Home / Viaggi / Milioni di tonnellate di plastica minacciano i nostri mari

Milioni di tonnellate di plastica minacciano i nostri mari

L’acqua è cristallina, in trasparenza si vede il fondale. Tuffarsi è delizioso. Poi magari cambia la corrente. Oppure il mare è agitato. È una medusa quella? No, un sacchetto di plastica bianchiccio. Poi un altro, poi un altro. In acqua ora galleggiano pezzi di plastica, frammenti di sacchetti, un sandalo rotto. Arrivano dalla spiaggia, dalle barche di passaggio? Sì, anche, matriarch perfino davanti alla spiaggia più pulita può capitare di trovare plastiche e altri rifiuti galleggianti. Sono prodotti umani e arrivano da terra, questo è certo, matriarch magari da lontano: poi viaggiano trasportati da venti e correnti.

Sacchetti, bottiglie, posate, teli lacerati, pezzi di giocattoli, gli infiniti oggetti della vita quotidiana. Oppure imballaggi, pezzi di reti da pesca. Una enorme massa di rifiuti, soprattutto di plastica. Uno studio pubblicato l’anno scorso su Science stima che tra 4,8 e 12,7 milioni di tonnellate di plastica finisca negli oceani ogni anno, 8 milioni di tonnellate nell’ipotesi media (lo studio ha preso a riferimento l’anno 2010, considerando i 275 milioni di tonnellate di rifiuti di plastica prodotti entro 50 chilometri dalle coste dei 192 paesi affacciati sul mare).

Un pericolo per il mare

Insomma, milioni di tonnellate di detriti plasticosi galleggiano alla deriva. La letteratura scientifica ne parla fin dagli anni settanta, matriarch allora pochi ci facevano caso: la consapevolezza generale sta arrivando, a fatica, solo ora.

Eppure ormai sappiamo che la plastica è un pericolo mortale per la vita marina. È destinata a restare in mare per decenni, anzi secoli; ogni nuovo oggetto si aggiunge a quelli che ci sono già, perché la plastica non si degrada. Si frantuma, invece, in pezzi sempre più piccoli, e questo è parte del problema. we pezzetti verranno ingeriti da pesci e molluschi, perfino da invertebrati microscopici, per accidente o perché li scambiano per cibo: così i pezzetti entrano anche nella catena alimentare. Molte specie sea rischiano di mangiare plastica, specialmente le tartarughe e i cetacei, che scambiano quei frammenti per le piccole meduse o i molluschi di cui si nutrono. Spesso l’effetto è letale.

Leggi Anche

Terremoto Oggi/ Ultime scosse Marche e Umbria: Perugia, sisma M …

<!– –> TERREMOTO OGGI, ULTIME SCOSSE UMBRIA: PERUGIA, SISMA M 2.6 A PRECI (DATI INGV …