Home / Viaggi / Musei senesi appaltati, l’accusa di Donzelli (FdI). Valentini …

Musei senesi appaltati, l’accusa di Donzelli (FdI). Valentini …

“Il Comune di Siena del sindaco uscente Bruno Valentini, a pochi giorni dal voto, ha appaltato il servizio di accoglienza e promozione della Torre del Mangia, del Museo Civico e del Museo dell’Acqua ad un raggruppamento di imprese nel quale figura anche la Intrepido Servizi Srl, il cui Procuratore speciale è stato in passato il suo ex sfidante e attuale sostenitore al ballottaggio Pierluigi Piccini e il cui amministratore attuale è Renato Lucci, uomo da tempo vicinissimo allo stesso Piccini. Una gara da oltre 2,4 milioni di euro per i prossimi cinque anni. Il sindaco Valentini smentisca pubblicamente che nell’accordo per l’apparentamento si sia parlato di appalti ad imprese in cui hanno o hanno avuto ruoli Piccini o Lucci”. E’ quanto afferma il parlamentare di Fratelli d’Italia Giovanni Donzelli, che ha scritto una lettera all’Autorità Nazionale Anticorruzione per segnalare la vicenda.

“A destare grosse perplessità sono le date dei provvedimenti di aggiudicazione – sottolinea Donzelli – la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale è arrivata l’11 giugno, il giorno successivo a quello del voto: chiedo a Valentini e Piccini di fare chiarezza per togliere ogni dubbio sulla trasparenza di questa vicenda. ”.

LA RISPOSTA DEL SINDACO VALENTINI

In riferimento alla strampalata nota stampa diffusa dal parlamentare FDI Donzelli circa l’appalto di servizi di gestione della Torre del Mangia, del Museo Civico e del Museo dell’Acqua, smentiamo categoricamente quanto dichiarato dal parlamentare sostenendo che l’affidamento sarebbe frutto di un preventivo accordo poi sfociato nell’apparentamento con la lista di Pierluigi Piccini. Insinuazioni gravi e strumentali che celano un puro attacco politico personale, a fronte delle quali ci riserviamo di valutare eventuali azioni legali. Nel merito della vicenda rispondiamo per far chiarezza sull’operato dell’amministrazione e nel rispetto dei cittadini.

In primo luogo è significativo che nel suo intervento Donzelli focalizzi l’attenzione sulla data di pubblicazione del documento di aggiudicazione in Gazzetta Ufficiale dell’11 giugno, “il giorno successivo a quello del voto”. Peccato che non faccia un doveroso riferimento alla reale data di aggiudicazione della gara conclusasi diversi mesi fa e il cui esito è stato sancito con determinazione dirigenziale del 28 maggio, ben prima, quindi, del voto amministrativo come facilmente riscontrabile nei documenti ufficiali e disponibili.

Non secondario, inoltre, che si stia parlando di un appalto affidato con bando pubblico con modalità di aggiudicazione ben definite, di competenza dei dirigenti comunali e non deciso od influenzato dal sindaco. A ulteriore garanzia della correttezza del procedimento informiamo che l’offerta aggiudicataria è stata l’unica pervenuta in risposta al bando.

Informazioni dunque volutamente deformate e diffamatorie che risultano un vero e proprio insulto all’intelligenza degli elettori. Contiamo che i cittadini sapranno cogliere la differenza tra chi punta su proposte, idee e progetti concreti per la città e chi invece non trova altri mezzi che attacchi denigratori con il solo scopo di rubare voti a favore del candidato del proprio schieramento. Questa sarebbe la politica del cambiamento?

LA RISPOSTA DEL COMUNE

Relativamente a quanto scritto, tramite nota stampa, da Giovanni Donzelli, parlamentare (Fratelli d’Italia) all’Anac, in merito all’appalto effettuato dall’Amministrazione comunale del servizio di accoglienza e promozione della Torre del Mangia, Museo Civico e Museo dell’acqua, la Direzione Affari Generali del Comune precisa quanto segue.

“La gara è stata bandita a seguito di determinazione dirigenziale 525 dello scorso 13 marzo, atto con cui è stato approvato il Capitolato Speciale d’appalto per l’affidamento, parte in appalto e parte in concessione, dei servizi di accoglienza per il pubblico e di valorizzazione e promozione del Museo Civico, del Museo dell’Acqua e della Torre del Mangia, per un periodo di 5 anni.

L’affidamento è stato previsto a mezzo di procedura aperta con aggiudicazione con il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa, ai sensi dell’art. 95 del D.Lgs. 50/2016 e per un importo a base di gara, relativo alle prestazioni in appalto, di 2.483.425 euro, oltre ad euro 10.000 per oneri per la sicurezza non oggetto di offerta ed IVA. Previsto altresì un canone a carico dell’aggiudicatario per l’occupazione, durante il periodo di vigenza contrattuale, di spazi all’interno del complesso museale di complessivi  175.000 euro oltre IVA (35.000 annui), nonché una percentuale a favore dell’Amministrazione comunale sugli introiti derivanti dai servizi da affidarsi in concessione e sugli incassi derivanti dal maggior accesso di pubblico rispetto ai dati storici. La gara, secondo quanto previsto dal D.Lgs 50/20016, aveva rilevanza comunitaria.

Il bando è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea in data 16/3/2018, n. 53/S; sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana n. 34 del 21/3/2018, V serie speciale, sui quotidiani La Repubblica, Italia Oggi, La Nazione e Il Corriere di Siena, sul sito Internet del Comune di Siena in data 15/3/2018 e sul sito dell’Osservatorio Regionale SITAT.

Entro il termine fissato per la scadenza della gara (24.4.2018 ore 12) è pervenuta una sola offerta rimessa dal Raggruppamento Temporaneo di Concorrenti formato da: Opera Laboratori Fiorentini SpA di Firenze (Capogruppo); D’Uva Srl di Firenze (Mandante); Siena Viva Soc. Coop.va di Siena (Mandante); Cooperativa Lavoratori Ausiliari del Traffico L.A.T. di Firenze (Mandante); Intrepido Servizi Srl di Siena (Mandante).

Questa la struttura del raggruppamento: Opera Laboratori Fiorentini SpA di Firenze 70%; D’Uva Srl di Firenze 5%; Siena Viva Soc. Coop.va di Siena 15%; Cooperativa Lavoratori Ausiliari del Traffico L.A.T. di Firenze 2%; Intrepido Servizi Srl di 8%

A seguito della valutazione dell’offerta e della verifica positiva del possesso dei requisiti soggettivi (capacità a contrattare con la PA) ed economico-finanziari dei componenti il raggruppamento, i servizi sono stati definitivamente aggiudicati con determinazione dirigenziale n. 1282 del 28/5/2018. Il contratto è stato stipulato in data 4.6.2018, data in cui è stata effettuata anche la consegna del servizio al RTI”.

Tutte le notizie di Siena

Leggi Anche

La Fondazione Torino Musei per le Giornate Europee del Patrimonio

Torino – La Fondazione Torino Musei anche quest’anno partecipa alle Giornate Europee del Patrimonio, promosse …