Home / Cucina / Mangiacinema: a Salsomaggiore la festa dei film e della buona cucina

Mangiacinema: a Salsomaggiore la festa dei film e della buona cucina

La scena di Miseria e Nobiltà in cui Totò mangia gli spaghetti con le mani, quella di un Americano a Roma in cui Alberto Sordi rinuncia al suo toast sempre per gli spaghetti, la mitica frittata di Fantozzi: gli esempi di scene culto del cinema (e di interi film) legate al cibo sono infinite, e da qui parte Mangiacinema, il festival che dal 26 settembre al 3 ottobre celebra ancora una volta l’amore per le pellicole e i grandi autori con quello delle cose buone da mangiare a Salsomaggiore Terme (Parma), nel cuore della Food Valley italiana.

GLI OSPITI E GLI APPUNTAMENTI
Alla sua quinta edizione, ogni anno il festival diretto da Gianluigi Negri omaggia un grande autore. Quest’anno è la volta di Pupi Avati che con il fratello Antonio, inseparabile braccio destro che cura la produzione dei suoi film, celebra i cinquant’anni di cinema: il 29 settembre saranno celebrati con il premio Creatore di Sogni e con una torta monumentale che concluderà uno dei più attesi appuntamenti in programma.

Ci saranno 50 incontri (tutti gratuiti) tra proiezioni, dibattiti, reading, con attori, registi, autori ma anche musicisti: si terranno alle Terme Berzieri, il Cinema Odeon e le Terme Baistrocchi e si concluderanno con assaggi (o intere cene) di creazioni gourmet e sempre a tema preparate da chef e pasticceri emiliani. Tra gli altri imperdibili la cena di gala del 27 settembre dedicata ai fratelli Avati (con menù speciale ma anche diversi show cooking durante la serata, tra i quali quello dell’attore e chef Vito) e quello del 3 ottobre con Mariagrazia Cucinotta che chiuderà il festival raccontando dei suoi progetti futuri, dei suoi film celebri come Il Postino e della sua grande passione per la cucina mediterranea anche durante uno showcooking (e prima di un maxibuffet di chiusura).

Maria Grazia Cucinotta: «Masterchef? Mi è venuta l’ansia»

E POI
Nei giorni di Mangiacinema si potrà anche approfittare di visite guidate a caseifici e salumifici storici della zona e, se preferite mettervi alla prova, propongono anche diversi laboratori per imparare, ad esempio, a fare formaggi, marmellate, e naturalmente pasta. In Emilia non si può non fare. Per vedere il programma completo cliccate su www.mangiacinema.it. Nella gallery sopra alcune foto

Top stories

More

Cinema

«Animali Fantastici 2»: tutti pazzi per il ritorno di Regbo e Bower

Cinema

«Dogman» è il film scelto dall’Italia per la corsa agli Oscar 2019

Cinema

«Tutti in piedi»: la disabilità è tutta da ridere

Leggi Anche

Abete, pietra e comfort in una cucina sulle Dolomiti

Una casa di montagna, proprio come da immaginario, costruita con lo stile e i materiali …