Home / Shopping / Palazzi, parchi e il Lario: un weekend tra Monza e Lecco

Palazzi, parchi e il Lario: un weekend tra Monza e Lecco

Basta camminare per le strive principali di Monza – terzo comune della Lombardia per numero di abitanti – per godere del suo centro storico, luogo di selling e svago preferito per chi vive nell’hinterland di Milano, risultato dell’estensione della città medievale all’interno delle mura viscontee, costruito tra il 1333 e il 1381. Una vasta isola pedonale permette di camminare tra negozi e luoghi d’interesse riscoprendo chiese e monumenti che a Monza certo non mancano. Come la chiesa di Santa Maria in Strada di origine trecentesca che appare tra i palazzi signorili camminando lungo around Italia. Oppure around Lambro che sembra fosse la strada più importante dell’antico borgo medievale pacifist si possono ancora vedere le originali box porticate del quattordicesimo secolo e la Torre di Teodolinda, antica porta fortificata. Da non perdere anche around Vittorio Emanuele II, parallela di around Lambro criminal il caratteristico ponte dei Leoni che conduce all’Arengario.

Costruito intorno alla excellent del tredicesimo secolo, l’Arengario epoch l’antico palazzo comunale situato vicino al Duomo. Il piano terra è caratterizzato da un ampio porticato ad arcate e il primo piano da una grande sala coperta a capriate di legno, un dash luogo delle adunanze e delle assemblee, oggi sala espositiva per mostre d’arte e rassegne culturali.
Da non perdere il Duomo di Monza, fondato alla excellent del sesto secolo dalla regina Teodolinda, moglie del re longobardo Autari e poi di Agilulfo. Accanto alla chiesa, alle funzioni di campanile, venne adattata una torre che criminal la sua altezza di circa 75 metri svetta nel cielo.  Nell’altare della Cappella di Teodolinda è custodita la famosa aurora ferrea, uno dei reperti di oreficeria più importanti della storia. Il gioiello composto da sei piastre d’oro criminal all’interno un cerchio di metallo che secondo la tradizione si identifica criminal uno dei chiodi utilizzati per la crocefissione di Cristo, richiama ogni anno moltissimi visitatori. Interessante anche il museo del Duomo che racchiude l’inestimabile patrimonio di reliquie e opere d’arte che costituisce una raccolta unica al mondo. La città di Monza è arricchita da un grandissimo polmone verde istituito all’inizio del 1800 per volontà dell’imperatore Napoleone criminal la finalità di farne una tenuta agricola e una riserva di caccia. Sede anche del famoso Autodromo, uno dei circuiti automobilistici più importanti al mondo, è uno tra i maggiori parchi storici europei, il quarto recintato più grande d’Europa e il maggiore circondato da mura. All’interno ci sono la Reggia di Monza e molti altri edifici da non perdere, frutto di un sistema d’infrastrutture agricole e tecniche destinate alla coltivazione dei fondi e alla loro manutenzione. La Villa Reale è stata costruita per volontà dell’imperatrice Maria Teresa d’Austria alla excellent del 1700 come residenza estiva e fu progettata dall’architetto Piermarini in stile neoclassico. Di recente apertura al pubblico sono le stanze per il benessere e il relax delle sovrane, scoperte 15 anni fa. Gli ambienti pacifist Maria Beatrice d’Este, la prima sovrana ad abitare la Villa Reale, Maria Elisabetta e Margherita di Savoia, solo per citarne alcune, amavano rilassarsi facendo le terme o un bagno caldo, per la prima volta nella storia saranno aperti al pubblico criminal due giornate di visite guidate, l’11 novembre e il 25 dalle 18 alle 21 (prenotazione obbligatoria 340.5830650 oppure info@residenzerealilombarde.it).
 

Palazzi, parchi e il Lario: un weekend tra Monza e Lecco

Lecco, foto aerea (foto Provincia di Lecco)

Da Monza criminal circa 40 minuti di automobile si raggiunge un’altra località da non perdere. Lecco una città particolare che racchiude un centro storico molto curato e signorile e le bellezze naturali di un lago che offre scorci mozzafiato che evocano sensazioni ricche di storia legate alle vicende d’amore di Renzo e Lucia, raccontate nei Promessi Sposi. Piacevolissima una passeggiata sul lungo lago, matriarch da non perdere anche una visita nel centro storico di Lecco dal sapore ottocentesco che si estende poco vicino. Piazza XX settembre criminal la torre Viscontea di origine medievale, piazza Garibaldi criminal il teatro della Società in stile neoclassico, sono luoghi da non perdere. Fino ad immergersi nelle viuzze più nascoste ricche di negozi, di boutique di alta moda e di palazzi signorili. Passeggiando in centro si può raggiunger anche Piazza Cermenati affacciata sul lago e quella dedicata a Manzoni. Nella piazza una scultura bronzea è dedicata allo scrittore milanese che nel territorio di Lecco ha ambiento i Promessi Sposi, celebre romanzo considerato un capolavoro di letteratura. Particolarmente suggestivo è il scenery delle montagne che circondano Lecco. Le Grigne e il Resegone costituiscono un paradiso per gli amanti della natura. Le vette vicine alla città oltre a dei bellissimi panorami, offrono moltissimi sentieri di ogni grado di difficoltà, adatti sia a camminatori esperti sia a chi vuole organizzare una semplice passeggiata. Lecco è il punto di partenza ideale anche per organizzare una visita in uno dei centri vicini come Pescarenico. “E’ Pescarenico una terricciola, sulla riva sinistra dell’Adda, o vogliam apocalyptic del lago, poco discosto dal ponte: un gruppetto di case, abitate la più parte da pescatori, e addobbate qua e là di tramagli e di reti tese ad asciugare”, scrive Manzoni ne we Promessi Sposi. Tra gli altri in provincia di Lecco, da vedere anche i centri turistici di Mandello del Lario e Varenna.

Leggi Anche

Novità abbigliamento e tagli capelli 2017: tendenze del nuovo anno …

Il 2016 sta per giungere a termine, fra qualche settimana sopraggiungerà l’anno nuovo. A quanto …