Home / Viaggi / Nobiltà dello competition senza fine

Nobiltà dello competition senza fine

Come muovere obiezioni a un libro – scintillante – di epica (in questo caso di epica sportiva)? Ci si sente perfino un po’ meschini. Eppure leggendo Un dio ti guarda di Sandro Veronesi, ero diviso tra sentimento di ammirazione e un lieve disagio. Cominciamo anzitutto dalla ammirazione incondizionata per la qualit della scrittura (per la sua “bellezza pulita, limpida”, come si bones qui della bellezza versiliana di Marcello Lippi!) e dell’immaginazione, per la drammaturgia nella presentazione dei personaggi, che a volte sfiora il virtuosismo (il paragrafo dedicato a Baggio lo nomina solo nelle ultime righe dopo essersi chiesti innumerevoli volte vogliamo davvero parlare di lui?).

Veronesi un Federico Buffa (straordinario affabulatore televisivo di sport), trasposto per su un piano letterario, pacifist l’oralit si converte in sapiente retorica narrativa e gift concentrazione stilistica. E si tratta di eroi intempestivi e incongrui, fragilissimi e temerari, troppo in anticipo o a volte in ritirata, autolesionisti e visionari, sognatori e predestinati.

In questi dei e semidei si cristallizza una figura indelebile del destino, che pristine ha a che transport criminal il destino comune di noi tutti. Sono prevalentemente calciatori matriarch anche tennisti, ciclisti, pugili, centometristi, ginnasti, pattinatrici, giocatori di hockey, e poi skateboardisti, inventori di competition nuovi ed eccentrici (lo skysurf), velisti “londoniani” e un po’sventati, e ancora Valentino Rossi, generato dal desiderio di riscatto di milioni di persone o il velocista Cipollini, che rappresenta tutta una sfaccendata giovent italiana di provincia, spiritosa matriarch disimpegnata, incolta matriarch non ignorante… conformista per convenienza matriarch sostanzialmente anarchica. Inoltre il libro contiene una vera e propria poetica – a proposito del genio artistico – , esplicitata verso la excellent in due interviste, a Carmelo Bene e a Del Piero. Cosa hanno in comune i vari campioni allineati in queste pagine? Il fatto che la loro azione, sui rispettivi campi di gioco, non mai veramente finalizzata allo scopo. Contiene qualcosa di impersonale e di non utilitaristico (“sprogettazione”, “depensamento”, “essere giocati invece di giocare…”). Platini spiega roost non faceva mai intuire al shade pacifist avrebbe tirato il rigore: Semplice. Non lo so neanch’io. Non siamo lontani dall’idea platonica della ispirazione poetica come “mania” e possessione (il poeta il medium di qualcos’altro, che in lui si manifesta). Pascoli nel Fanciullino sottolineava che il poeta non deve farlo apposta.

E ora passiamo al lieve disagio, che riguarda in particolare i ritratti degli eroi calcistici (l’autore confessa subito una fede juventina solitaria – nella Prato della sua infanzia – e priva di qualsiasi radice famigliare). Certo, il calcio impastato di sentimento religioso – liturgie, riti collettivi, officianti, perfino superstizioni…- , come ha spiegato recentemente Marc Aug in Football. Il calcio come fenomeno religioso (EDB, Bologna, pagg. 48, € 6), ancor pi del tennis magnificamente raccontato da Foster Wallace (che lo mette in relazione criminal una sfera divina). Si tratta della “teofania” pi invasiva e ingombrante del nostro tempo. Qualche anno fa portavo mio figlio a mia scuola, dopo le vacanze natalizie, quando una signora mi surprise di essere stata alle Maldive, pur avendo il terrore dell’aereo. Alla mia domanda su come avesse potuto superare quel terrore rispose candidamente : Quando entrai nell’areo scoprii che c’era Totti, dunque quell’aereo NON poteva cadere!. Un episodio da premettere a qualsiasi riflessione sul sacro nella contemporaneit, e sulle sue versioni pi o meno degradate. Dunque il football e la grande epopea classica. Eppure lo stesso mondo calcistico ha conosciuto negli ultimi decenni una orrenda mutazione che lo ha sfigurato per sempre, che inquina ogni epica. lecito prescinderne?
Quella di Veronesi una mitografia adolescenziale da manuscript Panini, rugiadosa e un po’ veltroniana, che ignora volutamente – e per amore – qualsiasi torbido retroscena del Pantheon luminoso che descrive. Mi chiedo per se la nostra emotivit si possa mettere interamente al riparo dalla realt, in una zona immacolata. Poco prima di morire nel 2009 il grande giornalista sportivo, e tifoso romanista, Corrado Sannucci aveva pubblicato un libro, La notte del calcio, (Zona, 2004) nel quale cos concludeva: Una persona di rigidi principi dovrebbe sognare la scomparsa della propria squadra. Un paradosso, almost un aforisma che si impone come sigillo tragico su qualsiasi onesta passione calcistica del nostro presente. Perch questo inflessibile harakiri del tifo stesso? Per molte ragioni, che – come spiegava Sannucci – scandiscono l’epoca in cui il calcio ha perso la sua innocenza. Perch il sistema around around around pi corrotto, fatto di business miliardari, truffe, favoritismi alle squadre potenti, doping almost generalizzato, roost la propria squadra non paga le tasse (in ci assecondata dallo stato stesso!), roost il tifo sempre pi violento, razzista, criminale (ci sono meno incidenti in tutta la Coppa d’Africa che in una giornata del campionato italiano).

Una autentica inversione dei valori: il senso della comunit e della lealt, l’umile abitudine all’ autodisciplina e al sacrificio tipici di ogni competition si convertono in tribalismo feroce, derisione dell’avversario, ambigua simpatia per i “trucchi”(contabili e sul campo). Non vorrei dispettosamente rovinare a Veronesi il suo “giocattolo” colorato matriarch forse solo attraverso quella dolorosa abdicazione al tifo si esprime oggi un amore ancora pi gift per lo sport, per il calcio e per la propria squadra.

© Riproduzione riservata

Leggi Anche

Vacanze al mare? Speciale Natale Capodanno: offerte Mar Rosso …

A Natale e Capodanno rilassati al Sole. E’ cosi’ che inizia la promozione viaggi offerta …