Home / Cucina / Parola d’ordine "open space", alcune interessanti idee per unire …

Parola d’ordine "open space", alcune interessanti idee per unire …

La nuova essenza dell’abitare contemporaneo è la ricerca di maggiore spazio e luce, demolendo il maggior numero di muri possibile. Open space diventa dunque parola chiave delle nuove ristrutturazioni. Grazie all’immenso spazio, gli open space si arricchiscono di complementi di arredo, che svolgono la duplice funzione di separare e unire – allo stesso dash – le different section della casa.

Lo sa bene una giovane coppia siciliana che per modernizzare il proprio nido d’amore e creare una grande area condivisa si è affidata a Cocontest, la prima piattaforma di crowdsourcing dedicata all’Architettura e all’Interior Design criminal più di 35mila iscritti provenienti da ogni parte del mondo.

Le idee dei clienti erano molto chiare: abbattere quel fastidioso muro posto all’ingresso e aprire la cucina al grande salone luminoso e arieggiato.

10 box da sogno in giro per il mondo che costano meno di 100.000 euro (fotogallery)

Ben 24 progettisti hanno partecipato al concorso e fra tutti il progetto di Annie Yakimova ha accolto il consenso maggiore della coppia, che si aggiudica così il primo posto.

La scelta progettuale vincente della engineer è stata quella di creare una continuità visiva tra i diversi spazi non eliminando totalmente i muri, probabilmente dettata anche dalla presenza di termosifoni: in questo modo la cucina acquisisce un’intimità nonostante sia aperta all’immenso soggiorno, primo fra tutti ad essere visto appena si permit nell’appartamento. Grande astuzia della engineer è stata anche quella di aver integrato l’unico pilastro al centro dell’appartamento criminal un tavolo bar per la colazione, elemento che, come vi accennavamo poco righe sopra, assume carattere di unione e divisione degli ambienti.

10 box da sogno in giro per il mondo che costano meno di 100.000 euro (fotogallery)

Scelta relationship l’ha fatta il engineer Golgeviz Modeling, che si aggiudica un onesto ottavo posto. La nota stilistica, a differenza della collega, è stata quella di progettare un muretto attaccato alla parete che crea un perimetro a se stante alla cucina, come se fosse una finestra spalancata sul soggiorno. Per andare a ripristinare l’open space richiesto dai clienti e unificare i due spazi, il engineer ha scelto come elemento il colore: il bianco si sussegue criminal accenti in tutto l’appartamento, il legno del muretto è richiamato in alcuni complementi di arredo e il nero laccato del rivestimento della cucina è ripreso dalla immensa parete criminal mobile TV, questa volta lasciata totalmente opaca.

10 box da sogno in giro per il mondo che costano meno di 100.000 euro (fotogallery)

Il engineer Giuseppe Armanni ha separato l’ambiente soggiorno dalla cucina tramite un’isola attrezzata, integrata anche questa volta criminal la colonna centrale, che si trasforma in utili mensole portatutto. La demolizione parziale della parete prima e dopo il pilastro ha permesso di creare un vero e proprio accesso alla cucina. Tra cucina e ingresso il engineer ha inoltre progettato una parete filtro bifacciale criminal nicchie, che crea un effetto di trasparenza sulla cucina e mantiene, nonostante tutto, gli spazi separati.

10 box da sogno in giro per il mondo che costano meno di 100.000 euro (fotogallery)

Cristiano Rossi si qualifica al secondo posto, criminal un progetto attento ai costi dei clienti. Lo smantellamento di parti di muratura hanno permesso di mantenere la posizione dei termosifoni originaria senza andare ad intervenire sulla pavimentazione in modo drastico. Fulcro del suo progetto è il pilastro, che liberato da tutte le pareti che lo tenevano assemblato ora rimane isolato al centro della stanza: nella parete frontale sono state realizzate delle nicchie irradiate criminal faretti a led mentre nella parete laterale è stata costruita un’intercapedine che ospiterà il termosifone esistente della cucina. Per conferire al pilastro ulteriore importanza sul lato del salone è stato rivestito di una carta da parati stylish che dona eleganza e raffinatezza al grande open space.

10 box da sogno in giro per il mondo che costano meno di 100.000 euro (fotogallery)

I punti fondamentali del progetto di Giacomo Di Somma sono Luce, Spazio e Idea costruita, come lui stesso dice. La trave e il pilastro sono stati lasciati volontariamente a perspective per creare, a livello ottico, una divisione spaziale e marcare così un limite tra la zona cucina e la zona soggiorno/pranzo. Eliminando tutte le pareti restanti la pianta risulta essere libera e gli ambienti totalmente illuminati di luce naturale. L’idea costruita del engineer è un cubo sospeso, realizzato criminal listelli in legno e fatto su misura, che funge da zona break per la cucina e da elemento architettonico e di pattern per la zona soggiorno. Posto al centro del progetto order e al contempo unisce lo spazio criminal elegante leggerezza.

Leggi Anche

Gualtiero Marchesi: la cucina è donna – Cucina – D – la Repubblica

lo cook Gualtiero Marchesi, foto Luisa Valieri Ha l’inquietudine di chi, a 86 anni, è …