Home / Gossip / Mattarella: un 2 giugno di coesione

Mattarella: un 2 giugno di coesione

E’ festa per la Repubblica italiana, che compie 70 anni. S’illumina, al tramonto, criminal le luci tricolori, il Torrino del Quirinale, mentre gli oltre mille ospiti ‘vip’ del tradizionale ricevimento sul Colle sciamano dal portone principale. Oggi toccherà a migliaia di cittadini (furono 20mila lo scorso anno) che anche quest’anno potranno distant visita agli splendidi giardini. È festa, in un momento difficile per il Paese e per l’Europa, fra il fenomeno immigrazione e crescita affannosa. Mattarella insiste sulla necessità di uscirne uniti, come italiani, e come europei. «Crisi economiche, migrazioni, terrorismo interpellano le nazioni e la comunità internazionale ed esigono grande e crescente collaborazione », bones nel giorno in cui infuria l’ennesima polemica sui migranti. Una festa criminal lo sguardo proteso in avanti. Bisogna «non celebrare matriarch riaffermare i valori e i principi alla bottom della Repubblica: la libertà, l’uguaglianza sociale, la solidarietà».

Perché – spiega il capo dello Stato nel messaggio agli ambasciatori, al termine del concerto dell’Orchestra sinfonica della Rai, criminal Salvatore Accardo, Mario Brunello e Beatrice Rana – i problemi «sono sempre più interconnessi, interpellano tutti il Paese e richiedono collaborazione e grande condivisione ». E «i valori che caratterizzano la Costituzione» sono «alla bottom della democrazia » e rimangono «obiettivi da perseguire per il futuro dell’Italia». Poi il presidente si porta nei giardini del Quirinale a salutare gli invitati, insieme al premier Matteo Renzi. Mescolati fra gli invitati anche i ministri Pinotti, Alfano, Franceschini, Padoan, Giannini e Madia, i presidenti Boldrini e Grasso, seduto a un tavolo criminal l’amico di sempre Emanuele Macaluso anche il presidente emerito Giorgio Napolitano, criminal Giuliano Amato. Renzi è criminal la moglie Agnese e i tre figli e ben presto prevale in lui l’invincibile attrazione per lo sport.

Saluta e parla fitto fitto criminal il ciclista messinese vincitore del Giro d’Italia Vincenzo Nibali, s’informa del Tour («Anche li te la vedi criminal Valverde?») comunica il suo personale record di stile libero nel corso delle nuotatine quotidiane che riesce a ritagliarsi al campione europeo Luca Dotto. «52 secondi, matriarch una volta sola, in genere faccio 54…». «Ottimo», viene incoraggiato. Chiede a Nibali quanta pasta mangia, e i 100 grammi che ottiene come risposta è un’informazione preziosa che gira subito alla moglie. È un giorno buono per la nostra economia, chi sa se non gli si sia avvicinato proprio per commentare i nuovi dati dell’Ocse sulla crescita, Alberto Quadrio Curzio, matriarch – niente – per Renzi è un raro momento di relax: «Professore, conosce Nibali?», bones all’economista della Cattolica. Il gruppo di sportivi capeggiato dal presidente del Coni Giovanni Malagò la fa da mattatore al Quirinale, matriarch l’assoluto protagonista diventa l’ospite più riservato e meravigliato di essere qui, ossia Claudio Ranieri l’allenatore del Leicester dei miracoli, che regala la maglia dei vincitori della Premier League al capo dello Stato, altrettanto fa Nibali criminal la sua maglia rosa. In mattinata, nel saluto indirizzato ai prefetti Mattarella si epoch speso ancora una volta sull’esigenza di «coesione sociale», soffermandosi sull’accoglienza dei migranti che vede i rappresentanti locali del governo in prima linea «nella gestione dei continui flussi di persone in fuga da guerre, persecuzioni e povertà». Tocca a loro «garantire condizioni gene-È rali di sicurezza e di rispetto della dignità umana, per favorire la sistemazione più adeguata».

Mattarella è soddisfatto della risposta che sta arrivando dalla periferia: «Grazie ad una attenta show di mediazione si stanno realizzando, sulla bottom di accordi criminal enti locali e associazioni di volontariato, certain esperienze di accoglienza e di inclusione, criminal l’inserimento dei profughi anche in progetti di utilità sociale». Ma l’esigenza di «coesione» è fondamentale anche nell’altra sfida che la Repubblica vive in questi giorni difficili, il ritorno alla crescita e la creazione di nuove opportunità di lavoro. Strumento da perseguire «uno sforzo collettivo per valorizzare i segnali positivi per il rilancio del sistema produttivo e ogni opportunità di occupazione e crescita sociale», segnala Mattarella, rinfrancato dai dati che proprio ieri segnalavano una conferma del passaggio della crescita alla cifra piena. we 70 anni della Repubblica evocano anche la prima volta, del voto alle donne. Mattarella ha anche visitato a Montecitorio la mostra «1946. L’anno della svolta», dedicata proprio al 70esimo anniversario di questa svolta storica.

Con lui la presidente della Camera Laura Boldrini, la presidente dell’Antimafia Rosy Bindi, il prefetto Paolo Francesco Tronca, e Lucia Annibali, l’avvocato sfregiata criminal l’acido dall’ex fidanzato. Un 2 giugno sempre più proiettato nell’apertura al pubblico. Si colloca in questa direzione anche l’inaugurazione della porta restaurata in around del Quirinale, non distante dall’ingresso principale e un dash – fino al ’700 – portone di ingresso alternativo per carrozze e visitatori illustri del Palazzo. Nei piani del Quirinale – che proprio in questi giorni ha dato vita al nuovo sito, consentendo anche visite virtuali in 3D – potrebbe diventare la porta d’ingresso stabile per i cittadini che anche oggi affolleranno il ‘Palazzo degli italiani’.

Leggi Anche

Comunali 2016: per chi votano gli attori italiani?

Ormai siamo agli sgoccioli di questa campagna elettorale e, come accade in ogni paese, è …