Home / Viaggi / Mummificato. Il ritrovamento del marinaio solitario

Mummificato. Il ritrovamento del marinaio solitario

<!–

Mummificato
tio.ch

–>

Mummificato.

Da molto tempo, anzi, ormai qualche anno, il marinaio solitario Manfred Fritz Bajorat non dava più sue notizie.

Il lupo di mare cinquantanovenne, di origini tedesche, era noto per aver percorso numerose tratte in tutto il mondo a bordo della sua piccola barca.

Qualche mese fa, alcune persone sulla loro barca a vela, si sono imbattute in una piccola imbarcazione al largo al largo dell’isola di Guam nell’Oceano Pacifico.

L’equipaggio della barca a vela era impegnato nella LMAX, una regata intorno al mondo.

Furono colpiti dal fatto che la piccola barca navigava senza una rotta precisa, spinta dalle correnti oceaniche ed aveva l’albero spezzato.

Subito l’equipaggio è salito a bordo per verificare se all’interno ci fosse qualcuno ferito o in difficoltà.

Questo è quello che prevedono le regole marinare in caso di avvistamento di un’imbarcazione danneggiata.

La prima impressione era che la barca fosse stata abbandonata, magari in seguito ad una tempesta che ne aveva causato il guasto.

Continuando la loro perlustrazione si imbatterono nella macabra scoperta.

A bordo, sottocoperta, qualcuno c’era. L’unica persona trovata che trovarono era un uomo completamente mummificato.

Mummificato

tio.ch

Se ne stava seduto vicino alla radio trasmittente con la testa quasi appoggiata al braccio. Forse è morto mentre tentava di chiamare aiuto tramite la mano.

All’interno della barca nulla faceva pensare a un abbordaggio di pirati o qualche evento violento. Tutto era in ordine.

Probabilmente, la morte del solitario lupo di mare è avvenuta per cause naturali.

Le condizioni atmosferiche tipiche dell’oceano, tra cui il vento e l’aria salmastra, sono state complici nel conservare intatto il suo corpo.

I modi e gli ambienti, sia naturali che artificiali, che possono favorire la mummificazione di un corpo sono diversi.

Per far sì che un corpo venga mummificato sono necessari ambienti in cui la temperatura rimane stabile e ci sono correnti d’aria.

Episodi di mummificazione sono stati riscontrati anche in diversi paesi europei in cui mummie sono state trovate in cantine, cripte o solai.

Leggi Anche

Il brasiliano triste non si è perso un Mondiale dal 1990 al 2014: in …

Quella foto che lo ritraeva abbracciato a una replica perfetta della Coppa del Mondo, con …