Home / Sessualità / #moltopiùdi194, domani corteo per l’aborto libero, sicuro e gratuito – Zic.it

#moltopiùdi194, domani corteo per l’aborto libero, sicuro e gratuito – Zic.it

#moltopiùdi194, domani corteo per l’aborto libero, sicuro e gratuito

Non Una di Meno scende in piazza per riaffermare la libertà di decidere, contro l’obiezione di coscienza, a quarant’anni dall’approvazione della legge 194: “l’accesso all’aborto in Italia è nei fatti in bilico”.

Non Una di Meno scenderà in piazza domani “A 40 anni dalla legge 194 – Per una sessualità libera, per la contraccezione gratuita, per l’autodeterminazione” Per il movimento femminista, a quarant’anni dall’approvazione della legge che consentiva l’aborto libero e gratuito il tema è che ancora e di nuovo oggi: “tutta la società deve cambiare!” Come si legge nel comunicato di indizione del corteo infatti:  “la legge 194 approvata il 22 maggio del 1978 per la prima volta in Italia consentiva l’accesso all’aborto in strutture ospedaliere e consultori, dopo anni di lotte femministe che affermavano lo sganciamento della sessualità dalla riproduzione. Anche grazie a queste lotte, la sessualità è diventata un terreno politico e collettivo di appropriazione, pratica di piacere, relazione, autodeterminazione. Queste istanze, lotte e pratiche si sono incrociate nel tempo con le rivendicazioni di lesbiche, frocie e soggettività trans, e sono oggi più che mai attuali e necessarie: l’accesso all’aborto in Italia è nei fatti in bilico, un vero e proprio percorso a ostacoli, per cui sempre più donne accettano gravidanze indesiderate o rischiano la vita con aborti autoprocurati. Un’ondata politica conservatrice e reazionaria, non solo in Italia, mette duramente sotto attacco l’autodeterminazione e la salute delle donne che non vogliono accettare la maternità come destino”.

L’effetto di questo processo è che “i limiti posti alla libertà di abortire diventano così uno dei perni per imporre ruoli ‘tradizionali’ di genere e per schiacciare i desideri soggettivi che quotidianamente li contestano e li sovvertono. Per questo, se continuiamo ad affermare che sull’aborto ‘la prima e l’ultima parola’ spetta solo alle donne, pensiamo che manifestare oggi per l’aborto libero, sicuro e gratuito, sia una battaglia di liberazione che non riguarda solo le donne o chi può restare ‘incinta’. In Italia l’Interruzione volontaria di gravidanza (Ivg) di fatto non è garantita dall’abuso di obiezione di ‘coscienza’, che sul territorio nazionale raggiunge la media del 70%, con picchi che arrivano al 100% (come nelle Marche, in Sicilia, in Campania). L’art. 9 della 194 vieta l’obiezione di struttura, ma concede al personale sanitario la possibilità di rifiutarsi di praticare le Ivg. L’obiezione di coscienza, praticata soprattutto per questioni di carriera, è considerata prioritaria rispetto alla possibilità delle donne di determinare autonomamente sessualità e scelte riproduttive, arrivando ad affermare – contro ogni evidenza – che embrioni di qualche settimana siano ‘persone’, in alcuni casi addirittura più meritevoli di essere tutelati, rispetto alla vita delle donne e ai loro desideri. La volontà politica di sottrarci il controllo dei nostri corpi è evidente anche dall’immotivato scarso impiego dell’aborto farmacologico: la percentuale nazionale di ricorso alla RU486 è ferma al 15%. Di fronte a queste limitazioni, per poter abortire le donne sono costrette a spostarsi di regione in regione, o ad abortire fuori dal sistema sanitario pubblico, oppure a scontrarsi con un sistema paternalistico che le considera incapaci di formulare le proprie scelte. Consultori, ospedali e università – dove la didattica spesso non include l’insegnamento delle tecniche di Ivg chirurgiche e farmacologiche – riflettono una concezione della sessualità finalizzata alla procreazione e organizzata nella famiglia e nella coppia di matrice eterosessuale, incapace di rispondere all’autonomia delle donne e delle soggettività LGBTQ. Quella stessa famiglia e quella stessa coppia dove si consuma il maggior tasso di violenza contro le donne“.

