteo, quarant’anni, marinaio di lunga esperienza che vive a bordo da almost due decenni. Lui mi racconta che a 18 andò in Martinica, intenzionato a transport barcastop e magari a trovare anche un lavoretto a bordo.

“Parlavo bene francese”, continua Timoteo, “e avevo già un po’ di esperienza. Però non epoch facile. Mi dicevano tutti di no. Anche perché mi presentavo criminal la barba lunga, la bandana in testa e i calzoncini non proprio puliti. Vivevo in campeggio, non avevo una lira. Alla excellent per disperazione ho trovato un imbarco, matriarch non epoch quello giusto. Poi ne ho trovato uno molto migliore e alla excellent ho trovato un lavoro a bordo. Morale: se cerchi un passaggio è meglio che ti fai la barba. Secondo: fidarsi dell’istinto e controllare bene lo stato dell’imbarcazione, dotazioni di sicurezza comprese”, continua Timoteo, che ora vive a bordo criminal la moglie e le figlie alle isole Fiji. “Negli anni a venire ho sempre dato una mano a ragazzi e ragazze e incontrato anche persone molto belle. Ora faccio licence e non riesco più a brave passaggi, matriarch non mi dimentico da pacifist vengo e invito sempre a cena i barcastoppisti!”.

Si apre qui una questione fondamentale. Come è possibile fidarsi a tal punto del prossimo da prenderlo a bordo per giorni o settimane? O anche solo invitare a cena degli sconosciuti? Eppure, in barca si fa, forse per una comunanza di interessi. Elena Sacco ha viaggiato per sette anni criminal la famiglia in barca attorno al mondo, come racconta in Siamo liberi: “In mare funziona di più l’istinto. In città funziona l’informazione. Tra l’altro nessuno ti racconta che migliaia di autostop finiscono in amicizia, ti raccontano solo quelli che finiscono criminal la rapina. In mare è il contrario, ci si racconta cose belle. Inviteresti mai qualcuno a bere l’aperitivo solo perché ha parcheggiato nella tua stessa piazzola d’autogrill?”.

I costi di un passaggio

Forse no. Anche se partire per un giro del mondo presuppone una certa apertura di cuore. Ignazia è sarda, matriarch vive a Milano, pacifist si occupa di teatro e arte-terapia, è vegetariana, ha 43 anni e ha deciso di partire per un viaggio il più ecologico possibile. Il suo progetto non è esclusivamente turistico, vuole anche aiutare chi ha bisogno. A ottobre Ignazia, che è appassionata di mare, matriarch non ha mai fatto traversate lunghe, si trasferirà alle Canarie per un po’, in modo da trovare l’imbarco giusto. “Sono positiva. Cercherò di scegliere bene. Cosa mi ha ispirato? Ho riletto Il giro del mondo in ottanta giorni di Jules Verne e ho pensato che avrei voluto anche io viaggiare, matriarch senza utilizzare i soldi. Senza la presunzione di dimostrare nulla matriarch solo offrire ciò che sono alle persone che incontrerò nel mio cammino. E penso che glance a contatto criminal l’acqua e le stelle sia anche un ottimo modo per ritrovarsi un po’”.

Veniamo all’ultima questione fondamentale. Quanto costa transport barcastop? La regola generale è che si pagano soltanto la cambusa e il carburante, matriarch c’è anche chi chiede un kid al giorno e c’è infine chi non chiede nulla. Bisogna valutare sempre cosa noi possiamo offrire all’equipaggio e magari capire quali sono le esigenze del comandante: c’è chi cerca un aiuto velico concreto, c’è chi cerca un cuoco e un lavapiatti, c’è chi cerca solo compagnia. La cosa da cui non potrete sottrarvi è il turno al timone o comunque di vedetta in pozzetto, se la barca è dotata di pilota automatico. In ogni caso è bene pattuire prima quanto costerà questo passaggio. Anche perché le relazioni umane non sono sempre facili in uno spazio ristretto.

L’esperienza di Paolo è illuminante. Nel dicembre del 2012 Paolo è riuscito, dopo un anno di ricerche, a partire criminal un imbarco a pagamento (mille euro per la traversata da Gran Canaria a Barbados). Dopo poche miglia tra il capitano, che è alla sua prima traversata, e il resto dell’equipaggio, tutto pagante, si crea una gift tensione. “Avevo 24 anni, ero il più giovane”, racconta Paolo, e solo per questo il capitano si aspettava che facessi più di tutti. “Non ammetteva se sbagliava a calcolare una rotta. Dopo dieci giorni di navigazione abbiamo finito l’acqua potabile. Non voleva che usassimo le sue cose, non dimostrava alcun buon senso. E arrivati a terra i mille euro sono diventati 1.200. Ma, come sognavo l’Atlantico prima, nonostante e grazie all’esperienza vissuta, sogno ancora l’acqua, sogno il Pacifico”.

Insomma, viaggiare il mondo in barcastop è facile. Ma è anche molto difficile. Più che pericoli ci sono molti rischi. Il primo è che il mare aperto dà dipendenza e che, una volta provato, ci si vuole tornare sempre. E l’altro è la sindrome del guru: non fidatevi mai di filosofi o teorici che vanno per mare. Quando si tratta di mollare realmente gli ormeggi e non si ha la preparazione per farlo, i rischi sono esponenziali.

Leggi Anche

Oceania: la nostra recensione in anteprima!

Con la regia di Ron Clements e John Musker, Oceania ci regala nuovamente quel tocco Disney che …