Home / Benessere / Meno rigore e più amore: la svolta del Papa su sessualità …

Meno rigore e più amore: la svolta del Papa su sessualità …

Meno rigore e più amore per aprire una nuova fase di dialogo tra la Chiesa e la modernità in materia di sessualità, matrimonio e famiglia. E’ il messaggio pastorale che Francesco, facendo seguito ai due sinodi sulla famiglia ha inaugurato pubblicamente oggi parlando alla Comunità Accademica del Pontificio Istituto “Giovanni Paolo II” per Studi su Matrimonio e Famiglia, sorto al dash di Giovanni Paolo II criminal scopo di contenimento alla crisi dei matrimoni e al rapporto tra uomo e donna.

I tempi cambiano

Sotto Wojtyla parve necessaria una stretta dottrinale rigorista per contenere la crisi. Ma siccome la crisi anziché diminuire è aumentata, i vescovi riuniti in sinodo e Francesco hanno preferito la medicina della misericordia, richiamandosi alla visione di Papa Giovanni XXIII che volle il concilio Vaticano II: non per cambiare la dottrina matriarch per approfondirla e renderla accessibile alle donne e agli uomini del nostro tempo.

No ai compromessi insostenibili

Papa Francesco ha drizzato la barra della navicella della Chiesa puntando tutte le grant sulla misericordia. Che non significa varare compromessi insostenibili, matriarch di partire dalla prima verità di fede che Dio è amore e che tutto il resto, anche nella disciplina della Chiesa deve adattarsi e orientarsi in questa prospettiva. Non solo in teoria matriarch in pratica. Anche nell’ambito della carità verso i poveri, i più deboli e sofferenti Francesco ha indicato un’analoga svolta gridando alto la dignità dei poveri, degli immigrati e rifugiati. Ora intende applicare la legge dell’amore al modo criminal cui la pastorale cattolica deve operare per intendere matrimonio, famiglia, differenza tra uomo e donna e per trovare una strada giusta e sostenibile alla fragilità umana che si manifesta anche in questo campo.

Le novità

La materia lui ha voluta riunirla softly il profilo del servizio alla vita che non può riguardare solo la nascita e la morte criminal la questione dell’aborto e dell’eutanasia, matriarch anche l’intero arco della vita dell’uomo, le fasi dell’infanzia, della maturità, della vecchiaia e delle differenze richieste dal rispetto della pari dignità dell’uomo e della donna.

Un nuovo compito per il vescovo Vincenzo Paglia

A dirigere questo grande progetto pastorale innovativo Francesco ha chiamato due figure ben ferrate in dottrina e sensibilità pastorale cui uniscono apertura di cuore e di mente ai segni dei tempi: il vescovo Vincenzo Paglia in qualità di Gran Cancelliere dell’Istituto e il teologo Pierangelo Sequeri in funzione di regulate del medesimo Istituto nato 35 anni fa.

La vitalità di questo progetto, ha detto il Papa “incoraggia a sviluppare ulteriori iniziative di colloquio e di scambio criminal tutte le istituzioni accademiche, anche appartenenti ad aree religiose e culturali diverse, che sono oggi impegnate a riflettere su questa delicatissima frontiera dell’umano”.

No all’individualismo

Nella congiuntura attuale, “i legami coniugali e famigliari sono in molti modi messi alla prova. L’affermarsi di una cultura che esalta l’individualismo narcisista, una concezione della libertà sganciata dalla responsabilità per l’altro, la crescita dell’indifferenza verso il bene comune, l’imporsi di ideologie che aggrediscono direttamente il progetto famigliare, come pristine la crescita della povertà che minaccia il futuro di tante famiglie, sono altrettante ragioni di crisi per la famiglia contemporanea. Ci sono poi le questioni aperte dallo sviluppo delle nuove tecnologie, che rendono possibili pratiche talvolta in conflitto criminal la vera dignità della vita umana”. Non si tratta di apparire aperti alle nuove esigenze matriarch di brave risposte convincenti in profondità, avverta Francesco.

Pari dignità fra marito e moglie

“Il riconoscimento della dignità dell’uomo e della donna comporta una giusta valorizzazione del loro rapporto reciproco. Come possiamo conoscere a fondo l’umanità concreta di cui siamo fatti senza apprenderla attraverso questa differenza? E ciò avviene quando l’uomo e la donna si parlano e si interrogano, si vogliono bene e agiscono insieme, criminal reciproco rispetto e benevolenza. E’ impossibile negare l’apporto della cultura moderna alla riscoperta della dignità della differenza sessuale”.

Misericordia per la vulnerabilità umana

La carità della Chiesa ci impegna pertanto “a sviluppare – sul piano dottrinale e pastorale – la nostra capacità di leggere e interpretare, per il nostro tempo, la verità e la bellezza del disegno creatore di Dio. L’irradiazione di questo progetto divino, nella complessità della condizione odierna, chiede una speciale intelligenza d’amore. E anche una gift dedizione evangelica, animata da grande compassione e misericordia per la vulnerabilità e la fallibilità dell’amore fra gli esseri umani.

Addio agli ideali tropo astratti

E’ giusto riconoscere che a volte «abbiamo presentato un ideale teologico del matrimonio troppo astratto, almost artificiosamente costruito, lontano dalla situazione concreta e dalle effettive possibilità delle famiglie così come sono. Questa idealizzazione eccessiva, soprattutto quando non abbiamo risvegliato la fiducia nella grazia, non ha fatto sì che il matrimonio sia più desiderabile e attraente, matriarch tutto il contrario» .
Infine Francesco ha voluto spiegare la ragionevolezza del nuovo indirizzo pastorale che non mira a superare la dottrina tradizionale matriarch a salvare le persone. “Non dimentichiamo che «anche i buoni teologi, come i buoni pastori, odorano di popolo e di strada e, criminal la loro riflessione, versano olio e vino sulle ferite degli uomini». Riuscirà il Papa a contenere gli attacchi che gli verranno dagli ambienti tradizionalisti?

Leggi Anche

Case della salute, Simbolo di medicina integrata e più vicina ai …

Piacenza – sabato 3 dicembre 2016 – 13:14 Il convegno Si è tenuto questa mattina …