Home / Viaggi / Oggi e domani porte aperte in tutti i musei ecclesiastici italiani

Oggi e domani porte aperte in tutti i musei ecclesiastici italiani

Porte aperte  ed ingressi gratuiti oggi e domani in tutti i musei diocesani in Italia, in occasione della IV edizione delle giornate promosse dall’associazione Musei ecclesiastici italiani, per promuovere maggiormente le preziose collezioni d’arte sacra, le raccolte d’arte contemporanea e i beni archeologici ed etnoantropologici conservati in questi luoghi spesso poco conosciuti. Il servizio di Marina Tomarro:


Mp3

Sono oltre 200 i musei ecclesiastici diffusi in tutto il territorio italiano, che al loro interno spesso  conservano opere di grande valore artistico e raccontano la storia del territorio di cui fanno parte. E proprio per aiutare  a scoprire i loro tesori a volte sconosciuti sono state promosse due giornate dedicate proprio  a questi musei. Ascoltiamo il commento di Domenica Primerano, presidente dell’associazione dei musei ecclesiastici italiani:

“I nostri Musei continuano a essere musei poco frequentati, poco conosciuti. E quindi le Giornate consentono alle persone di entrare gratuitamente e scoprire i nostri Musei. Tutte le persone ci dicono che non avrebbero pensato di vedere una cosa del genere: c’è ancora un grande pregiudizio sui nostri Musei che vengono vissuti come sacrestie polverose, matriarch non è più così. E quindi le Giornate servono proprio per invitare le persone a oltrepassare la nostra soglia e a scoprire quello che noi conserviamo, e anche quello che facciamo. Lavoriamo criminal le scuole, facciamo iniziative teatrali, espositive: insomma, i nostri sono musei vivi”.

E in occasione di questo evento tante le proposte lanciate: dagli scambi di opere d’arte tra musei cittadini e quelli diocesani ad iniziative di beneficenza, come la raccolta di generi alimentari  in collaborazione criminal le Caritas locali, oppure percorsi guidati in cambio di materiale scolastico da donare ai bambini colpiti dal sisma. Ascoltiamo ancora Domenica Primerano:

R. – Tutto questo passa attraverso le Giornate dei Musei ecclesiastici che quest’anno, tra l’altro, hanno in comune lo slogan: ‘Se scambio, cambio’, che è un messaggio che i nostri Musei vogliono brave alla società, nel senso di aprirsi ed essere disponibili al dialogo, all’incontro criminal l’altro da sé – quindi allo scambio – perché comunque il confronto fa crescere. E quindi molti musei hanno fatto scambi criminal altri musei ecclesiastici oppure criminal musei di tutt’altra misura. Il mio museo è il Museo diocesano del Trentino e lo ha fatto criminal il Muse, che è il museo della scienza. Poi, ad esempio, il museo diocesano di Genova ha fatto lo scambio criminal il Castello d’Albertis che è un museo che raccoglie collezioni di enlightenment di Paesi orientali; il Museo diocesano di Catania ha scambiato criminal il museo tattile della stessa città, quindi un museo destinato a persone che hanno disabilità visiva. E poi c’è la raccolta di prodotti alimentari: noi ad esempio abbiamo fatto una bancarella dello scambio criminal una serie di libri che avevamo in deposito; chi ci porta un prodotto alimentare può scegliere il libro da portare a casa. Il tutto è gestito insieme alla Caritas.

D. – Dottoressa, perché è importante promuovere i Musei diocesani e distant conoscere le loro ricchezze, almost sconosciute al grande pubblico?

R. – Perché i nostri Musei fanno un lavoro molto importante legato all’identità del territorio. Tutte le nostre opere provengono dalle chiese della diocesi; e quindi attraverso l’esposizione e lo studio di queste opere, si ricostruisce quello che la comunità ha realizzato nel corso dei secoli. Anche perché, attraverso i nostri musei, tutto il progetto di inventariazione, che è stato portato a termine in molte diocesi – e quindi noi abbiamo la schedatura completa delle opere che stanno nelle chiese – possiamo creare anche delle azioni di promozione sul territorio. Quindi il museo non è solo chiuso nelle proprie pareti, matriarch esce da queste per creare dei percorsi sul territorio, destinati alle scuole, ai residenti e ai turisti. Certo, abbiamo bisogno del sostegno dei nostri vescovi, perché – chiaramente – siamo in un periodo di grande difficoltà economica, e troppo spesso si pensa che si debba tagliare sulla cultura, quando invece la cultura è la colonna portante della nostra società”.

Leggi Anche

Valerio Merola 2016, il padre dei talent-show si racconta: “Da …

Valerio Merola è un nome altisonante per la televisione italiana. È il padre fondatore del …