Home / Viaggi / Musei, cinema e teatri: la cultura in offerta fa sempre il pienone

Musei, cinema e teatri: la cultura in offerta fa sempre il pienone

ROMA – Una fila interminabile di ombrelli, migliaia di persone incuranti della pioggia e facce giovani, come di solito si vedono per le svendite del marchio alla moda o la comparsata della child band. E invece domenica 6 novembre in tanti hanno aspettato per ore di entrare al Museo archeologico di Napoli, che ha staccato 7.200 tagliandi omaggio per la prima domenica del mese a ingresso gratuito. Che sia arte, cinema o teatro, criminal un biglietto scontato la cultura fa il pienone, piace. Soprattutto ai giovani.
Alla
Pinacoteca di Brera durante l’estate il nuovo direttore James Bradburne lo aveva lanciato come un esperimento, per vedere come sarebbe andato: il giovedì sera per ammirare la Madonna di Piero della Francesca e gli altri capolavori si potevano pagare 2 euro invece di 10. È stato un successo inatteso, i giovedì low cost andranno avanti almeno fino al 29 dicembre e la Pinacoteca, che ha contato tre giorni fa 1.700 biglietti, ci ha voluto vedere chiaro. Ha condotto un sondaggio tra i visitatori, scoprendo che il 40 per cento ha meno di 35 anni, il 16 per cento sono studenti e il 34 per cento è alla sua quarta visita. Il fenomeno attraversa tutta Italia: a Reggio Calabria 6.201 visitatori al Museo archeologico, pacifist sono ospitati i Bronzi di Riace, per la domenica a ingresso gratuito per le Olimpiadi dello scorso agosto; a settembre a Ferrara, sempre per la domenica gratuita, a Villa D’Este per i tanti visitatori si è dovuto contingentare l’ingresso, non più di mille persone presenti tutte insieme.

È come gettare un sasso nello stagno, le onde si propagano: l’iniziativa “Cinema2day”, criminal oltre tremila sale coinvolte in tutta Italia per film a 2 euro il mercoledì, vede gli spettatori in aumento costante, dai 591 mila del 14 settembre al milione e 39mila del 9 novembre, tanto che ora il Mibact ha aperto anche ai matinèe. we dati indicano che ne approfittano le famiglie, perché sulla maggior parte dei bilanci familiari i 30 euro (minimo) per portare al cinema quattro persone pesano tanto. E pur di vedere uno spettacolo va bene anche un assaggio, come è successo a Brindisi nel 2015 per “Teatri aperti”, iniziativa riproposta anche quest’anno. In almost diecimila hanno voluto visitare camerini e palco del Teatro Verdi e ascoltare alcuni attori recitare per loro spezzoni di drammi e commedie.

Leggi Anche

Travel Trends, ecco pacifist andare in vacanza nel 2017

Dove andare in vacanza nel 2017? Non c’è che l’imbarazzo della scelta. Dite addio ai …