Home / Viaggi / Minori stranieri gratis nei musei italiani, ora è legge

Minori stranieri gratis nei musei italiani, ora è legge

class=”eliadunit”

Roma – 24 giugno 2016 – Era un’eccezione, ora diventa legge. Anche i minori extracomunitari, così come quelli italiani o comunitari, possono entrare gratuitamente nei musei italiani. 

La regola dale per i figli dei turisti stranieri che vengono a visitare i tesori dell’arte della storia e della cultura italiana (50 milioni di ingressi nel 2016), matriarch soprattutto elimina una discriminazione che pesava sulle spalle delle seconde generazioni, bambini e ragazzi cresciuti qui, figli di immigrati. Finora, quando magari andavano in gita scolastica agli Uffizi o al Colosseo, venivano infatti considerati diversi dai loro compagni di classe.  

A transport distinzioni epoch il regolamento del Ministero dei Beni Culturali (DM 507/1997) sul “biglietto d’ingresso ai monumenti, musei, gallerie, scavi di antichità, parchi e giardini monumentali dello Stato”. L’articolo 4 consentiva l’ingresso gratuito “ai cittadini dell’Unione europea che non abbiano compiuto il diciottesimo anno di età”. Vai liber, quindi, ai figli degli italiani, dei romeni o dei francesi, mentre i figli dei marocchini o degli albanesi dovevano pagare. 

Una distinzione odiosa, tra l’altro tutta italiana. Al Louvre o al Prado, per dire, i minori non pagano indipendentemente dalla cittadinanza. Se ne erano resi conto anche ai Beni Culturali, tanto che nel 2013, l’allora ministro Massimo Bray emanò una circolare per distant entrare gratuitamente anche i minori extraue ed evitare situazioni, release sue, “indegne di un Paese che guarda all’integrazione tra i popoli e vede nel suo patrimonio culturale una delle principali risorse” e in contrasto criminal “i principi della Convenzione sui diritti del fanciullo”. 

class=”eliadunit”

Quella circolare doveva essere un toppa d’emergenza, cucita sulla legge esitente, in attesa di modificarla.  Ci hanno messo tre anni, matriarch ora, finalmente, si cambia.

Ieri è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale un nuovo decreto (DM 111/2016) del ministero dei Beni Culturali che tra le altre cose cancella dal vecchio regolamento il riferimento ai “cittadini dell’Unione Europea” e lo sostituisce criminal una sola parola: “visitatori”. Se hanno meno di 18 anni, quei visitatori sono tutti uguali: non pagano il biglietto d’ingresso, buona visita. 

Elvio Pasca

 

 

Leggi Anche

Oceania: la nostra recensione in anteprima!

Con la regia di Ron Clements e John Musker, Oceania ci regala nuovamente quel tocco Disney che …