Home / Benessere / Medicina e salute in montagna, il nuovo libro – DiscoveryAlps

Medicina e salute in montagna, il nuovo libro – DiscoveryAlps

Il libro Medicina e Salute in Montagna (Hoepli edizioni, euro 22,90), che ha avuto un meritato successo nella prima edizione, esce ora rivisto con alcune aggiunte e curiosità, derivate, come ha sottolineato l’autrice, «dalla frequentazione di convegni nazionali e internazionali, utili e stimolanti per l’aggiornamento».

L’approccio sicuro alla montagna implica una buona conoscenza della geografia, della meteorologia, dell’abbigliamento, dell’alimentazione e dell’allenamento necessari e infine delle principali malattie derivanti dalla frequentazione dell’ambiente montano in genere e dell’alta quota in particolare, per poterle prevenire o saperle riconoscere e curare tempestivamente.

Il testo affronta quindi le caratteristiche del clima di montagna e le risposte dell’organismo alle mutate condizioni ambientali (freddo, minor disponibilità dell’ossigeno, maggiore irradiazione solare ecc.), le differenze nelle capacità di esercizio tra la bassa e l’alta quota, il mal di montagna nelle sue varie forme, la preparazione, l’allenamento e l’alimentazione per affrontare sia la gita di un giorno sia trekking e ascensioni lunghi e impegnativi. Alcuni capitoli sono dedicati alla possibilità di frequentare la montagna da parte di persone portatrici di malattie croniche, come diabetici, cardiopatici, broncopneumopatici e altri ancora e le attenzioni da riservare alle donne in gravidanza, ai bambini e agli anziani.

L’ultimo capitolo “Cosa fare se…” affronta una miscellanea di situazioni particolari, dai morsi di insetti e vipere ai fulmini al trattamento delle vesciche, tra i disturbi più frequenti che colpiscono gli escursionisti, fornendo piccoli, ma preziosi, consigli. L’appendice tratta dell’adattamento genetico all’alta quota di uomini e animali, quali i tibetani, gli yak e l’oca indiana, uccello che durante le migrazioni raggiunge rapidamente quote intorno ai settemila metri. I capitoli sono inframmezzati da curiosità che rendono la lettura piacevole anche per i non addetti ai lavori e il linguaggio, pur essendo sempre rigoroso, è volutamente semplice affinché il libro sia fruibile da tutti.

Annalisa Cogo è professore associato di Metodi e didattiche dell’attività motoria all’Università di Ferrara. E’ tra i soci fondatori della Società italiana di medicina di montagna, di cui è stata presidente per due mandati, ed è alpinista e scialpinista. La prefazione del libro è stata curata da Maria Antonia Sironi che racconta alcune esperienze personali in alta quota.

testo di Oriana Pecchio


 



Leggi Anche

Amore Criminale, anticipazioni stasera, domenica 18 febbraio 2018

Amore Criminale ci aspetta questa sera, domenica 18 febbraio 2018, con la sesta puntata. Il programma …