Home / Sessualità / Psoriasi e problemi sessuali: una cattiva amicizia!

Psoriasi e problemi sessuali: una cattiva amicizia!

di Salvatore Corrao

Su International Journal of Dermatology è stato pubblicato on-line l’agosto scorso un interessante lavoro scientifico che evidenzia un problema molto spesso sottovalutato e che al contrario ha una grande importanza per i pazienti in generale ma in particolare per le persone che soffrono di psoriasi.

La disfunzione erettile è un problema che affligge milioni di uomini nel mondo in grado di alterare i rapporti intimi con l’altra persona e quindi anche le relazioni interpersonali in generale.

Pensiamo quindi quanto ciò possa essere importante in chi è affetto da una malattia cutanea altamente disabilitante, quando non curata, e che potenzialmente tende a far sottovalutare al medico specialista altre problematiche quali quelle della sfera sessuale.

Innanzitutto cosa è la psoriasi: è una malattia autoimmune mediata dalle cellule T (una particolare classe di linfociti), a carattere infiammatorio e cronico che colpisce il 2-3% di tutta la popolazione (in Sicilia è possibile stimare un numero di circa 70.000 persone). Probabilmente il dato di prevalenza è sottostimato perché chi soffre di tale condizione tende a isolarsi e a non andare dal medico. Ma non è più una malattia di cui vergognarsi nonostante sia caratterizzata da placche cutanee, spesso con una distribuzione simmetrica, ben demarcate, rosse e con scaglie argentate, aderenti alla superfice della placca, che non risparmia nessuna zona cutanea, unghie comprese. Esistono ormai farmaci estremamente efficaci anche per le forme diffuse e maggiormente invalidanti come quelle che colpiscono prevalentemente capo e corpo o gli organi genitali di uomini e donne. Tra questi i farmaci biologici e in particolare gli anti-interleukina 17 si sono dimostrati nella pratica clinica corrente estremamente efficaci nel produrre miglioramenti in passato impensabili. Ma la ricerca ha messo a punto anche farmaci come l’apremilast, una piccola molecola che spegne l’infiammazione inibendo uno specifico enzima (la fosfodiesterasi-4) intracellulare e che può essere assunta per bocca senza fastidiose punture.

Molte altre patologie si associano alla psoriasi quali quelle cardiovascolari, metaboliche, infiammatorie intestinali, reumatologiche e neoplastiche.

Per questo motivo viene considerata una malattia dermatologico-internistica in cui l’approccio multidimensionale mirato alla persona e non alla malattia appare indispensabile.

Nella patogenesi della psoriasi il ruolo degli ormoni sessuali è importante e le condizioni che si associano spesso alla psoriasi portano tali ormoni a livelli alterati come avviene nella sindrome metabolica (caratterizzata da ipertrigliceridemia o riduzione dell’HDL colesterolo, obesità centrale, alterato metabolismo degli zuccheri e pressione arteriosa elevata).

Lo studio appena pubblicato dimostra nel sangue dei pazienti affetti da psoriasi una riduzione significativa dei livelli di testosterone e incremento dei livelli di estradiolo (ormone prevalentemente femminile).

Questo dato potrebbe spiegare l’associazione tra disfunzione erettile e psoriasi senza considerare quindi gli aspetti psicologici e le condizioni associate, malattie metaboliche e cardiovascolari in primis, in grado di per se di contribuire alla disfunzione erettile.

In accordo alla Organizzazione Mondiale della Sanità la sessualità è un bisogno primario dell’essere umano molto importante nel mantenimento di una buona salute mentale. Questo concetto deve essere ben presente in chi cura la malattia psoriasica.

Lo specialista dermatologo deve quindi mettere al centro il paziente, le sue comorbidità e i sui bisogni non soddisfatti e collaborare pienamente con l’internista dentro percorsi di cura avanzati per garantire la migliore prognosi e qualità di vita dei propri pazienti.

Tra questi bisogni la sessualità non può essere negata e al contrario il recupero di una condizione di normalità, anche grazie a cure e farmaci specifici, può contribuire a ristabilire un buon equilibrio psicologico e a potenziare i risultati clinici delle terapie praticate per la malattia cutanea e le sue comorbidità principali.

 

Tag:alterato metabolismo degli zuccherianti-interleukina 17apremilastdisfunzione erettileestradiolofosfodiesterasi-4HDL colesteroloInternational Journal of Dermatologyipertrigliceridemiaobesità centraleOrganizzazione mondiale della Sanitàpressione arteriosa elevatapsoriasisessualitàtestosterone

Leggi Anche

Giornata nazionale per la consapevolezza sulla ricostruzione …

Può sembrare un aspetto di vanità ma per le donne che hanno già perso i …