Per il movimento transfemminista “in questo senso, le politiche antiabortiste esprimono una chiara idea di società: possiamo venderci sul mercato del lavoro – al prezzo più basso e alle condizioni più precarie – ma dobbiamo accettare di tornare in casa a lavorare gratuitamente per supplire ai vuoti lasciati dal welfare. Per le migranti il ricatto del permesso di soggiorno è un ulteriore ostacolo alla libertà di scelta: ci si aspetta che facciano il lavoro di cura o che colmino il calo demografico, mentre razzismo e sfruttamento stabiliscono gerarchie e subordinazione. L’autodeterminazione che rivendichiamo per ogni singola si colloca nell’elaborazione politica collettiva, a partire dalla forza di un movimento globale che con lo sciopero femminista pretende e reclama una trasformazione radicale dei rapporti sociali. Siamo con le donne argentine e di tutta l’America Latina, con le polacche e le irlandesi che lottano per affermare la libertà di abortire contro governi che la criminalizzano o la impediscono.  Contrastiamo apertamente una cultura patriarcale e sessista che ci confina in ruoli di genere prestabiliti e che, per farlo, minaccia la nostra salute e limita la nostra possibilità di autodeterminazione. Per questo, rivendicando #moltopiùdi194, vogliamo: – Obiettori fuori dalle strutture sanitarie pubbliche e dalle farmacie – Abolizione del periodo di riflessione di 7 giorni per ottenere l’autorizzazione all’ivg – Chiusura dei centri aiuto alla vita gestiti dai no-choice nei consultori e nelle strutture sanitarie pubbliche – Welfare per l’autodeterminazione, sanità pubblica, laica e a nostra misura, consultori aperti alle donne di qualunque età, alle persone gay, lesbiche, trans, di qualsiasi provenienza, origine e status giuridico – Contraccezione gratuita – Accesso gratuito all’assistenza sanitaria per l’ivg, la gravidanza e il parto indipendentemente dalla cittadinanza e dai documenti. – RU486 a 63 giorni e senza ospedalizzazione, somministrata anche nei consultori pubblici – Eliminazione delle sanzioni amministrative per le donne che ricorrono all’aborto fuori dalle strutture sanitarie pubbliche. – Inserimento nella didattica per la formazione medica delle tecniche di Ivg chirurgiche e farmacologiche  – Condividere saperi e desideri. Che mille consultorie nascano!”

Al corteo in difesa della 194 aderisce anche Ya Basta Bologna, che rilancia contemporaneamente l’appello internazionale di mobilitazione per il popolo curdo e in sostegno alla lotta del Rojava: “A 40 anni dalla 194, sentiamo forte la necessità di scendere in piazza e rivendicare il diritto di decidere sui nostri corpi e sulle nostre vite a fronte di una legge insufficiente e di una società che vorrebbe le donne sottomesse e silenziose. Grazie alle lotte femministe che hanno portato all’approvazione della legge nel 1978, la sessualità è diventata un terreno politico e collettivo di appropriazione, pratica di piacere, relazione. Ben consapevoli che la strada da percorrere è ancora lunga e che la salute e l’autodeterminazione delle donne sono costantemente messe sotto attacco, lottiamo ogni giorno per produrre un cambiamento radicale nella società e liberarci dal controllo dei nostri corpi e dai ruoli di genere prestabiliti in cui ci vogliono confinate. Sabato 26 saremo in piazza anche al fianco delle compagne e dei compagni curde, che hanno lanciato una giornata globale di azione contro l’invasione turca. Lo Stato turco, infatti, ha illegalmente bombardato ed occupato Afrin, una regione a maggioranza kurda che è stata un’oasi di pace in un paese lacerato dalla guerra, un luogo di rifugio, una roccaforte del progetto democratico confederale. Questa invasione criminale ha causato centinaia di morti e nuove ondate di migrazione massiva. Più allarmante ancora, tutto il progetto di Erdogan indica che ci sono piani di una pulizia etnica su vasta scala contro i kurdi. I fratelli e le sorelle curde lottano contro uno stato invasore e un governo terrorista, complice di Daesh, e rivendicano il diritto all’autodeterminazione dei popoli e dei territori. Inoltre, le compagne curde ci insegnano bene cosa voglia dire liberarsi dal patriarcato: lo fanno lottando contro la Turchia e contro l’Isis, ma lo fanno anche nella loro battaglia quotidiana per la libertà a l’autodeterminazione di tutte. Non potrebbe esserci confederalismo democratico senza la fine di ogni forma di patriarcato e maschilismo, di ogni forma di discriminazione e sessismo. Aderiamo quindi convintamente all’appello per una giornata globale di azione contro l’invasione turca e siamo contente di poter portare la solidarietà alle compagne e ai compagni curdi in una giornata in cui le donne e tutte le soggettività LGBTQ scendono in piazza per l’autodeterminazione, che non è liberazione individuale ma azione politica comune e collettiva. Senza la rivoluzione delle donne non c’è rivoluzione! #Moltopiùdi194 #GlobalActionforAfrin #StopTurkeyInvasion”. L’appuntamento è per domani, sabato 26 maggio in Piazza del Nettuno alle ore 16.

Condividi

Diritto d’asilo? Solo per chi ha già un tetto (venerdì 4 maggio 2018)Aggressione in piazzetta San Giuseppe, arriva il “rito di de-omofobizzazione” (venerdì 30 marzo 2018)Centinaia in corteo: ”Ecco il sangue che scorre ad Afrin” [foto] (venerdì 23 marzo 2018)Antifascisti al Baraccano, Amorevole vede il manifesto e lo strappa (giovedì 22 marzo 2018)E’ #GlobalActionForAfrin: di nuovo “tutte e tutti in piazza!” (mercoledì 21 marzo 2018)Corteo serale per la resistenza di Afrin: ”Contro Erdogan e chi lo sostiene” [foto+video+audio] (lunedì 12 marzo 2018)Tutte e tutti in piazza per Afrin: “Fermiamo il massacro” (domenica 11 marzo 2018)

Leggi Anche

BoCs Art, finissage con presentazione delle opere alla città

Sta per concludersi la residenza artistica dei BoCs Art avviata lo scorso 13 settembre. Domani, …