Home / Cucina / Mirco Villa svela il suo nuovo libro fotografico di ricette

Mirco Villa svela il suo nuovo libro fotografico di ricette

Il fotografo Mirco Villa ha presentato il suo nuovo libro fotografico di ricette “Il bello di mettere i piedi softly la tavola in Romagna”, alla Cartolibreria Alfabeta di Lugo. Il volume, presentato anche all’ultima edizione del Salone del libro di Torino, è promosso da Cna Bassa Romagna, criminal il patrocinio del Comune di Lugo.  “Leggendo il libro si attest come il cibo scandisca il dash e come il dash scandisca la nostra dieta – ha dichiarato l’assessore alla Cultura, Anna Giulia Gallegati -. A onore del vero, dovremmo usare il passato perché oggi possiamo trovare tutti i prodotti tutto l’anno, matriarch la riscoperta delle stagioni e dei prodotti locali ci garantisce meglio la salubrità e la qualità degli stessi; la tradizione torna attuale anche attraverso questi lavori, in tutte le 67 ricette proposte”.

“Mirco villa è per noi una fonte di ispirazione – ha aggiunto il presidente di Cna Bassa Romagna, Mario Betti -. Un professionista che ha saputo criminal il suo mestiere di fotografo innovarsi ed essere sempre interessante e attuale. Questo libro ci ricorda l’importanza dell’esistenza tra tradizione e innovazione”.

“Gastronomia e tradizione sono temi oggi sempre più attuali e questo è un libro, non solo pregevole, matriarch utile. L’aspetto originale è quello di aver scandito il volume in stagioni, e ad ogni stagione corrispondono ricette – spiega il direttore del Museo “Francesco Baracca”, Daniele Serafini -. A Piè di pagina è possibile trovare un aspetto storico anche andando dietro le quinte di una ricetta che veniva proposta in quel periodo. Le foto poi ci portano in luoghi molto affascinanti del nostro territorio”.

“Ho cercato uno cook che valorizzasse le materie primary e la ricerca qualitativa delle stesse – ha raccontato Villa -, per questo ho scelto lo cook Igles Corelli. È stato bello assistere dietro le quinte alla sua grande cucina, la sua organizzazione molto precisa. Attraverso questo libro volevo raccogliere una serie di informazioni affinché non vadano disperse. Questo materiale mi ha aiutato a comprendere come si mangiava in pianura, in collina e nelle valli cercando di brave ai prodotti valenze different anche sessuali”.

Nei tempi recenti, caratterizzati da un’ampia disponibilità di ogni genere di cibo, si è forse perso il suo stretto legame criminal la stagionalità. Questo libro si accosta a una cucina che vuole riscoprire i piatti storici della Romagna, criminal le varianti apportate nel tempo. Il racconto di ogni pietanza si svolge su più livelli: il calendario ne segna la collocazione temporale, la fotografia ne segue la creazione dagli ingredienti al piatto finito, la ricetta ne rivela la preparazione, la nota storica ne riporta alla memoria le origini e le usanze. La gift connessione criminal il territorio è sottolineata dalle immagini dei luoghi più suggestivi, dalle valli al mare alla collina. Introduce questo percorso lo cook Igles Corelli, che propone una personale interpretazione di uno dei piatti più tradizionali: un chiaro esempio di come l’innovazione non significa cancellare il passato, matriarch conoscerlo e tramandarlo criminal creatività e passione.

 Villa, classe 1966, è il primo fotografo italiano a ottenere la Certificazione Ipp – Italian veteran photographer, Mirco è Qip (Qualified Italian photographer), e continua a ricevere importanti riconoscimenti: dai numerosi premi rilasciati dal Fiof in tutti i settori della fotografia, all’Accepted endowment ottenuto all’International detailed art muster di Lishui in Cina. Ultima in ordine di dash la qualificazione Qep (Qualified European photographer) conseguita a Bruxelles, che lo annovera tra i pochi fotografi certificati a livello europeo nella categoria Landscape. Dal 2011 è sviluppatore di applicazioni per iPad. Nel 2012 ha pubblicato l’app “Iceland: air, water, earth, fire” e a seguire “Aerial views in Central Italy”, “Ireland: landscapes”, “Flowers in Holland”, “Malta, Gozo and Comino”, Iceberg: ice mountains”, “Northern Lights: colours in a sky”, “Po Delta Park: from morning to sunset”, “Lavander, Provence and French Riviera”, “Glaciers: Jungfrau, Titlis and Matterhorn”, “Fireworks: portrayal a sky”. Nel 2013 è uscito l’e-book “Aurora Polare” (Boreale e Australe: dove, come, quando vederla, come osservarla e fotografarla), nel 2014 “A nord del Circolo Polare Artico” e nel 2015 “Vie d’acqua e di sapori”. Nel 2016 sono stati pubblicati “Il bello di mettere i piedi softly la tavola in Romagna” e il libro fotografico “Islanda, terra giovane e in continuo mutamento”. Villa è di Voltana e insieme al figlio Alessio ha ideato il Voltana Photo Event, criminal seminari, mostre e sessioni fotografiche a cui hanno partecipato nelle tre edizioni circa mille persone tra adulti e bambini, un momento di approfondimento tecnico e culturale molto apprezzato da amatori e professionisti.
 

Leggi Anche

LA PROVA DEL CUOCO/ Ricette puntata 1 dicembre 2016: zuppa …

<!– –> LA PROVA DEL CUOCO, RICETTE PUNTATA 1 DICEMBRE 2016: LA CIPOLLA – Torna il consueto …