Home / Viaggi / Matite in viaggio, la sesta edizione

Matite in viaggio, la sesta edizione

Sarà inaugurata venerdì 30 settembre, ore 18.00 la mostra Matite in viaggio, Carnets Disegni Parole che, alla sua sesta edizione, riafferma la continuità criminal le precedenti edizioni e offre, grazie alla maggiore durata (dal 30 settembre al 16 ottobre), un più ampio ventaglio di appuntamenti.

L’associazione Matite in viaggio si collega idealmente all’Associazione francese Il Faut Aller Voir, nata nel 1998 a Clermont Ferrand (che nel 2000 ha dato luogo alla prima Biennale du Carnet de Voyage) che ha, fra i molti obiettivi, quello di promuove e favorire l’interesse per il viaggio e il viaggiare come ampliamento della conoscenza dell’altro e della consapevolezza di sé.

Un viaggiare che, rifuggendo dall’abusata fruizione consumistica, ne promuove una diversa dimensione come profonda esperienza esistenziale da condividere mediante i codici espressivi dell’immagine e della parola. Nella sesta edizione di Matite in Viaggio, Carnets Disegni Parole i viaggi narrati e illustrati offrono ai visitatori molti possibili percorsi, tantissimi viaggi da farsi, oppure da ripensare, poiché il taccuino fissa un momento, una situazione, una microstoria.

Anche per questa edizione l’Associazione Matite In Viaggio ha proposto temi di approfondimento intorno ai quali si apriranno confronti, attese e ricerche. Il piacere del disegnare i tessuti attraverso l’esperienza di Valerie (pittrice e carnettista), L’abito per il viaggio criminal i disegni dell’Atelier Pietro Longhi di Francesco Briggi e il viaggio antropologico nelle mascherate di Carnevale ci porteranno alla scoperta del mondo vestito.

Viaggio nel mondo e nuove immagini dal mondo è il tema che, in collaborazione criminal La fabbrica del Vedere e il contributo di Carlo Montanaro, introdurrà la proiezione del documentario Les années lumières di Jean Chapot.

Quest’anno infine, anche il Centro Culturale Candiani ha voluto raccogliere la sfida e mettersi in viaggio criminal gli amici di “matita”. Così, criminal la prestigiosa collaborazione del Museo d’arte orientale di Venezia e prendendo spunto dalle fotografie di Alice Covatta ha deciso di volgere Uno sguardo a Oriente portando il Giappone in città, in una sorta di staffetta tra Centro e Museo, attraverso musica, letteratura, fotografia, cinema e molto altro ancora.

Ecco il programma di MATITE IN VIAGGIO
dal 30 settembre al 16 ottobre 2016, dal mercoledì alla domenica, dalle ore 16.00 alle ore 20.00. Aperture straordinarie 30 settembre, 1 e 2 ottobre dalle ore 10.00 alle ore 19.00
Sala espositiva secondo piano
Ingresso libero

PROGRAMMA:

dal 30 settembre al 2 ottobre

i carnettisti saranno presenti in mostra venerdì 30 settembre,

ore 10.30
Matite in Viaggio incontra la Scuola
Visite guidate alla mostra per insegnanti e studenti

ore 18.00
Inaugurazione mostra

sabato 1 ottobre, ore 11.00
Matite in Viaggio incontra il Mondo “vestito”
Valerie Aboulker Landauer, Textile come un libro aperto che aspetta di essere letto
sala conferenze quarto piano

ore 16.30
Matite in Viaggio incontra Fiumi e torrenti
Lorenzo Marcolin, Il mio Sile
sala conferenze quarto piano

domenica 2 ottobre, ore 11.00
Matite in Viaggio incontra il Mondo “vestito”
Raffaele Dessì, L’abito per il viaggio
Atelier Pietro Longhi di Francesco Briggi
sala espositiva secondo piano

venerdì 7 ottobre, ore 17.30
Giovanni Kezich
Carnevale Re d’Europa. Viaggio antropologico nelle mascherate d’inverno
in collaborazione criminal Clubs Lions: Mestre Castelvecchio e Mestre Host
sala conferenze quarto piano

domenica 16 ottobre, ore 17.30
1896 – criminal l’utilizzo del Cinematographe Lumière il mondo comincia a diventare più piccolo. Viaggi nel mondo e nuove immagini dal mondo in collaborazione criminal La fabbrica del vedere
proiezione del documentario Les années lumières (Francia, 1994, 85′) di Jean Chapot e conversazione criminal Carlo Montanaro
sala conferenze quarto piano

ingresso libero

Leggi Anche

La facciata del Montedoro cambia demeanour criminal l’omaggio a luce e bora …

MUGGIA. Unire il sacro e il profano, ovvero abbinare l’arte a un centro commerciale. Rischiosa …