Home / Cucina / Navigare con gusto, la regata che unisce vela e cucina

Navigare con gusto, la regata che unisce vela e cucina

VENEZIA

Navigare con gusto, la regata
che unisce vela e cucina

Sfida in mare e in cucina per 10 miglia. I concorrenti saranno giudicati dagli chef. Novit per le barche fino agli 8 metri: la Tramezzino Cup

L’edizione la numero 16 con la San Pellegrino, la 23sima se si pensa che la prima edizione del 1994 e resta una delle regate pi affascinanti, invidiate e divertenti del panorama internazionale velistico. Torna puntuale sabato 18 giugno 2016 l’appuntamento con la San Pellegrino Cooking Cup, l’originale regata di circa 10 miglia organizzata dalla Compagnia della Vela che ogni anno vede coinvolti abili skipper, chef professionisti e non, in una sorta di sfida combinata tra vela e cucina che non delude mai le attese. Alla regata, che si snoder in un percorso di 10 miglia con partenza in mare aperto per poi passare dopo un disimpegno nella bocca di porto di Malamocco e quindi al cuore della laguna con arrivo davanti all’Isola di San Giorgio, prendono parte imbarcazioni che vanno dall’altura alla minialtura tra i 6 e i 20 metri. Come sempre, ogni imbarcazione ospiter a bordo uno chef o un appassionato di cucina inviato a creare un piatto durante la navigazione. Obiettivo di ciascun equipaggio sar non solo tagliare per primo il traguardo ma anche presentare la migliore proposta gastronomica cucinata sottocoperta nel corso della regata, sfidando il tempo e le condizioni del mare.

La novit del 2016 la Tramezzino Cup, ovvero un trofeo al quale potr prendere parte ogni imbarcazione fino agli 8metri,che non dispongono dell’attrezzatura per cucinare piatti pi impegnativi, i Meteor e gli Elan 210 nella quale, come dice lo stesso nome, sar il miglior tramezzino il piatto che andr premiato. Molti sanno la Compagnia della Vela prende il nome dal motto del poeta Gabriele D’Annunzio “Custodi, Domine, Vigilantes” – spiega il presidente del circolo Ugo Campaner – Pochi invece sanno che fu sempre lo stesso D’Annunzio nel 1926 a coniare il termine tramezzino in un periodo in cui le parole anglosassoni dovevano essere forzatamente tradotte: il poeta cos, per definire l’americanissimo sandwich opt proprio per il termine tramezzino, perch osservando la forma di pane a cassetta da cui si ricavava il sandwich imbottito pens alla tramezze della sua casa di campagna. Tradizione etimologica a parte, siamo ben felici di questo nuovo format che aggiunger spettacolarit alla manifestazione che resta una tradizione del nostro circolo a cui molti sono rimasti affezionati nel tempo.

Cooking Cup significa da sempre combinata di due gare, quella in mare e quella in cucina. A giudicare quale sar il piatto e il tramezzino migliore preparato sotto coperta ci sar una giuria di primissimo ordine che avr come presidente lo chef veneziano del Baccal Divino Franco Favaretto. Sempre per quanto riguarda l’aspetto culinario ogni imbarcazione in gara nella Cooking Cup dovr presentare una ricetta a scelta tra antipasto, primo, secondo o piatto unico. I giudici valuteranno bont, difficolt di esecuzione, presentazione del piatto al momento della consegna, oltre all’abbinamento con un vino e con Acqua Panna o San Pellegrino. Per quanto riguarda la Tramezzino Cup, la giuria consegner il giorno della regata la Mistery Bag con due tipi di pane da tramezzino, 4 ingredienti e salse per la composizione alla quella possono venire aggiunti, a fantasia dei concorrenti, fino a 5 ingredienti tra vegetali e frutta fresca che permetter di comporre un tramezzino a loro fantasia.

Leggi Anche

Novità a Roma. Giulietta Vino e Cucina, Santo Trastevere, Parole in …

Giulietta Vino e Cucina È una primavera romana insolitamente poco indulgente quella che ha contraddistinto …